Dario Albertini

Classe 1974, Dario Albertini si è fatto le ossa nel mondo del documentario, seguendo personalmente ogni fase della lavorazione, dalle riprese alla fotografia, al suono e alle musiche. Giunge al lungometraggio di finzione nel 2017 con "Manuel", un film apprezzato a livello internazionale.

Dario Albertini, un artista completo, che spazia dal cinema alla musica con naturalezza

(Roma,    1974)

dario albertini immagine

Il suo primo documentario è “Slot - Le intermittenti luci di Franco”, col quale porta sullo schermo la storia di un giocatore d’azzardo compulsivo. Tanti i premi per questo primo lavoro: Premio Marcellino De Baggis, Premio Cinedocumentario, Premio ‘Adriano Asti’ Miglior Documentario, Premio D.E.R Visioni Doc, finalista al  Premio Doc/it Professional Award finalista.

Ha poi realizzato in co-produzione con Rai Cinema “La Repubblica dei Ragazzi”, un interessante documentario che tratta  dell’autogoverno all’interno di una comunità per giovani privi di sostegno famigliare, nata nell’immediato dopoguerra nei pressi di Civitavecchia. Anche quest’opera viene accolta con favore, ricevendo il Premio 400 colpi Vittorio Veneto Film Festival  e il Premio Cinema Fedic.

Segue, nel 2015, “Incontri al mercato”, in cui osserva la quotidianità di tre persone, conosciute al mercato cittadino, che riceve il Premio ‘Franco Basaglia’ e il Premio ITFF.

Arriva "Manuel", il primo lungometraggio di finzione

Nel 2017 il regista romano decide di cimentarsi nel lungometraggio di finzione con “Manuel”, presentato alla 74ª Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia, nella sezione Cinema nel giardino. Il film subito apprezzato da pubblico e addetti ai lavori, ottiene diversi riconoscimenti, tra cui Miglior Film e Miglior Attore al Bimbi Belli 2018, il festival diretto da Nanni Moretti. Il regista romano trae ispirazione dalle realtà con cui è venuto a contatto durante la lavorazione del documentario “La Repubblica dei Ragazzi”. Manuel è un giovane ragazzo, che lascia il centro che lo ha accolto fino alla maggiore età per affacciarsi ad un mondo in cui fatica a trovare il suo posto. A dare un volto al protagonista Andrea Lattanzi.

Nel 2021 realizza “Anima bella”, presentato ad Alice nella città, Sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma. La kermesse conferisce alla protagonista Madalina Maria Jekal il premio RB Casting per la migliore interpretazione. Con questo film Albertini torna a trattare il tema della ludopatia, fulcro narrante del suo primo documentario “Slot - Le intermittenti luci di Franco”. La devastazione che è capace di generare in seno alle famiglie questo male subdolo è vista attraverso gli occhi di Gioia, una giovanissima ragazza, che cerca di portar fuori il padre da questo baratro del gioco. Il film è stato premiato anche al Festival Cinemed Méditerranéen di Montpellier.

Maria Grazia Bosu

Dario Albertini Filmografia

anima bella foto
Anima Bella 2021

  • Slot - Le intermittenti luci di franco (Documentario - 2013)
  • La Repubblica dei Ragazzi (Documentario - 2014)
  • Insanus  (Corto - Brano 'Nocturna' - 2015)
  • Incontri al mercato (Documentario - 2015)
  • Manuel (2017)
  • The Last Man Breathing"  (Corto - 2019)
  • Anima bella (2021)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *