Fanny Ardant

Fanny Ardant è un'attrice francese che vanta una carriera e una filmografia straordinarie, grazie al grande talento come interprete sia come regista e alle grandi collaborazioni con attori e registi tra i più importanti della cinematografia moderna.

Fanny Ardant, la signora del cinema della porta accanto

(Saumur, 22 marzo 1949)

Fanny Ardant film“Senti, Bernard. Le donne sono delle maghe?” domandava il giovane Alphonse all’attrezzista Bernard Menez in “Effetto notte”, film del 1982 di François Truffaut. Ci piace pensare che a dargli conferma di una natura sovrannaturale e maliarda del femminile, siano stati gli occhi o chi sa le gambe, della donna che, nel 1981, l’illustre regista avrebbe preso in moglie e a cui, poco prima di morire, avrebbe lasciato una figlia.

Stiamo parlando, signori, di Fanny Ardant, una delle attrici più stimate e apprezzate del cinema non solo francese ma di tutto il mondo, richiesta dalle più blasonate regie e sempre gradita ospite delle più importanti manifestazioni dedicate alla settima arte.

Figlia di un ufficiale di cavalleria, Governatore del Palazzo Grimalfi nel principato di Monaco, Fanny Marguerite Judith Ardant nasce il 22 marzo del 1949, nel comune francese di Saumur, tra i castelli della Loira e trascorre la propria giovinezza tra i lunghi soggiorni a Monaco e i viaggi intorno all’Europa, apprendendo diverse lingue e orientando i propri studi ai fini della carriera diplomatica.

Musa non solo del cantante Vincent Delerm, che le dedica la canzone “Fanny Ardan et Moi”, ma anche dell’artista tedesco Jan Cremer, che per lei dipinge “Tulip Fanny Ardan” e di molti altri, perché la si possa ammirare su un palco o nelle diverse produzioni televisive da cui verrà richiesta, è necessario attendere i primi anni ’70 e la fine del corso di Arte Drammatica di Pèrimony di Parigi, a cui si iscrive proprio in quel periodo.

Le prime importanti collaborazioni

A catturarne la sinuosa figura e i modi delicati per la prima volta sulla pellicola, è nel 1979 l’anticonformista regista francese Alais Jessua in “L’uomo dei cani” (1979), sebbene, perché cambino le sorti della propria carriera recitativa, Fanny debba attendere, l’anno seguente, l’incontro con Truffaut, che oltre ad innamorarsene la sceglie come protagonista di alcuni dei suoi film più noti.

Sono gli anni successivi al trionfo della Nouvelle Vague, quelli più maturi delle verità sull’amore di “La signora della porta accanto” (1981) o delle sceneggiature di ispirazione noir, come “Finalmente Domenica!” (1983).

È il periodo più bello e forse più triste della vita dell’attrice, quello in cui dà alla luce la piccola Josephine, ma perde poco dopo il marito. Nonostante il lutto, la Ardant continua alacremente a lavorare, prima sui set di “L’amour à mort” (1984) di Alain Resnais e “Desiderio” (1984) di Anna Maria Tatò, poi su quelli italiani di Ettore Scola, che la sceglie come collega di Vittorio Gasman e Stefania Sandrelli, ne “La famiglia” (1986), per poi replicare qualche anno più tardi con “La cena” (1998).

Dopo qualche film minore è la volta del delizioso rifacimento di “Sabrina” (1995) di Sydney Pollack e di “Al di là delle nuvole” (1995), firmato da Michelangelo Antonioni, con Claudia Cardinale e Marcello Mastroianni, la cui presenza di quest’ultimo ritrova in “Cento e una notte” (1996).

Interprete di ruoli sempre più ricercati e ogni anno insignita di premi come il Cèsar per “Di giorno e di notte” (1996), con l’inizio del nuovo millennio, la fiducia nelle proprie doti si rinnova grazie ai registi François Ozon e Mario Martone, che desiderano dirigerla rispettivamente in “8 donne e un mistero” (2002), thriller-commedia con altre grandi d’eccezione come Catherine Deneuve (con cui scambia un appassionato e scandaloso bacio) e Dominique Sanda e “L’odore del sangue” (2004), in cui si ritrova moglie del personaggio di Michele Placido.

Ancora successi al cinema

Fanny Ardant registaA completare l’inesauribile elenco di titoli il cui cast comprende il suo nome, anche quello de “Il divo” (2008), in cui appare questa volta moglie dell’ambasciatore francese, e di “Cendres at sang” (2009), dove la Ardant passa dietro la macchina da presa, sperimentandosi con successo come regista e scrittrice stessa della sceneggiatura.

Nel 2011 è la protagionista del debutto alla regia di Tommaso Rossellini, il nipote del grande Roberto Rossellini e della moglie Ingrid Bergman. In "Interno giorno" Fanny Ardanrt interpreta la diva Maria che nell'arco di una giornata rivive mentalmente tutti i suoi successi e le delusioni, tentando di trovare un senso alla sua esistenza.

Nel 2013 è in un cammeo, nel ruolo di se stessa, in "La grande bellezza" di Paolo Sorrentino.

Non c’è un film in particolare in cui la Ardant risulti più splendida che in altri, ma se ce n'è uno in cui la sua intensità si palesa più che mai, allora quello porta il titolo di “Callas Forever” di Franco Zeffirelli del 2002.

Meravigliosa la sua interpretazione della straziante solitudine, della forza e del coraggio di Maria Callas. Meritatamente si può pensare a Fanny Ardant come a un’icona dell’artista pura e assoluta, a cui solo una donna dalla forte personalità come lei può aspirare.

Cecilia Sabelli

Fanny Ardant Filmografia - Cinema

Fanny Ardant

 

Attrice

  • Marie-poupée, regia di Joël Séria (1976)
  • Le mutant, regia di Bernard Toublanc-Michel, (Miniserie TV) (1978)
  • Dogs man, regia di Alain Jessua (1979)
  • La muse et la Madone, regia di Nina Companéez, (Film TV) (1979)
  • Ego, regia di Jean-Marie Marcel, (Film TV) (1979)
  • Les dames de la côte, regia di Nina Companéez, (Miniserie TV) (1979)
  • Histoires extraordinaires: la chute de la maison Usher, regia di Alexandre Astruc, (Film TV) (1981)
  • Le Roman du samedi: mémoires de deux jeunes mariées, regia di Marcel Cravenne, (Film TV) (1981)
  • Les bons bourgeois, regia di Pierre Desfons, (Film TV) (1981)
  • La signora della porta accanto, regia di François Truffaut (1981)
  • Bolero, regia di Claude Lelouch (1981)
  • Le chef de famille, regia di Nina Companéez (Miniserie TV) (1982)
  • La vita è un romanzo, regia di Alain Resnais (1983)
  • Finalmente domenica!, regia di François Truffaut (1983)
  • Les uns et les autres, regia di Claude Lelouch, (Miniserie TV) (1983)
  • Desiderio, regia di Anna Maria Tatò (1984)
  • Benvenuta, regia di André Delvaux (1984)
  • L'amour à mort, regia di Alain Resnais (1984)
  • Un amore di Swann, regia di Volker Schlöndorff (1984)
  • Mademoiselle Julie, regia di Yves-André Hubert, (Film TV) (1984)
  • Macumba story, regia di Pierre-William Glenn (1985)
  • L'estate prossima, regia di Nadine Trintignant (1986)
  • Consiglio di famiglia, regia di Constantin Costa-Gavras (1986)
  • Le paltoquet, regia di Michel Deville (1986)
  • Mélo, regia di Alain Resnais (1986)
  • La famiglia, regia di Ettore Scola (1986)
  • Biafra: la naissance, regia di Laurent Heynemann (1988)
  • L'altro enigma, regia di Vittorio Gassman e Carlo Tuzii, (Film TV) (1988)
  • Paura e amore, regia di Margarethe von Trotta (1988)
  • La grande cabriolé, regia di Nina Companéez, (Serie TV) (1989)
  • Pleure pas my love, regia di Tony Gatlif (1989)
  • Australia, regia di Jean-Jacques Andrien (1989)
  • L'ultima luna - L'avventura di Catherine C., regia di Pierre Beuchot (1990)
  • Jeux d'hiver, regia di Alain Le Breton, (Cortometraggio) (1991)
  • Rien que des mensonges, regia di Paule Muret (1991)
  • Occhi nel buio, regia di Mark Peploe (1992)
  • La femme du déserteur, regia di Michal Bat-Adam (1993)
  • Amok, regia di Joël Farges (1993)
  • Il colonnello Chabert, regia di Yves Angelo (1994)
  • La settima stanza, regia di Márta Mészáros (1995)
  • Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
  • Al di là delle nuvole, regia di Michelangelo Antonioni (1995)
  • Sabrina, regia di Sydney Pollack (1995)
  • Di giorno e notte, regia di Gabriel Aghion (1996)
  • Désiré, regia di Bernard Murat (1996)
  • Ridicule, regia di Patrice Leconte (1996)
  • Elizabeth, regia di Shekhar Kapur (1998)
  • La cena, regia di Ettore Scola (1998)
  • Balzac, regia di Josée Dayan, (Film TV) (1999)
  • La débandade, regia di Claude Berri (1999)
  • Le fils du français, regia di Gérard Lauzier (1999)
  • Le libertin, regia di Gabriel Aghion (2000)
  • Change moi ma vie, regia di Liria Begeja (2001)
  • Nessuna notizia da Dio, regia di Agustin Diaz Yanes (2002)
  • 8 donne e un mistero, regia di François Ozon (2002)
  • Callas Forever, regia di Franco Zeffirelli (2002)
  • Sarah, regia di Yves Di Tullio e Bernard Murat, (Film TV) (2003)
  • Nathalie, regia di Anne Fontaine (2003)
  • L'odore del sangue, regia di Mario Martone (2004)
  • El año del diluvio, regia di Jaime Chávarri (2004)
  • Emeth, regia di Avi Nesher (2006)
  • Paris, je t'aime, regia di Richard LaGravenese (2006)
  • La chambre d'ami, regia di Caroline Huppert (2006)
  • Bord Cadre, regia di Bernie Bonvoisin (2006)
  • Le Beau Monde, regia di Julie Lopes-Curval (2006)
  • Roman de Gare, regia di Claude Lelouch alias Hervé Picard (2007)
  • L'ora di Punta, regia di Vincenzo Marra (2007)
  • Hello Goodbye, regia di Graham Guit (2008)
  • Il divo, regia di Paolo Sorrentino (2008)
  • Visage, regia di Tsai Ming-liang (2009)
  • Claude Berri e François Dupeyron (2009)
  • Chimères absentes, regia di Fanny Ardant, (Cortometraggio) (2010)
  • You Never Left, regia di Youssef Nabil (2010)
  • Shéhérazade et le délice casher, regia di Agnès Caffin, (Cortometraggio) (2010)
  • Interno giorno, regia di Tommaso Rossellini (2011)
  • Raspoutine, regia di Josée Dayan, (Film TV) (2011)
  • Nos retrouvailles, regia di Josée Dayan, (Film TV) (2012)
  • Il cecchino, regia di Michele Placido (2012)
  • Miroir mon amour, regia di Siegrid Alnoy, (Film TV) (2012)
  • Le clan des Lanzac, regia di Josée Dayan, (Film TV) (2013)
  • La grande bellezza, regia di Paolo Sorrentino (2013)
  • Les beaux jours, regia di Marion Vernoux (2013)
  • Rasputin, regia di Irakli Kvirikadze (2013)
  • Les beaux jours, regia di Marion Vernoux (2013)
  • Casanova variations, regia di Michael Sturminger (2014)
  • Chic!, regia di Jérôme Cornuau (2015)
  • La séance, regia di Edouard de La Poëze (2015)
  • Five, regia di Igor Gotesman (2016)
  • For This Is My Body, regia di Paule Muret (2016)
  • Lola Pater, regia di Nadir Moknèche (2017)

 Regista

  • Cendres et sang (2009)
  • Chimères absentes (Cortometraggio) (2010)
  • Cadences obstinées (2013)
  • Le divan de Staline, regia di Fanny Ardant (2016)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *