Il buco (2021)
  • Regia: Michelangelo Frammartino
  • Cast: Leonardo Larocca, Claudia Candusso, Mila Costi, Carlos José Crespo, Antonio Lanza, Nicola Lanza
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 93 minuti
  • Produzine: Italia, Germania, Francia, 2021
  • Distribuzione: Lucky Red

Il buco schedaIl Buco” è il terzo film del regista e architetto Michelangelo Frammartino, premiato alla 78ª Mostra del Cinema con il Premio Speciale della Giuria.

Il Buco: la trama

Durante gli anni Sessanta un gruppo di giovani speleologi piemontesi scoprono in Calabria la grotta più profonda d’Europa. La loro avventura passa inosservata agli occhi degli abitanti del paese vicino. Ne resta affascinato solo un vecchio pastore, che crea un legame con i giovani esploratori.

Un viaggio metaforico e non nella profondità della terra

“Nel gennaio 2007, il sindaco del paese calabrese dove stavo girando "Le quattro volte" mi ha portato a fare un giro nel Pollino. “Devi vedere le meraviglie di queste montagne!”, ha detto. Mi ha condotto in una dolina dove si poteva vedere un magro taglio nel terreno. Ero perplesso, deluso. Il sindaco, invece, entusiasta e fiero, ha gettato in quel vuoto un grosso sasso. È stato inghiottito dall’oscurità. Il fondo era così profondo che non si vedeva né si sentiva nulla. Quella scomparsa, quella mancanza di risposta, mi ha dato un’emozione fortissima. Quello strano posto mi è rimasto impresso, richiamandomi a sé anni dopo, per interrogarlo e creare un progetto nel buio silenzioso dell’Abisso del Bifurto".Così presenta il suo terzo lavoro il più festivaliero dei registi presenti a Venezia in Concorso. Michelangelo Frammartino ha debuttato nel 2003 a Locarno con “Il dono” un documentario sulla vita in campagna dominata dalla lentezza e dai ritmi naturali. Nel 2010 ha partecipato al Festival di Cannes con “Le quattro volte”, il racconto di vita di un anziano pastore solitario che vive con le sue capre. Il suo cinema omaggia apertamente Olmi porta lo spettatore in un microcosmo fatto di silenzi e di tempi dilatati.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *