Jurassic World: Il Dominio (2022)

Jurassic World: Il Dominio (2022)

"Jurassic World : Il Dominio”? I dinosauri meritavano una fine migliore

Impossibile superare l’intramontabile "Jurassic Park" del '93 diretto dal maestro Steven Spielberg. Lo ha dimostrato anche Juan Antonio Bayona nel sopravvalutato "Jurassic World: Il Regno Distrutto", giocando con il genere horror e confezionando uno dei capitoli più autoriali della saga.

Come nostra abitudine mettiamo da subito in chiaro la nostra: “vorrei, ma posso”. Ecco cosa abbiamo pensato all’uscita dalla sala. Una buona prova, quella del talentuoso Trevorrow, che scompare però tra fan service ed esigenze di botteghino, soprattutto in questa pellicola, sulla carta ultimo ed epico capitolo del franchise. Il regista manca il bersaglio e non sfrutta con sapienza le frecce al suo arco, riproponendo situazioni già vissute e di gusto ormai preistorico, cadendo nella stretta maglia della nostalgia.

Quattro anni dopo la distruzione dell'Isola Nublar e l’arrivo dei dinosauri nel mondo contemporaneo, la società umana si trova costretta a una convivenza forzata con queste creature. Il prologo concepito sotto forma di documentario riassume molto bene la situazione e apre ai diversi fronti in campo, che di base sono due.

Il primo vede Owen Grady e Claire Dearing crescere un'ormai adolescente Maisie Lockwood, primo clone umano della storia e perno centrale del racconto. Nel secondo, la dottoressa Ellie Sattler unisce le forze con i vecchi amici e colleghi Alan Grant e Ian Malcolm per smascherare i piani di una pericolosa multinazionale. E con questo abbiamo definito la trama!

Tornando a noi: da questo momento in poi il ritmo è lento e il film va avanti privo di particolari momenti di adrenalina, lasciando il pubblico nella costante attesa dell’attimo di terrore che solo una grande e spaventosa, e credibile, creatura della preistoria può darti. E infatti non riesce quasi mai a entusiasmare salvo qualche sequenza ben ideata, citando qua e là il passato e anche alcune glorie cinematografiche come "Indiana Jones". La parte più dinamica e credibile è sicuramente Malta, quella più sfiancante è la lunga re-introduzione dei protagonisti nel primo atto. Fa poi sicuramente piacere rivedere i volti storici di Laura Dern e Sam Neill, ma non c'è reale commozione, non c'è coinvolgimento, nulla, se non fosse per il gusto di rivederli “più vecchi” nei loro panni d’avventurieri.

"Jurassic World - Il Dominio" non riesce a valorizzare al meglio il suo grande potenziale. Il film ha poco da aggiungere a quanto già detto nei cinque capitoli passati, che si tratti della legge del caos o della necessaria convivenza tra specie.

Allo stesso tempo le motivazioni di alcuni nuovi personaggi non vengono seriamente approfondite e restano appese al nulla cosmico e “preistorico”, in barba alla trama e all’assoluta necessità di dare una degna conclusione alle storie personali di ognuno di loro.

Sembra quasi una costante delle nuove produzioni a maxi budget hollywoodiane: la capacità di deludere premesse, promesse e aspettative, (vedi “Morbius”, “The Northman” e “Star Wars”) quest'ultimo "Jurassic World" non fa eccezione. Magari il futuro ci porterà in viaggi, forse più arditi e magari più originali, ma questo de "Il Dominio" è il finale che ci è stato consegnato, non un meteorite infuocato e distruttivo come ci aspettavamo, ma una pietra accomodante lanciata nello stagno cinematografico senza particolare riverbero.

È finita, sembra davvero finita. E per fortuna anche per i nostri “amici estinti”. Una cosa è certa: Spielberg li aveva disturbati a ragion veduta, d’ora in poi, almeno per qualche millennio ancora, lasciamoli riposare come meritano.

Jurassic World: Il dominio poster"Jurassic World - Il dominio" è un film diretto da Colin Trevorrow, sequel di "Jurassic World - Il regno distrutto" (2018) e sesto capitolo del franchise di "Jurassic Park".

La pellicola riporta in scena il vecchio cast: Chris Pratt e Bryce Dallas Howard sono infatti affiancati dalla vincitrice dell'Oscar® Laura Dern, Jeff Goldblum e Sam Neill, che riprenderanno rispettivamente i panni di Ellie Sattler, Ian Malcolm e Alan Grant.

Il ritorno del Cast include BD Wong nei panni del dottor Henry Wu, Justice Smith nel ruolo di Franklin Webb, Daniella Pineda in quello della dottoressa Zia Rodriguez e Omar Sy nei panni di Barry Sembenè.

  • Cast artistico, regia e curiosità 

Oltre ai già citati membri del cast, in "Jurassic World - Il dominio" troviamo: DeWanda Wise ("She's Gotta Have It"), il candidato agli Emmy Mamoudou Athie ("Archive 81"), Dichen Lachman ("Agents of S.H.I.E.L.D."), Scott Haze ("Minari") e Campbell Scott ("The Amazing Spider-Man 2").

"Jurassic World - Il Dominio" è diretto da Colin Trevorrow, che ha già diretto in modo vincente "Jurassic World - Il regno distrutto". La sceneggiatura è di Emily Carmichael e Colin Trevorrow da una storia di Derek Connolly ("Jurassic World") e Trevorrow, basata sui personaggi creati da Michael Crichton.

Il film, è stato pensato, non solo come finale della trilogia iniziata con il film del 2015 Jurassic World, ma anche come conclusione della storia iniziata nel 1993 con il film "Jurassic Park" diretto da Steven Spielberg. Le location utilizzate per le riprese includono i Pinewood Studios in Inghilterra, la Columbia britannica in Canada e l'isola di Malta.

Il budget del film è di 165 milioni di dollari. John Schwartzman, direttore della fotografia, ritorna dopo aver lavorato con Trevorrow al primo Jurassic World. Per questo film sono stati utilizzati più dinosauri animatronici rispetto ai precedenti film della trilogia di Jurassic World. Per il film sono stati creati circa 18 animatronici di varie dimensioni, tutti realizzati dal designer John Nolan.

Gli effetti visivi sono stati realizzati dalla Industrial Light & Magic. Il paleontologo Steve Brusatte è stato scelto come consulente scientifico del film, sostituendo lo storico paleontologo Jack Horner, il quale ha lavorato a tutti i film precedenti della saga.

La colonna sonora del film è stata composta da Michael Giacchino, il quale aveva già composto le colonne sonore di Jurassic World e Jurassic World - Il regno distrutto.

Jurassic World - Il dominio: trama

La narrazione si svolge quattro anni dopo la fine di "Jurassic World - Il regno distrutto" e la fine di Isla Nublar. I dinosauri coesistono insieme insieme agli umani sparsi per il mondo. Naturalmente si tratta di un equilibrio molto fragile che mette a dura prova la sopravvivenza dell'uomo, costretto a vivere con creature anche molto pericolose che vagano per la terra.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.