Ellen Barkin

Attrice e produttrice cinematografica statunitense, Ellen Barkin è la prova di come alcune star hollywoodiane acquistino fascino nel corso del tempo, attrice simbolo delle pellicole di successo anni Ottanta.

Ellen Barkin, la bionda stravagante

(New York, 16 Aprile 1954)


Ellen Barkin 4Ellen Barkin, nasce il 16 aprile 1954 nella città di New York, da una modesta famiglia di fede ebraica e cresce tra il Bronx e il Queens, sognando già da piccolissima di divenire una star dell’olimpo hollywoodiano.

Dopo essersi diplomata alla Manhattan’s High School of the Performing Arts, decisa a dar vita a quella immagine di sé in cui si vede attraversare trionfante i red carpet di tutto il mondo, la Barkin rimane comunque con i piedi per terra e non rinuncia alla cultura iscrivendosi all’Hunter College, dove conseguirà con soddisfazione la laurea in Storia Antica.

Nonostante le numerose offerte di insegnamento, la giovane decide comunque di tornare al suo primo amore, la recitazione, e continua i propri studi nei prestigiosi Actor’s Studios della Grande Mela. In principio molto timorosa dei giudizi, nonostante le ottime capacità interpretative, debbono passare ben sette anni prima che approdi alla primissima audizione della sua vita.

Timidi inizi di una carriera brillante

Ellen Barkin 1Sono i timidi inizi di una sfolgorante carriera, durante i quali la vediamo calcare il palco di alcuni importanti teatri e nel frattempo lavorare come cameriera all’Ocean Club di Manhattan. Arriva presto il 1982, l’anno del debutto su pellicola, quello in cui il regista Barry Levinson la rende protagonista del plauso della critica, offrendole il ruolo di Beth in “A cena con gli amici” (1982). Sebbene realizzato con attori praticamente sconosciuti, a causa del limitatissimo budget, in pochi anni quasi la totalità del cast ottiene popolarità; lo stesso avviene per la Barkin, che a partire da questo momento, firma un notevole quantitativo di ruoli per sceneggiature di discreta notorietà. In “Tender Mercies – Un tenero ringraziamento” (1983), film di Bruce Beresford, recita la parte della giovane moglie trascurata; nel film diretto da Paul Newman, “Harry & Son” (1984), si ritrova nei panni della bella Katie e ancora, in “Buckaroo Banzai” (1984), film ispirato ai fumetti di Earl MacRauch, in quelli di Penny Priddy.

La “Seduzione pericolosa” di Ellen Barkin


Ellen Barkin 5Nel 1986 è con Roberto Benigni e Tom Waits nel progetto di Jim Jarmusch, “Down by Law” (1986) o “Daunbailò”, come scempiato nella versione italiana e con Jon Voight in “Un fiore del deserto” (1986). Si esibisce in ruoli più smaliziati, prima al fianco di Dennis Quaid in “The Big Easy” (1987), poi al fianco dell’attore irlandese Gabriel Byrne, in “Siesta” (1987), con cui nel privato contrarrà il suo primo matrimonio e dal quale avrà due bambini. Ormai affermatasi come la cattiva ragazza del cinema di quegli anni, grazie anche ad un’avvenente fisicità e ai ruoli sempre più disinibiti che ogni volta le vengono offerti, giunge per la Barkin la fortunosa occasione di collaborare con il grande Al Pacino, sul set di una delle pellicole di maggior pregio della propria filmografia: il poliziesco “Seduzione pericolosa” (1989). Nel 1989 è anche nel cast di “Johnny il bello” con un Mickey Rourke ancora in forma diretto da Walter Hill.

Segue poi un decennio altrettanto proficuo, durante il quale mette a segno lavori di valida fattura come: “Nei panni di una bionda” (1991), in cui si mostra, grazie al maestro Blake Edwards, padrona di una vena comica fino ad allora rimasta celata; la deliziosa commedia girata con Jack NicholsonLa gatta e la volpe” (1992); “Voglia di ricominciare” (1993) dove è la madre di un giovanissimo Leonardo DiCaprio che deve subire i maltrattamenti del patrigno Robert De Niro; “Bad Company” (1994) in cui è protagonista con Laurence Fishburne; “The Fan – Il mito” (1996) di Tony Scott con Robert De Niro e Wesley Snipes; per finire con “Paura e delirio a Las Vegas” (1998) del visionario Terry Gilliam che chiude in positivo il bilancio degli anni Novanta.

Una vena comica sviluppata, un'attrice con la “Voglia di ricominciare”

Ellen Barkin 6Arriviamo infine al nuovo millennio, inaugurato dalle nozze con il proprietario della casa di cosmetici Revlon, Ron Perelman. Nel 2004 il grande pubblico non può non apprezzarla prima per “Lei mi odia” (2004) di Spike Lee e poi per il ruolo assolutamente riuscito di Abigail Sponder, l’assistente del magnate impersonato da Pacino in “Ocean’s 13” (2007), new-entry insieme a lei del cast. Unica presenza femminile contrapposta alla banda di Soderbergh, Ellen Barkin ha finalmente l’occasione di spiccare per ironia e talento, contando ancora una volta su una presenza fisica che gli anni trascorsi non sembrano aver minimamente sfiorito.

Prima di tale esperienza firma per la commedia “Uomini e donne – Tutti dovrebbero venire…almeno una volta!” (2005), mentre successivamente torna sulla scena prima con “Brooklyn’s Finest”, pellicola di Antoine Fuqua con Richard Gere, presentato fuori concorso al Festival di Venezia e poi con il thriller francese “The Chameleon” oltre che con “Twelve” (2010), dal cast nutrito e dalla trama promettente. Una carriera ricca di esperienze dunque quella di Ellen Barkin, che dopo il divorzio con il miliardario Perelman nel 2006, vive a Manhattan con i due figli adolescenti Jack e Romey Marion, per il cui bene avrebbe deciso di rifiutare d’ora in avanti le scene di nudo. Una vita dunque divisa tra gli impegni di mamma, di attrice e quelli di produttrice indipendente per la Applehead Pictures, la società fondata con il fratello George e con avanti a sé ancora un brillante futuro artistico che è impossibile non augurarle dopo le tante prove superate.

A partire dal 10 settembre 2012 interpreta Jane Forrest nella serie tv creata dal papà di "Glee" Ryan Murphy e da Allison Adler. Trasmessa in Italia da Fox, il successo "The New Normal" ha come protagonista una coppia gay di Los Angeles che cerca di avere un figlio attraverso una madre surrogato.

Cecilia Sabelli

Ellen Barkin Filmografia - Cinema

Ellen Barkin 3

  • A cena con gli amici, regia di Barry Levinson (1982)
  • Tender Mercies - Un tenero ringraziamento, regia di Bruce Beresford (1983)
  • La banda di Eddie, regia di Martin Davidson (1983)
  • Daunbailò, regia di Jim Jarmusch (1986)
  • Siesta, regia di Mary Lambert (1987)
  • La contropartita, regia di Jerry Schatzberg (1988)
  • Seduzione pericolosa, regia di Harold Becker (1989)
  • Johnny il bello, regia di Walter Hill (1989)
  • Nei panni di una bionda, regia di Blake Edwards (1991)
  • Bad Company, regia di Michael Caton-Jones (1993)
  • Bad Company, regia di Damian Harris (1994)
  • Wild Bill, regia di Walter Hill (1995)
  • The Fan - Il mito, regia di Tony Scott (1996)
  • La gatta e la volpe, regia di Bob Rafelson (1996)
  • Paura e delirio a Las Vegas, regia di Terry Gilliam (1998)
  • Bella da morire, regia di Michael Patrick Jann (1999)
  • Mercy - senza pietà, regia di Damian Harris (2000)
  • Qualcuno come te, regia di Tony Goldwyn (2001)
  • Lei mi odia, regia di Spike Lee (2004)
  • Palindromes, regia di Todd Solondz (2004)
  • Uomini & donne - Tutti dovrebbero venire... almeno una volta!, regia di Bart Freundlich (2006)
  • Ocean's Thirteen, regia di Steven Soderbergh (2007)
  • Brooklyn's Finest, regia di Antoine Fuqua (2009)
  • Operation: Endgame, regia di Fouad Mikati (2010)
  • Another Happy Day, regia di Sam Levinson (2011)
  • Very Good Girls, regia di Naomi Foner (2013)
  • Mr Cobbler e la bottega magica (The Cobbler), regia di Thomas McCarthy (2014)
  • Hands of Stone, regia di Jonathan Jakubowicz (2016)

Ellen Barkin Filmografia - Televisione

  • The New Normal (Serie TV) (2012-2013)
  • Very Good Girls, regia di Naomi Foner (2013)
  • The New Normal (Serie TV) (2012-2013)
  • The Cobbler, regia di Thomas McCarthy (2014)
  • Animal Kingdom (Serie TV) (2016-in corso)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *