Il signor diavolo (2019)

  • Regia: Pupi Avati
  • Cast: Gabriel Lo Giudice, Filippo Franchini, Massimo Bonetti, Alessandro Haber, Gianni Cavina, Lino Capolicchio, Chiara Caselli, Enrico Salimbeni, Fabio Ferrari, Chiara Sani
  • Genere: Horror, Drammatico, colore
  • Durata: n/d
  • Produzione: Italia, 2019
  • Distribuzione: 01 Distribution
  • Data di uscita: 22 agosto 2019

 

Il signor diavolo film"Il Signor Diavolo" è un film di Pupi Avati, tratto dall'omonimo romanzo scritto dallo stesso regista e ambientato nei luoghi del suo precedente film cult "La Casa dalle Finestre che Ridono" del 1976.

Il Signor Diavolo: l'horror all'italiana

La storia, ambientata nel Polesine degli anni '50, si apre con il singolare processo di un ragazzino, Carlo, che ha ucciso un suo coetaneo, Emilio, perché secondo lui, aveva provocato la morte del suo amico Paolino.
In questo periodo di campagna elettorale, nel cattolicesimo Veneto post bellico, in cui la politica cerca di mantenere la situazione sotto controllo, quando si accerta che nell'omicidio è implicato un convento di monache e si vocifera di visioni demoniache, un pubblico ministero romano, Furio Momentè, viene incaricato di fare luce sulle indagini.

Durante gli interrogatori Carlo, come il resto della gente del territorio, sostiene che Paolino è morto a causa di una maledizione provocata dal compagno Emilio, che durante la Comunione, lo fece inciampare e calpestare involontariamente l'ostia consacrata, facendogli commettere un sacrilegio.
Per far tornare l'amico, Carlo finisce nell'impelagarsi in riti oscuri e sacrileghi, scatenando le forze demoniache e portando alla luce la realtà di paura nei confronti del diavolo e la religiosità ancestrale tipiche di quel periodo storico.

Nel cast il regista dirige il giovane Filippo Franchini al suo esordio sul grande schermo, affiancato da Alessandro Haber ("La sconosciuta", 2006), Gianni Cavina e Lino Capolicchio, che già avevano collaborato con Pupi Avati nel celebre horror italiano "La casa dalle finestre che ridono".

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *