Irene Papas

Irene Papas: una vita nella settima arte e un orgoglio per il suo paese

(Chiliomodi, 3 settembre 1926 – Chiliomodi, 14 settembre 2022)

Irene Papas attrice

Irene Papas nasce il 3 settembre 1926 in un piccolo villaggio della Corinzia in Grecia e dedica la sua vita all'arte, lavorando come modella, attrice e musicista. Molta della sua carriera è legata all'Italia con i nomi più importanti del nostro cinema.

Il suo vero nome è Irene Lelekou ma usa per tutta la vita il cognome del marito Alkis Papas che sposa nel 1947 e da cui divorzia nel 1952. Molto spesso sul set fa coppia con Anthony Quinn e Gian Maria Volontè. Dopo aver studiato teatro, esordisce nella tragedia classica greca.

La Papas e l'Italia

É il cinema italiano a far decollare Irene Papas, infatti, nel 1953 gira nel Bel Paese ben tre film: “Una di quelle” di Aldo Fabrizi, “Vortice” di Raffaello Matarazzo e “Le infedeli” di Steno e Mario Monicelli.

Non a caso, la nostra è insignita nel 1966 del Leone d’Oro per l’adattamento dell’Odissea con Bekim Fehmiu nei panni dell’eroe di Itaca e lei in quelli di Penelope. Ogni episodio è preceduto dalla lettura di versi di Giuseppe Ungaretti.

In seguito, nel 2009, la Mostra del Cinema la omaggerà con il Leone d’Oro alla Carriera.

I grandi film del filone storico

Sono gli anni dei kolossal sui temi classici, grandi ricostruzioni epiche con attori importanti da Hollywood e no. Fa parte di questo filone “Attila” di Pietro Francisci in cui Irene Papas recita con Anthony Quinn e Sofia Loren, un film mediocre nonostante tutto.

Nel 1957 è nel cast di “Le avventure dei tre moschettieri” di Joseph Lerner, un film con Domenico Modugno nei panni di D’Artagnan. Seguirà una sorta di sequel lo stesso anno diretto da Hugo Fregonese dal titolo “La spada imbattibile”.

Fuori dall'Italia

Nel frattempo la giovane attrice vola a Hollywood per il western “La legge del capestro” del 1956 di Robert Wise, accanto a James Cagney. Nel 1959 è diretta dall’ex marito Alkis Papas in ”Psit... koritsia!”.

La Papas torna in patria per girare “I cannoni di Navarone” di John Lee Thompson, un film con un cast ricchissimo che vede tra gli altri Anthony Quinn, David Niven e Gregory Peck.

Nel 1961 con “Antigone” di Yorgos Javellas inizia il ciclo di personaggi mitologici, che proseguirà con “Elettra” del 1962 di Michael Cacoyannis, che la dirigerà nei successivi “Le troiane” (1971) e” Ifigenia” (1977). Lo stesso regista regalerà a Irene il film forse più bello e poetico della sua lunga carriera: “Zorba il greco”, con il mitico balletto sulla spiaggia con musica di Mikīs Theodōrakīs, un inno alla vita e un omaggio alla cultura greca.

In “Ciascuno il suo” del 1967 di Elio Petri, l’attrice divide il set con Gian Maria Volontè in un'appassionante opera cinematografica tratta dall’omonimo romanzo di Sciascia. Ha il meglio di Hollywood “La fratellanza” di Martin Ritt, sulla mafia italo/americana.

É un dramma storico “Anna dei mille giorni” di Charles Jarrott del 1969 sull’infelice matrimonio di Enrico VIII Tudor con Caterina d’Aragona interpretati rispettivamente da Richard Burton e Irene Papas.

Ancora Italia e successo per Irene Papas

L’attrice ritorna in Italia, dove gira “Roma bene” di Carlo Lizzani nel 1971 e l’anno successivo il noir di Fulci “Non si sevizia un paperino”.

Nel 1979 la nostra divide nuovamente il set con Volontè in “Cristo si è fermato a Eboli” di Francesco Rosi, tratto dall’omonimo romanzo di Levi. Ha una vita difficile il film girato nel 1981 “Il leone del deserto” di Mustafa Akkad, sulla vita del condottiero senussita libico Omar al-Mukhtar, che si batté opponendosi alla riconquista della Libia da parte del Regio Esercito italiano con Anthony Quinn e Irene Papas, considerato lesivo "lesivo all'onore dell'esercito italiano" e finanziato da Gheddafi. Il film passa su Sky solo nel 2009.

Rosi la dirige nel 1987 in “Cronaca di una morte annunciata” dall’omonimo romanzo, in cui ancora una volta recita con Volontè. Ma solo due anni prima, Irene è nel film di culto di John Landis “Tutto in una notte” con il meglio di Hollywood.

Gli ultimi anni

Dal 1996 al 2003 la nostra gira tre film con Manuel de Oliveira e fa parte nel 2001 del cast de “Il mandolino del capitano Corelli” di John Madden con una giovanissima Penélope Cruz e Nicolas Cage girato nell’isola greca di Cefalonia.

In tarda età la Papas, infine, esordisce nella regia in doppio con Giuliana Berlinguer con “Ecuba” tratta dalla tragedia di Euripide. Lei è la protagonista Ecuba e la colonna sonora è di Vangelis, con cui l’attrice ha già registrato due album.

Dal 2013 l’attrice soffre del morbo di Alzheimer e ci lascia il 14 settembre 2022.

Ivana Faranda

Irene Papas Filmografia

Irene Papas filmografia

Cinema

  • Hamenoi angeloi, regia di Nikos Triforos (1948)
  • La città morta, regia di Frixos Iliadis (1952)
  • Una di quelle, regia di Aldo Fabrizi (1953)
  • Vortice, regia di Raffaello Matarazzo (1953)
  • Le infedeli, regia di Steno e Mario Monicelli (1953)
  • Missione ad Algeri, regia di Ray Enright ed Edoardo Anton (1953)
  • Teodora, imperatrice di Bisanzio, regia di Riccardo Freda (1954)
  • Attila, regia di Pietro Francisci (1954)
  • La legge del capestro (Tribute to a Bad Man), regia di Robert Wise (1956)
  • Le avventure dei tre moschettieri, regia di Joseph Lerner (1957)
  • La spada imbattibile, regia di Hugo Fregonese (1957)
  • Psit... koritsia!, regia di Alkis Papas (1959)
  • I limni ton stenagmon, regia di Grigoris Grigoriou (1959)
  • Bouboulina, regia di Kostas Andritsos (1959)
  • I cannoni di Navarone, regia di J. Lee Thompson (1961)
  • Antigone, regia di Yorgos Javellas (1961)
  • Elettra, regia di Michael Cacoyannis (1962)
  • Giallo a Creta, regia di James Neilson (1964)
  • Zorba il greco, regia di Michael Cacoyannis (1964)
  • Ta skalopatia, regia di Leonard Hirschfield (1966)
  • Trappola per l'assassino, regia di Riccardo Freda (1966)
  • A ciascuno il suo, regia di Elio Petri (1967)
  • Die Zeugin aus der Hölle, regia di Zivorad 'Zika' Mitrovic (1967)
  • Ecce Homo - I sopravvissuti, regia di Bruno Gaburro (1968)
  • The Desperate Ones, regia di Alexander Ramati (1968)
  • La fratellanza), regia di Martin Ritt (1968)
  • Z - L'orgia del potere, regia di Costa-Gavras (1969)
  • La stirpe degli dei, regia di Daniel Mann (1969)
  • Anna dei mille giorni, regia di Charles Jarrott (1969)
  • N.P. - Il segreto, regia di Silvano Agosti (1971)
  • Un posto ideale per uccidere, regia di Umberto Lenzi (1971)
  • Le troiane, regia di Michael Cacoyannis (1971)
  • Roma bene, regia di Carlo Lizzani (1971)
  • El asesinato de Julio César, regia di Raúl Araiza - cortometraggio (1972)
  • Non si sevizia un paperino, regia di Lucio Fulci (1972)
  • Piazza pulita, regia di Luigi Vanzi (1973)
  • La quinta offensiva, regia di Stipe Delic (1973)
  • Le farò da padre, regia di Alberto Lattuada (1974)
  • Il messaggio, regia di Mustafa Akkad (1976)
  • Noces de sang, regia di Souheil Ben-Barka (1976)
  • Ifigenia, regia di Michael Cacoyannis (1977)
  • Un'ombra nell'ombra, regia di Pier Carpi (1979)
  • Cristo si è fermato a Eboli, regia di Francesco Rosi (1979)
  • Linea di sangue, regia di Terence Young (1979)
  • L'assistente sociale tutto pepe..., regia di Nando Cicero (1981)
  • Il leone del deserto (Lion of the Desert), regia di Moustapha Akkad (1981)
  • Sarâb, regia di Abdelhafidh Bouassida (1982)
  • Il disertore di Giuliana Berlinguer (1983)
  • Eréndira, regia di Ruy Guerra (1983)
  • Melvin, Son of Alvin, regia di John Eastway (1984)
  • Tutto in una notte, regia di John Landis (1985)
  • Assisi Underground, regia di Alexander Ramati (1985)
  • Sweet Country, regia di Michael Cacoyannis (1987)
  • Cronaca di una morte annunciata, regia di Francesco Rosi (1987)
  • Alta stagione, regia di Clare Peploe (1987)
  • Island, regia di Paul Cox (1989)
  • Nirvana Street Murder, regia di Aleksi Vellis (1990)
  • Lettera da Parigi , regia di Ugo Fabrizio Giordani (1992)
  • Pano, kato kai plagios, regia di Michael Cacoyannis (1993)
  • Party, regia di Manoel de Oliveira (1996)
  • Inquietudine, regia di Manoel de Oliveira (1998)
  • Yerma, regia di Pilar Távora (1998)
  • Il mandolino del capitano Corelli, regia di John Madden (2001)
  • Podzimní návrat, regia di Georgis Agathonikiadis (2001)
  • ...kai to treno paei ston ourano, regia di Yannis Ioannou (2001)
  • Un film parlato, regia di Manoel de Oliveira (2003)
  • Ecuba - il film, regia di Giuliana Berlinguer e Irene Papas (2004)

Televisione

  • I tre moschettieri - serie TV (1956)
  • Climax! - serie TV, un episodio (1958)
  • Odissea - miniserie (1968)
  • Mosè, la legge del deserto - miniserie, regia di Gianfranco De Bosio (1974)
  • Les tribulations de Manuel - film TV (1982)
  • All'ombra della grande quercia - miniserie (1984)
  • Un bambino di nome Gesù - miniserie, regia di Franco Rossi (1987)
  • A Mala de Cartão - miniserie (1988)
  • Il banchetto di Platone - film TV, regia di Marco Ferreri (1989)
  • Oceano - miniserie (1989)
  • Les cavaliers aux yeux verts - film TV (1990)
  • L'ispettore anticrimine - miniserie, regia di Paolo Fondato (1992)
  • Un amore rubato - film TV (1993)
  • Giacobbe, regia di Peter Hall – film TV (1994)
  • L'Odissea - film TV, regia di Andrej Končalovskij (1997)
  • Short Cuts - serie TV, un episodio (2002)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.