Enrico Maria Salerno

Enrico Maria Salerno è considerato uno degli attori più versatili e completi dello scenario italiano, grazie alla sua solida formazione teatrale che gli ha consentito di spaziare con risultato eccellenti all'interno di un vasto repertorio di personaggi.

Enrico Maria Salerno: l'attore 'dalle piume di cristallo'

(Milano, 18 settembre 1926 – Roma, 28 febbraio 1994)

enrico maria salerno filmografiaEnrico Maria Salerno è nato a Milano il 18 settembre 1926. Giovanissimo, nel 1943 si arruola volontario nelle truppe della Repubblica di Salò ed è successivamente imprigionato in Toscana. Tornato a Milano comincia a interessarsi di teatro, collaborando con il Piccolo Teatro di Milano a partire dal 1954. In breve tempo diventa uno dei più promettenti attori teatrali italiani, portando in scena soprattutto Pirandello e adattamenti da Dostoevskij.

Enrico Maria Salerno: dal palco all'esordio cinematografico

Nel cinema, il suo esordio risale al 1952 con “La tratta delle bianche” di Comencini, ma i film che lo consegnano alla celebrità sono le epiche resistenziali di “La lunga notte del ‘43” (1960) di Florestano Vancina e “Era notte a Roma” (1960) di Roberto Rossellini nel quale recita al fianco di Giovanna Ralli, Renato Salvatori, Sergej Bondarchuk e Paolo Stoppa. Negli anni Sessanta lavora molto anche nel cinema di genere, con registi quali Lucio Fulci, Sergio Sollima o Duccio Tessari.

Pier Paolo Pasolini gli affida il compito di doppiare il personaggio di Gesù nel suo “Il vangelo secondo Matteo” (1964). Enrico Maria Salerno lavora anche con tutti i principali autori della commedia all’italiana: con Dino Risi fa “L’ombrellone” (1965), con Monicelli “Casanova 70” (1965). Antonio Pietrangeli lo vuole accanto a una splendida Stefania Sandrelli nel drammatico “Io la conoscevo bene” (1965). Ancora con Monicelli e in coppia con uno strepitoso Gassman appare in “L’armata Brancaleone” (1966), nei panni del decadente aristocraticobizantino Teofilatto dei Leonzi. Nel 1968 diventa famosissimo presso il pubblico televisivo interpretando il serial “La famiglia Benvenuti”.

Enrico Maria Salerno: un volto familiare del cinema italiano

Enrico Maria Salerno coloriNegli anni Settanta interpreta molti ruoli che lo fanno diventare un viso familiare per il grande pubblico: è l’integerrimo commissario Morosini in “L’uccello dalle piume di cristallo” (1970) di Dario Argento, il commissario Bertone in “La polizia ringrazia” (1972) di Steno, dopodiché viene coinvolto in numerosi film poliziotteschi come: “La polizia è al servizio del cittadino?” (1973) di Romolo Guerrieri, “A tutte le auto della polizia” (1975) di Mario Caiano o “La polizia interviene: ordine di uccidere” (1975) di Giuseppe Rosati.

Dopo il tramonto del cinema popolare italiano, negli anni Ottanta, si dedica prevalentemente al teatro diradando le apparizioni cinematografiche e finendo spesso confinato in film di poco spessore come “Sballato, gasato, completamente fuso” (1982) di Steno o “Scuola di ladri” (1986) di Neri Parenti. Si spegne a Roma a causa di un tumore il 28 febbraio 1994.

Massimiliano Ponzi

Enrico Maria Salerno Filmografia - Cinema

Enrico Maria Salerno filmografia

  • La tratta delle bianche, regia di Luigi Comencini (1952)
  • Siluri umani, regia di Antonio Leonviola (1954)
  • Estate violenta, regia di Valerio Zurlini (1959)
  • La lunga notte del '43, regia di Florestano Vancini (1960)
  • Le signore, regia di Turi Vasile (1960)
  • Saffo venere di Lesbo, regia di Pietro Francisci (1960)
  • L'assedio di Siracusa, regia di Pietro Francisci (1960)
  • La sposa bella, regia di Nunnaly Johnson (1960)
  • Era notte a Roma, regia di Roberto Rossellini (1960)
  • Odissea nuda, regia di Franco Rossi (1961)
  • Ercole alla conquista di Atlantide, regia di Vittorio Cottafavi (1961)
  • La bellezza di Ippolita , regia di Giancarlo Zagni (1962)
  • L'uomo dalla maschera di ferro, regia di Henry Decoin (1962)
  • Una vita violenta, regia di Paolo Heusch e Brunello Rondi (1962)
  • Smog, regia di Franco Rossi (1962)
  • L'amore difficile, episodio "Le donne", regia di Sergio Sollima (1962)
  • Urlo contro melodia nel Cantagiro '63, regia di Arturo Gemmiti (1963)
  • Violenza segreta, regia di Giorgio Moser (1963)
  • Il fornaretto di Venezia, regia di Duccio Tessari (1963)
  • Scappamento aperto, regia di Jean Becker (1964)
  • I maniaci, regia di Lucio Fulci (1964)
  • La fuga, regia di Paolo Spinola (1964)
  • Tre notti d'amore, episodio "La moglie bambina", regia di Franco Rossi (1964)
  • Queste pazze pazze donne, regia di Marino Girolami (1964)
  • Il vangelo secondo Matteo, regia di Pier Paolo Pasolini (1964)
  • Lo scippo , regia di Nando Cicero (1965)
  • L'ombrellone, regia di Dino Risi (1965)
  • I soldi, regia di Gianni Puccini e Giorgio Cavedon (1965)
  • La bugiarda, regia di Luigi Comencini (1965)
  • La costanza della ragione, regia di Pasquale Festa Campanile (1965)
  • Su e giù, regia di Mino Guerrini (1965)
  • Casanova '70, regia di Mario Monicelli (1965)
  • Io la conoscevo bene, regia di Antonio Pietrangeli (1965)
  • Le stagioni del nostro amore , regia di Florestano Vancini (1966)
  • L'estate, regia di Paolo Spinola (1966)
  • Le fate, episodio "Fata Sabina", regia di Luciano Salce (1966)
  • Il grande colpo dei sette uomini d'oro, regia di Marco Vicario (1966)
  • L'armata Brancaleone, regia di Mario Monicelli (1966)
  • Tre pistole contro Cesare, regia di Enzo Peri (1967)
  • Un treno per Durango, regia di Mario Caiano (1967)
  • Sentenza di morte, regia di Mario Lanfranchi (1967)
  • La notte pazza del conigliaccio, regia di Alfredo Angeli (1967)
  • L'amore attraverso i secoli, episodio "L'età della pietra", regia di Franco Indovina (1967)
  • Bandidos, regia di Max Dillmann (1967)
  • Candy e il suo pazzo mondo, regia di Christian Marquand (1968)
  • La battaglia di El Alamein , regia di Giorgio Ferroni (1968)
  • Vedo nudo, regia di Dino Risi (1969)
  • Nell'anno del Signore, regia di Luigi Magni (1969)
  • L'uccello dalle piume di cristallo, regia di Dario Argento (1970)
  • Quell'amore particolare, regia di Carlo Martinelli (1970)
  • Contestazione generale, regia di Luigi Zampa (1970)
  • Ciao Gulliver, regia di Carlo Tuzii (1970)
  • Il prete sposato, regia di Marco Vicario (1970)
  • A cuore freddo, regia di Riccardo Ghione (1971)
  • Noi donne siamo fatte così, regia di Dino Risi (1971)
  • L'assassino di Trotsky, regia di Joseph Losey (1972)
  • La polizia ringrazia, regia di Steno (1972)
  • La violenza: Quinto potere, regia di Florestano Vancini (1972)
  • Contratto carnale, regia di Giorgio Bontempi (1973)
  • Ingrid sulls strada, regia di Brunello Rondi (1973)
  • La polizia è al servizio del cittadino?, regia di Romolo Guerrieri (1973)
  • La notte dell'ultimo giorno, regia di Adimaro Sala (1973)
  • No, il caso è felicemente risolto, regia di Vittorio Salerno (1973)
  • La polizia sta a guardare, regia di Roberto Infascelli (1973)
  • Bisturi, la mafia bianca, regia di Luigi Zampa (1973)
  • Un uomo una città, regia di Romolo Guerrieri (1974)
  • Il corpo, regia di Luigi Scattini (1974)
  • Hold up: istantanea di una rapina, regia di German Lorente (1974)
  • La città gioca d'azzardo, regia di Sergio Martino (1974)
  • L'ultimo treno della notte, regia di Aldo Lado (1975)
  • ...a tutte le auto della polizia, regia di Mario Caiano (1975)
  • Fango bollente, regia di Vittorio Salerno (1975)
  • La polizia interviene: ordine di uccidere!, regia di Giuseppe Rosati (1975)
  • Un prete scomodo, regia di Pino Tosini (1975)
  • Brogliaccio d'amore, regia di Decio Silla (1976)
  • Bestialità, regia di Virgilio Mattei (1976)
  • Una vita venduta, regia di Aldo Florio (1976)
  • Che notte quella notte!, regia di Ghigo De Chiara (1977)
  • Una donna di seconda mano, regia di Pino Tosini (1977)
  • Amori miei, regia di Steno (1978)
  • Tesoromio, regia di Giulio Paradisi (1979)
  • Il corpo della ragassa, regia di Pasquale Festa Campanile (1979)
  • Cocco mio, regia di Jean Pierre Rawson (1979)
  • Il carabiniere, regia di Silvio Amadio (1981)
  • L'ultima volta insieme, regia di Ninì Grassia (1981)
  • Sballato, gasato, completamente fuso, regia di Steno (1982)
  • Legati da tenera amicizia, regia di Alfredo Giannetti (1983)
  • Scuola di ladri, regia di Neri Parenti (1986)
  • I padroni dell'estate, regia di Mario Parodi (1987)
  • Scuola di ladri parte seconda, regia di Neri Parenti (1987)
  • Il volpone, regia di Maurizio Ponzi (1988)

Enrico Maria Salerno Filmografia - Televisione

  • Orgoglio e pregiudizio, regia di Daniele D'Anza (1957)
  • Umiliati e offesi, regia di Vittorio Cottafavi (1958)
  • La spada di Damocle, regia di Vittorio Cottafavi (1958)
  • Antigone, regia di Vittorio Cottafavi (1958)
  • Processo di famiglia, regia di Vittorio Cottafavi (1959)
  • Macbeth, regia di Alessandro Brissoni (1960)
  • Mastro Don Gesualdo, regia di Giacomo Vaccari (1964)
  • Così è (se vi pare), regia di Vittorio Cottafavi (1964)
  • Antonio e Cleopatra, regia di Vittorio Cottafavi (1965)
  • La famiglia Benvenuti , regia di Alfredo Giannetti (1968)
  • 1943: un incontro, regia di Alfredo Giannetti (1969)
  • Salvo D'Acquisto, regia di Romolo Guerrieri (1974)
  • Sotto il placido Don, regia di Vittorio Cottafavi (1974)
  • Quasi quasi mi sposo, regia di Vittorio Sindoni (1982)
  • All'ombra della grande quercia, regia di Alfredo Giannetti (1984)
  • Guerra di spie, regia di Duccio Tessari (1988)
  • Disperatamente Giulia, regia di Enrico Maria Salerno (1989)
  • Piazza di Spagna, regia di Florestano Vancini (1993)
  • Doris, una diva di regime, regia di Alfredo Giannetti (1993)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *