Imagine (2018)

 

Imagine – Recensione: in occasione dell'anniversario della nascita della canzone cult di John Lennon esce nei cinema la versione rimasterizzata del film omonimo diretto a quattro mani da lui e Yoko Ono

Imagine recensione
Il 9 ottobre 2018 John Lennon avrebbe compiuto 78 anni se la sua vita non fosse stata tragicamente spezzata da un colpo di pistola in un freddo giorno del 1980 a New York. La sua vedova e musa lo ha celebrato nel migliore dei modi con una serie di eventi. Tra questi l’uscita nelle sale dall’8 al 10 ottobre del documentario musicale “Imagine” diretto e prodotto dalla coppia nel 1971.

Imagine: una pellicola lisergica che palesa la forte influenza dell’artista giapponese sull’ultima fase creativa di Lennon

Non ha un filo logico la narrazione di “Imagine", eppure è proprio lì la forza dell’opera. Si parta con la mitica white room sita nella tenuta del Tittenhurst nel cuore della campagna inglese, casa rifugio della coppia Lennon/Ono, con una sala di registrazione all’avanguardia per l’epoca.

Il forte impatto visivo della stanza diventa un tutt’uno con la melodia del piano e la ricerca cromatica delle inquadrature; seguono a ruota libera sipari di vita quotidiana di questa coppia straordinaria. Si passa con disinvoltura dai party con Andy Warhol a manifestazioni pacifiste sul “Power to the people” e contro la guerra in Vietnam.

La vita privata dei protagonisti si incrocia con immagini di un’epoca lontana, montate sempre sui pezzi del mitico disco “Imagine”. Appare chiarissimo come l’arte concettuale della Ono si sia innestata alla perfezione sul talento di Lennon. Lo scioglimento dei Beatles ha regalato a tutti noi un nuovo artista molto più consapevole del suo tempo e innamoratissimo della sua seconda moglie.

Yoko, seppur nella sua bellezza atipica, in questo film ha un fascino tutto suo che passa dal grande schermo allo spettatore, mentre gioca a fare la femme fatale nel suo castello incantato con il principe azzurro.

Questo caleidoscopio di immagini e musica si chiude con il racconto divertito del grande amore tra John e Yoko che fanno finta di recitare come attori di film romantici su una spiaggia con il mare in tempesta e scrivono “ti amo” sulla sabbia come adolescenti innamorati.

Imagine: un’opera complessa solo a prima vista, da affrontare con la mente aperta

In "Imagine" c'è tutta l’arte concettuale di Yoko, regista con John del documentario. Sullo schermo passano in successione una serie di tableaux vivants con personaggi improbabili presi dalla strada insieme agli amici della coppia Fred Astaire, Andy Warhol, George Harrison e il presentatore Dick Cavett. Tutto gira vorticosamente con una serie di effetti speciali e un montaggio creativo molto ben fatto. Fa da sottofondo a tutto questo la voce immortale di John. Nel finale è in sala di registrazione con Harrison dei Beatles, Nicky Hopkins dei Rolling Stones e Alan White degli Yes in immagini assolutamente inedite.

“Imagine” è uno straordinario documento da non perdere su un artista e la sua musa.

Ivana Faranda

  • Regia: Steve Gebhardt, John Lennon, Yoko Ono
  • Cast: John Lennon, Yoko Ono, Daniel Richter, Fred Astair, Dick Cavett, George Harrison, Jack Palance, Andy Warhol
  • Genere: Documentario, colore
  • Durata: 83 minuti
  • Produzione: Gran Bretagna, 1972
  • Distribuzione: Nexo Digital
  • Data di uscita: 8 ottobre 2018

Imagine immagineAl cinema la versione rimasterizzata di "Imagine", il film prodotto e diretto da John Lennon e Yoko Ono.

Imagine: la nuova versione del documentario musicale

In occasione delle celebrazioni mondiali del compleanno di John Lennon (nato il 9 ottobre 1940), esce la pellicola restaurata ed interamente rimasterizzata agli Abbey Road Studios in Dolby Atmos.

"Imagine" è un film che segue John Lennon e Yoko Ono tra il Regno Unito e New York durante le registrazione dell'omonimo album. È una raccolta di momenti reali di routine assieme alla carriera dei due protagonisti.
Insieme ai brani di Lennon, il film ospita anche alcune canzoni di "Fly" del secondo album di Yoko Ono.

Imagine: volti noti e la produzione

Oltre a Lennon e Yoko Ono, sono presenti in questa pellicola anche diversi volti noti del tempo, tra cui George Harrison (membro dei Beatles), il famoso attore e ballerino di tip-tap Fred Astaire, il pittore della pop art nonché regista e attore Andy Warhol e altri amici stretti e collaboratori della coppia.
La storia tra i due artisti forse più famosi del XX secolo, inizia con la visita di Lennon all'esposizione in una galleria di Londra di Yoko Ono, volto dell'avanguardia giapponese. La coppia da allora non si è mai separata fino all'uccisione del membro dei Beatles da parte di un fan squilibrato.

Per questo film, inoltre, sono stati aggiunti altri 15 minuti con riprese inedite nello studio di registrazione durante l’esecuzione di "How Do You Sleep?" e "Oh My Love" con gli altri membri della famigerata band (tra cui George Harrison e Nicky Hopkins dei Rolling Stones).

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *