Lando Buzzanca

Da emergente attore siciliano in cerca di fortuna, al grande pubblico italiano, che gli ha saputo regalare fama e appeal, che hanno consentito a Lando Buzzanca, negli anni, di divenire un caratterista 'Don Giovanni', e attore dalla spiccata vena comica e dalla recitazione spontanea.

Lando Buzzanca: Homo Heroticus

(Palermo, 24 agosto 1935)

Lando Buzzanca BioPalermitano DOC, Lando Buzzanca, attore e cantante, è noto soprattutto per aver interpretato numerose commedie sexy, in cui ha incarnato lo stereotipo del maschio siciliano, o comunque dell’uomo ‘voglioso’, conquistatore a tutti i costi, che si prodiga in ogni modo per attirare sessualmente il gentil sesso.

Figlio d’arte (il padre Empedocle era un attore) Lando Buzzanca, il cui vero nome è Gerlando, nasce a Palermo il 24 agosto del 1935, ma giovanissimo si trasferisce a Roma, dove studia recitazione all’Accademia Sharoff e, per mantenersi, svolge diversi lavori. Si sposa giovanissimo con la moglie Lucia, madre dei suoi due figli, alla quale sarà legato fino alla morte di lei.

Cinema e tv, la poliedricità di Lando Buzzanca

Esordisce come comparsa in “Ben Hur” (1959) di William Wyler, per poi essere scelto da Pietro Germi che, nel 1961, lo include nel cast di “Divorzio all’italiana” con Marcello Mastroianni e Stefania Sandrelli. Sarà diretto nuovamente da Germi nel 1964 in "Sedotta e abbandonata" dove reciterà ancora con Stefania Sandrelli.

Intanto inizia a lavorare anche per la TV, partecipando a sceneggiati come “La trincea” (1961) e “Il mondo è una prigione” (1962), entrambi di Vittorio Cottafavi.

Sebbene le sue scelte professionali non saranno sempre felici, ha la fortuna di essere scelto da registi importanti come: Elio Petri nel drammatico “I giorni contati” (1962), Dino Risi nel cult “I mostri” (1963), Castellano e Pipolo nel loro esordio alla regia “I marziani hanno 12 mani” (1964), Steno in “Letti sbagliati” (1965) con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, Luigi Zampa nel film a episodi “I nostri mariti” (1966) e “Le dolci signore” (1967) e Alberto Lattuada che lo rende per la prima volta protagonista con “Don Giovanni in Sicilia” (1967).

Lando Buzzanca: una carriera costruita tra film parodia e commedie erotiche

Lando Buzzanca sorrisoRecita in film parodia, tanto di moda durante gli anni Sessanta e Settanta come: “James Tont operazione U.N.O.” (1965), “James Tont operazione D.U.E.” (1966) “Ringo e Gringo contro tutti” (1966) diretti da Bruno Corbucci (fratello del più noto Sergio); “Per qualche dollaro in meno” (1966) di Mario Mattoli e “Dalla Cina furia fifa e karatè” (1974) di Sergio Corbucci.

Poco apprezzato dalla critica, riscuote invece il consenso del pubblico che lo ama anche in TV dove, con Delia Scala, interpreta “Signore e Signora”, una delle prime sitcom italiane.

Il filone delle commedie erotiche, che gli assicurano il vero successo anche a livello internazionale, inizia con “Il merlo maschio” (1971) di Pasquale Festa Campanile, dove fa coppia con Laura Antonelli. Da questo momento in poi lavora affianco ad attrici bellissime, tra cui: Catherine Spaak in “La schiava io ce l'ho e tu no” (1973), Joan Collins ne “L’arbitro” (1974), Sylva Koscina in “Il cav. Costante Nicosia demoniaco ovvero: Dracula in Brianza” (1975) di Lucio Fulci. Alla base di queste storie il sesso si accompagna sempre all'ilarità della situazione in cui il maschio protagonista o è frustrato sessualmente o è oberato dalle ‘attività’ di coppia.

Lando Buzzanca: l'esperienza in radio e il teatro

Definito da alcuni giornalisti un "Homo Eroticus", uomo a metà tra l’Erectus e il Sapiens, dal titolo di un film da lui interpretato nel 1971, Lando Buzzanca si afferma come uno dei protagonisti della commedia sexy, fin quando quest’ultima si involgarisce maggiormente, facendo il successo di attori come Alvaro Vitali o Gianfranco D’Angelo.

A questo punto della sua carriera Buzzanca preferisce la radio dove si afferma il personaggio Buzzanco, già tratteggiato in “Signore e signora”, o il teatro con lavori come “La scuola delle mogli” (1990), “La cena delle beffe” (1991) e “Liolà” (1994).

Lo ritroviamo al cinema in “Secondo Ponzio Pilato” (1987) di Luigi Magni con Nino Manfredi; in “Tutti gli anni una volta l'anno” (1995) nel cui cast figura anche Vittorio Gassman; “Il popolo degli uccelli” (1999) in cui torna ad essere protagonista, e ne “I Vicerè” (2007) di Roberto Faenza, in cui riveste il ruolo del principe Giacomo.

Tra le partecipazioni televisive meritano menzione: la fiction del 2005 “Mio figlio” di Luciano Odorisio, in cui è il padre di un giovane omosessuale, “La baronessa di Carini” (2007) dove lo ricordiamo nei panni dell’eccentrico Don Ippolito, “Chiara e Francesco” (2007) per il quale si trasforma nel padre di San Francesco, “Lo scandalo della Banca Romana” (2010) con Beppe Fiorello e “Capri 3” (2010).

Nell’estate del 2014, dopo diverse voci a riguardo, Lando Buzzanca confessa al settimanale “Oggi” di aver tentato il suicidio, provando a tagliarsi le vene il 7 agosto del 2013.

Paolo Rivelli

Lando Buzzanca Filmografia - Cinema

Lando Buzzanca Filmografia

  • Ben-Hur, regia di William Wyler (1959)
  • Divorzio all'italiana, regia di Pietro Germi (1961)
  • I giorni contati, regia di Elio Petri (1962)
  • La parmigiana, regia di Antonio Pietrangeli (1963)
  • La smania addosso, regia di Marcello Andrei (1963)
  • Le monachine, regia di Luciano Salce (1963)
  • Tutto il bello dell'uomo, regia di Aldo Sinesio (1963)
  • I mostri, regia di Dino Risi (1963)
  • Senza sole né luna, regia di Luciano Ricci (1963)
  • Sedotta e abbandonata, regia di Pietro Germi (1964)
  • I marziani hanno 12 mani, regia di Castellano e Pipolo (1964)
  • Cadavere per signora, regia di Mario Mattoli (1964)
  • Il magnifico cornuto, regia di Antonio Pietrangeli (1964)
  • L'idea fissa, episodio "La prima notte", regia di Mino Guerrini e Gianni Puccini (1964)
  • Extraconiugale, episodio "La doccia", regia di Massimo Franciosa (1964)
  • Letti sbagliati, regia di Steno (1965)
  • James Tont operazione U.N.O., regia di Bruno Corbucci (1965)
  • Su e giù, regia di Mino Guerrini (1965)
  • Colpo grosso ma non troppo, regia di Gérard Oury (1965)
  • Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
  • James Tont operazione D.U.E., regia di Bruno Corbucci (1966)
  • Racconti a due piazze, regia di Gianni Puccini (1966)
  • Ringo e Gringo contro tutti, regia di Bruno Corbucci (1966)
  • Per qualche dollaro in meno, regia di Mario Mattoli (1966)
  • Caccia alla volpe, regia di Vittorio De Sica (1966)
  • I nostri mariti, episodio "Il marito di Olga", regia di Luigi Zampa (1966)
  • Spia spione, regia di Bruno Corbucci (1966)
  • Una Rosa per tutti, regia di Franco Rossi (1966)
  • Vaya con dios gringo, regia di Edoardo Mulargia (1966)
  • Don Giovanni in Sicilia, regia di Alberto Lattuada (1967)
  • Le dolci signore, regia di Luigi Zampa (1967)
  • Operazione San Pietro, regia di Lucio Fulci (1967)
  • Colpo di sole, regia di Mino Guerrini (1968)
  • Meglio vedova, regia di Duccio Tessari (1968)
  • 7 uomini e un cervello, regia di Rossano Brazzi (1968)
  • Il trionfo della casta Susanna, regia di Franz Antel (1969)
  • Quei temerari sulle loro pazze, scatenate, scalcinate carriole, regia di Ken Annakin (1969)
  • Professione bigamo, regia di Franz Antel (1969)
  • Puro siccome un Angelo papà mi fece monaco... di Monza, regia di Giovanni Grimaldi (1969)
  • La donna a una dimensione, non accreditato, regia di Bruno Baratti (1969)
  • Un caso di coscienza regia di Giovanni Grimaldi (1970)
  • Nel giorno del Signore, regia di Bruno Corbucci (1970)
  • Fermate il mondo... voglio scendere!, regia di Giancarlo Cobelli (1970)
  • Il debito coniugale, regia di Franco Prosperi (1970)
  • Quando le donne avevano la coda, regia di Pasquale Festa Campanile (1970)
  • Il prete sposato, regia di Marco Vicario (1970)
  • La prima notte del dottor Danieli, industriale, col complesso del... giocattolo, regia di Giovanni Grimaldi (1970)
  • Le belve, regia di Giovanni Grimaldi (1971)
  • Il vichingo venuto dal sud, regia di Steno (1971)
  • Homo Eroticus, regia di Marco Vicario (1971)
  • Il merlo maschio, regia di Pasquale Festa Campanile (1971)
  • Le inibizioni del dottor Gaudenzi, vedovo, col complesso della buonanima, regia di Giovanni Grimaldi (1971)
  • Quando le donne persero la coda, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
  • Nonostante le apparenze... e purché la nazione non lo sappia... All'onorevole piacciono le donne, regia di Lucio Fulci (1972)
  • Il sindacalista, regia di Luciano Salce (1972)
  • Jus primae noctis, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
  • L'uccello migratore, regia di Steno (1972)
  • La calandria, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
  • Il magnate, regia di Giovanni Grimaldi (1973)
  • Io e lui, regia di Luciano Salce (1973)
  • La schiava io ce l'ho e tu no, regia di Giorgio Capitani (1973)
  • Dalla Cina furia fifa e karatè, regia di Sergio Corbucci (1974)
  • L'arbitro, regia di Luigi Filippo D'Amico (1974)
  • Il domestico, regia di Luigi Filippo D'Amico (1974)
  • Bello come un arcangelo, regia di Alfredo Giannetti (1974)
  • Il fidanzamento, regia di Giovanni Grimaldi (1975)
  • Il cav. Costante Nicosia demoniaco ovvero: Dracula in Brianza, regia di Lucio Fulci (1975)
  • Il gatto mammone, regia di Nando Cicero (1975)
  • San Pasquale Baylonne protettore delle donne, regia di Luigi Filippo D'Amico (1976)
  • Travolto dagli affetti familiari, regia di Mauro Severino (1978)
  • Il pupazzo, regia di René Cardona Jr. (1979)
  • Prestami tua moglie, regia di Giuliano Carnimeo (1980)
  • Los Crápulas, regia di Jorge Pantano (1981)
  • Vado a vivere da solo, regia di Marco Risi (1982)
  • Secondo Ponzio Pilato, regia di Luigi Magni (1987)
  • O diabo na cama, regia di Michele Massimo Tarantini (1988)
  • Tutti gli anni una volta l'anno, regia di Gianfrancesco Lazotti (1994)
  • Il popolo degli uccelli, regia di Rocco Cesareo (1998)
  • Il segreto del giaguaro, regia di Antonello Fassari (2000)
  • Incidenti, episodio "Cari amici vicini e lontani", regia di Toni Trupia (2005)
  • I Vicerè, regia di Roberto Faenza (2007)
  • Chi salverà le rose?, regia di Cesare Furesi (2017)

Lando Buzzanca Filmografia - Televisione

  • Cinema (1988)
  • Cornetti al miele (1999)
  • Una famiglia per caso (2003)
  • Il cielo può attendere (2005)
  • Mio figlio (2005)
  • Chiara e Francesco (2007)
  • La baronessa di Carini (2007)
  • Io e mio figlio (2008)
  • Lo scandalo della Banca Romana (2010)
  • Capri 3 (2010)
  • I Vicerè (miniserie televisiva) (2010)
  • Il Restauratore (2012)
  • Terra ribelle - Il nuovo mondo (2012)
  • Il restauratore  (2012-2014)
  • Ballando con le stelle (varietà televisivo) (2016)
  • Meglio tardi che mai (docu-reality televisivo) (2017)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *