Emmanuelle Béart

Cresciuta in una fattoria di Gassin, in Provenza, già da adolescente, Emmanuelle Béart avverte il richiamo del cinema, mondo nel quale inizia a farsi spazio con piccoli ruoli. Si trasferirà a Montreal dove conoscerà il regista Robert Altman, che la inciterà a realizzare il suo sogno, provinandola per un film. Dopo aver imparato perfettamente l'inglese, acquisterà la giusta determinazione per affermarsi come attrice e realizzare il suo sogno di lavorare nel cinema.

Emmanuelle Béart, l'infanzia nella Provenza francese e il sogno del cinema

(Saint Tropez, 14 agosto 1963)

Emmanuelle BéartEmmanuelle Béart nasce il 14 agosto del 1963 a Saint Tropez, sulla Costa Azzurra. Sua madre Geneviève Galéa è un’ex modella di origine greca, mentre il padre, Guy Béart è un cantante e un poeta.

Emmanuelle si distingue fin da giovane per un carattere inquieto e ribelle e sogna di diventare attrice fin da quando, all’età di 8 anni, ha fatto da comparsa in un film di René Clement: “La corsa della lepre attraverso i campi” (1971).

Nel 1980 Emmanuelle viene mandata a studiare in Canada, a Montreal, dove impara a parlare perfettamente l’inglese. Mentre studia al Collège International Marie De France ha modo di conoscere Robert Altman che la incoraggia nel suo proposito di recitare.

L'approccio alla recitazione con David Hamilton, i registi esaltano la sua raffinata bellezza

Nel 1983 ritorna in Francia e segue dei corsi di recitazione a Parigi, qui viene scelta dal fotografo e regista David Hamilton per un ruolo nel suo film “Premiers désirs” (1983).

A questo debutto fanno seguito altri film nei quali viene esaltata la sua bellezza acerba e sensuale. Sul set di “L’amour ed douce” (1985) di Edouard Molinaro incontra l’attore Daniel Auteuil che diventa suo marito subito dopo. Il grande successo arriva nel 1986 proprio in coppia con Auteuil, nel drammatico “Manon delle sorgenti” di Claude Berri, che le frutta un César come Miglior Attrice Non Protagonista.

Una carriera avviata quella di Emmanuelle Béart, ricercata da registi come Ettore Scola, Rivette e Sautet

Negli anni Novanta, la carriera di Emmanuelle è ormai ben avviata. Il nostro Ettore Scola la vuole al fianco di Massimo Troisi e di Vincent Perez nel suo “Il viaggio di Capitan Fracassa” (1990), mentre Jacques Rivette la scrittura per “La bella scontrosa” (1990) dove è la sensuale modella del pittore Michel Piccoli. Al 1991 risale il successo di “Un cuore in inverno” di Claude Sautet, dramma amoroso recitato in coppia col marito Daniel Auteuil.

Il film dalle atmosfere rarefatte, racconta la storia d’amore tormentata fra due musicisti e si guadagna un Leone d’Argento al Festival di Venezia, oltre a fruttare un David di Donatello alla Béart. Nel 1996, ormai famosa anche a livello internazionale, Emmanuelle lavora in “Missione: Impossible” di Brian De Palma, fianco a fianco con star del calibro di Tom Cruise e Jon Voight.

Il cinema d'autore francese che piace all'attrice dal fascino etereo, che non cederà mai al richiamo Hollywoodiano

L’attrice tuttavia rifiuta di trasferirsi definitivamente a Hollywood e preferisce continuare a lavorare per il cinema d’autore francese. Nel 2002 recita per François Ozon nel divertente musical-giallo “8 donne e un mistero”, nel quale balla e canta con Catherine Deneuve, Fanny Ardant, Isabelle Huppert e altre famose colleghe francesi.

Nel 2005 è in “L’enfer” del bosniaco Danis Tanovic, basato su una sceneggiatura di Krzysztof Kieslowski e nel 2007 nel dramma sull’AIDS “I testimoni” di André Techiné. Nel 2008 compare in "Vynian", "Disco" e "Mes stars et moi". Nel 2010 in altri film francesi: "Nous trois" e "Ça commence par la fin".

Tiziano Filipponi

Emmanuelle Béart Filmografia - Cinema

Emmanuelle Béart

  • La corsa della lepre attraverso i campi, regia di René Clément (Non accreditata) (1971)
  • Demain les mômes, regia di Jean Pourtalé (1975)
  • Premiers désirs, regia di David Hamilton (1983)
  • Una strana passione, regia di Jean-Pierre Dougnac (1984)
  • L'amour en douce, regia di Édouard Molinaro (1985)
  • Manon delle sorgenti, regia di Claude Berri (1986)
  • Appuntamento con un angelo, regia di Tom McLoughlin (1987)
  • À gauche en sortant de l'ascenseur, regia di Édouard Molinaro (1988)
  • Les enfants du désordre, regia di Yannick Bellon (1989)
  • Le bateau de Lu, regia di Christine Citti (1990)
  • Il viaggio di Capitan Fracassa, regia di Ettore Scola (1990)
  • La bella scontrosa, regia di Jacques Rivette (1990)
  • Niente baci sulla bocca, regia di André Téchiné (1991)
  • Contre l'oubli, regia di Michel Deville (Episodio "Pour Nguyen Chi Thien, Vietnam") (1991)
  • Un cuore in inverno, regia di Claude Sautet (1991)
  • Rupture(s), regia di Christine Citti (1993)
  • L'inferno, regia di Claude Chabrol (1994)
  • Nelly e Mr. Arnaud, regia di Claude Sautet (1995)
  • Una donna francese, regia di Régis Wargnier (1995)
  • Mission: Impossible, regia di Brian de Palma (1996)
  • Le dernier chaperon rouge, regia di Jan Kounen (1996)
  • Don Juan, regia di Jacques Weber (1998)
  • Il tempo ritrovato, regia di Raúl Ruiz (1998)
  • Vite rubate, regia di Yves Angelo (1998)
  • Elephant Juice, regia di Sam Miller (1999)
  • Pranzo di Natale, regia di Danièle Thompson (1999)
  • Les Destinées sentimentales, regia di Olivier Assayas (2000)
  • Voyance et manigance, regia di Éric Fourniols (2000)
  • La répétition, regia di Catherine Corsini (2001)
  • 8 donne e un mistero, regia di François Ozon (2002)
  • Searching For Debra Winger, regia di Rosanna Arquette (Documentario) (2002)
  • Anime erranti, regia di André Téchiné (2003)
  • Storia di Marie e Julien, regia di Jacques Rivette (2003)
  • Nathalie..., regia di Anne Fontaine (2004)
  • À boire, regia di Marion Vernoux (2004)
  • Un fil à la patte, regia di Michel Deville (2005)
  • L'enfer, regia di Danis Tanovic (2005)
  • Un crimine, regia di Manuel Pradal (2006)
  • Un eroe di famiglia, regia di Thierry Klifa (2006)
  • I testimoni, regia di André Téchiné (2007)
  • Vinyan, regia di Fabrice Du Welz (2008)
  • Disco, regia di Fabien Onteniente (2008)
  • Mes stars et moi, regia di Laetitia Colombani (2008)
  • Nous trois, regia di Renaud Bertrand (2010)
  • Ça commence par la fin, regia di Michaël Cohen (2010)
  • My Mistress, regia di Stephen Lance (2014)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *