Jean Gabin

Jean Gabin è stato un attore francese, il più noto che si ricordi nella storia del cinema di questo Paese. Sovente interprete di ruoli importanti all'interno di film poi passati alla storia, Jean Gabin era noto per il suo fascino e la sua bravura come interprete cinematografico.

Jean Gabin, il gangster francese dal cuore d’oro

(Parigi, 17 maggio 1904 – Neuilly-sur-Seine, 15 novembre 1976)

Jean-Gabin Jean Gabin, il cui vero nome è Jean-Alexis Moncorgé, nasce a Parigi il 17 maggio del 1904 e cresce a Mériel, un paesino a pochi chilometri dalla capitale francese. I genitori sono attori di cabaret che lo introducono ben presto al mondo del palcoscenico.

A soli 19 anni Jean Gabin esordisce in una produzione delle Folies Bergères, continuando poi la sua gavetta nel teatro di varietà, genere fiorente nella Francia di inizio XX Secolo. Imitando lo stile, allora in voga, di Maurice Chevalier diventa così famoso da esibirsi nel celebre Moulin Rouge.

Notato da alcuni impresari cinematografici, grazie alla sua già evidente presenza scenica, comincia a recitare nel cinema muto a partire dal 1928. Pochi anni dopo, con la transizione al cinema sonoro, le case di produzione francesi cercano nuovi attori che sappiano anche cantare e recitare bene i dialoghi, Jean Gabin è l’uomo giusto al momento giusto e viene scritturato dall’importante Pathé Film nel 1930.

Il successo

Dopo un periodo di gavetta nel quale ricopre ruoli secondari, ma con registi celebri come Jacques Tourneur, Anatole Litvak o Wilhelm Pabst, il suo fascino al tempo stesso duro e sensibile viene scoperto da Julien Duvivier che lo rende protagonista di “Il giglio insanguinato” (1934).

Lo stesso Duvivier, negli anni seguente lo rende famoso in alcuni film di estremo successo, fra i quali “La bella brigata” (1936) e il celeberrimo “Pépé Le Moko” (1937), dove Jean Gabin interpreta un gangster dal cuore d’oro, diviso fra imprese criminali e disperato desiderio di redimersi. Il successo di quest’ultimo lavoro lancia Jean Gabin come sex symbol e attore feticcio della sua generazione. Jean Renoir lo consacra definitivamente rendendolo protagonista del dramma pacifista “La grande illusione”, nel quale recita accanto a uno straordinario Erich Von Stroheim, nel ruolo di un ufficiale francese prigioniero in un campo tedesco durante la Prima Guerra Mondiale.

Mentre sull’Europa si addensa la cappa del nazi-fascismo che lascia prevedere lo scoppio imminente della Seconda Guerra Mondiale, Jean Gabin rifiuta le numerose offerte di trasferirsi ad Hollywood e recita in un pugno di film molto importanti, fra i quali “Il porto delle nebbie” (1938) e “Alba Tragica” (1939) di Marcel Carné e “L’angelo del male” (1938) di Renoir.

Si tratta di film accomunati da un senso di disperazione esistenziale e di critica verso l’ipocrisia della società francese che verranno riscoperti nel dopoguerra e finiranno per influenzare anche la nascente Nouvelle Vague.

Gli anni della guerra

Jean Gabin FranciaGli anni Quaranta sono un periodo difficilissimo per Jean Gabin. Il suo paese viene invaso dai nazisti e rimane per lungo tempo diviso fra una zona occupata da truppe tedesche e un’altra sottoposta al regime-fantoccio del Maresciallo Pétain. Il numero e la qualità dei film che può interpretare diminuisce drammaticamente, mentre è in corso anche una tormentata storia d’amore con Marlene Dietrich.

Nel 1943 si arruola nelle truppe della Francia Libera del Generale De Gaulle e combatte in marina agli ordini dell’ammiraglio Gélinet. Alla fine del conflitto, a 41 anni, viene decorato con la croce di guerra e la sua popolarità sembra non conoscere limiti.

Nonostante, o forse proprio a causa, del suo fascino maturo, delle rughe e dei capelli bianchi, il successo ritorna quasi immediatamente. “La vergine scaltra” (1950) di Marcel Carné, tratta dal romanzo di George Simenon, è un incredibile successo di cassetta, a cui fa seguito il noir “Grisbi” (1954) di Jacques Becker, che descrive le vicissitudini di alcuni criminali che preparano il colpo della loro vita.

Gabin dimostra di sapersi districare bene anche nei ruoli da commedia, sfruttando il suo intenso senso dell’umorismo, per esempio in “La traversata di Parigi” (1956) di Claude Autant-Lara, affiancato dai comici Bourvil e Louis De Funès, per il quale riceve una Coppa Volpi a Venezia. Nel 1960, ormai considerato una colonna del cinema francese, riceve anche la prestigiosa Legion d’Onore.

A fine carriera Jean Gabin, oltre ad interpretare più volte il celebre commissario Maigret, affianca i giovani Alain Delon, Jean-Paul Belmondo e Gerard Depardieu in una serie di film noir come “Il clan dei Siciliani” (1969) “Due contro la città” (1973) o “L’affaire Dominici” (1973). Jean Gabin muore il 15 novembre del 1976.

Isabella Gasparutti

Jean Gabin Filmografia - Cinema

Jean Gabin attore

  • L'Héritage de Lilette, regia di Michel du Lac (Cortometraggio) (1930)
  • Les lions (Cortometraggio) (1930)
  • Chacun sa chance, regia di Hans Steinhoff, René Pujol (1930)
  • Méphisto, regia di Henri Debain, Nick Winter (1931)
  • Paris Béguin, regia di Augusto Genina (1931)
  • Pour un soir, regia di Jean Godard (1931)
  • Tout ça ne vaut pas l'amour, regia di Jacques Tourneur (1931)
  • Cœurs joyeux, regia di Hanns Schwarz, Max de Vaucorbeil (1931)
  • Gloria, regia di Hans Behrendt, Yvan Noé (1931)
  • Lo squadrone si diverte, regia di Maurice Tourneur (1932)
  • Cœur de lilas, regia di Anatole Litvak (1932)
  • La Belle Marinière, regia di Harry Lachmann (1932)
  • La Foule hurle, regia di Jean Daumery (1932)
  • Pour un soir, regia di Jean Godard (1933)
  • L'Étoile de Valencia, regia di Serge de Poligny (1933)
  • Adieu les beaux jours, regia di Johannes Meyer, André Beucler (1933)
  • Tunnel, regia di Curtis Bernhardt (1933)
  • Dall'alto in basso, regia di Georg Wilhelm Pabst (1933)
  • Zouzou, regia di Marc Allégret (1934)
  • Il giglio insanguinato, regia di Julien Duvivier (1934)
  • I tre diavoli, regia di Nicolas Farkas (1935)
  • Golgota, regia di Julien Duvivier (1935)
  • La bandera, regia di Julien Duvivier (1935)
  • Verso la vita, regia di Jean Renoir (1936)
  • Il bandito della Casbah, regia di Julien Duvivier (1937)
  • La grande illusione, regia di Jean Renoir (1937)
  • Il messaggio, regia di Raymond Rouleau (1937)
  • Gueule d'amour, regia di Jean Grémillon (1937)
  • L'isola dei coralli, regia di Maurice Gleize (1938)
  • Il porto delle nebbie, regia di Marcel Carné (1938)
  • L'angelo del male, regia di Jean Renoir (1938)
  • Alba tragica, regia di Marcel Carné (1939)
  • Screen snapshots séries 19 numéro 6, regia di Ralph Staub (Cortometraggio) (1940)
  • Tempesta, regia di Jean Grémillon (1941)
  • Ondata d'amore, regia di Archie Mayo (1942)
  • L'impostore, regia di Julien Duvivier (1944)
  • Turbine d'amore, regia di Georges Lacombe (1946)
  • La maschera di sangue, regia di Raymond Lamy (1947)
  • Le mura di Malapaga, regia di René Clément (1949)
  • È più facile che un cammello..., regia di Luigi Zampa (1950)
  • La donna del mio destino, regia di Claude Heymann (1951)
  • La notte è il mio regno, regia di Georges Lacombe (1951)
  • Il piacere regia di Max Ophüls, episodio "La maison Tellier" (1952)
  • La follia di Roberta Donge, regia di Henri Decoin (1952)
  • L'ora della verità, regia di Jean Delannoy (1952)
  • L'ultima notte, regia di Georges Lacombe (1953)
  • Bufere, regia di Guido Brignone (1953)
  • La vergine del Reno, regia di Gilles Grangier (1953)
  • Grisbì, regia di Jacques Becker (1954)
  • Aria di Parigi, regia di Marcel Carné (1954)
  • Napoleone Bonaparte, regia di Sacha Guitry (1955)
  • Le Port du désir, regia di Edmond T. Gréville (1955)
  • French Cancan, regia di Jean Renoir (1955)
  • Appuntamento al chilometro 424, regia di Henri Verneuil (1955)
  • La grande razzia, regia di Henri Decoin (1955)
  • Cani perduti senza collare, regia di Jean Delannoy (1955)
  • Ecco il tempo degli assassini, regia di Julien Duvivier (1956)
  • Sangue alla testa, regia di Gilles Grangier (1956)
  • La traversata di Parigi, regia di Claude Autant-Lara (1956)
  • I peccatori guardano il cielo, regia di Georges Lampin (1956)
  • Le Cas du docteur Laurent, regia di Jean-Paul Le Chanois (1956)
  • Il dado è tratto , regia di Gilles Grangier (1957)
  • I miserabili, regia di Jean-Paul Le Chanois (1958)
  • Il commissario Maigret, regia di Jean Delannoy (1958)
  • La ragazza del peccato, regia di Claude Autant-Lara (1958)
  • Il vizio e la notte, regia di Gilles Grangier (1958)
  • Le grandi famiglie, regia di Denys de La Patellière (1958)
  • Archimede le clochard, regia di Gilles Grangier (1959)
  • Maigret e il caso Saint-Fiacre, regia di Jean Delannoy (1959)
  • Mio figlio, regia di Denys de La Patellière (1959)
  • Il barone, regia di Jean Delannoy (1959)
  • Allegri veterani, regia di Gilles Grangier (1960)
  • Il presidente, regia di Henri Verneuil (1960)
  • Il re dei falsari, regia di Gilles Grangier (1961)
  • Quando torna l'inverno, regia di Henri Verneuil (1962)
  • Il re delle corse, regia di Gilles Grangier (1962)
  • Colpo grosso al casinò, regia di Henri Verneuil (1963)
  • Maigret e i gangsters, regia di Gilles Grangier (1963)
  • Intrigo a Parigi, regia di Jean-Paul Le Chanois (1964)
  • Colpo segreto, regia di Gilles Grangier (1964)
  • Matrimonio alla francese , regia di Denys de La Patellière (1965)
  • Rififì internazionale, regia di Denys de La Patellière (1965)
  • Un ombrello pieno di soldi, regia di Jean-Paul Le Chanois (1966)
  • Il più grande colpo del secolo, regia di Jean Delannoy (1967)
  • Sous le signe du taureau, regia di Gilles Grangier (1968)
  • La fredda alba del commissario Joss, regia di Georges Lautner (1968)
  • Nemici... per la pelle, regia di Denys de La Patellière (1968)
  • Il clan dei Siciliani, regia di Henri Verneuil (1969)
  • Il clan degli uomini violenti, regia di Pierre Granier-Deferre (1969)
  • Le chat - l'implacabile uomo di Saint Germain, regia di Pierre Granier-Deferre (1971)
  • Le drapeau noir flotte sur la marmite, regia di Michel Audiard (1971)
  • Il commissario Le Guen e il caso Gassot, regia di Denys de La Patellière (1971)
  • L'affare Dominici, regia di Claude Bernard-Aubert (1973)
  • Due contro la città, regia di José Giovanni (1973)
  • L'accusa è violenza carnale e omicidio, regia di André Cayatte (1974)
  • La gang dell'anno santo, regia di Jean Girault (1976)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *