Corpus Christi (2019)

  • Regia: Jan Komasa
  • Cast: Bartosz Bielenia, Aleksandra Konieczna, Tomasz Zietek, Aleksandra Konieczna, Łukasz Simlat, Leszek Lichota
  • Genere: drammatico, colore
  • Durata: 116 minuti
  • Produzione: Polonia, 2019
  • Distribuzione: Wanted Cinema
  • Data di uscita: 29 ottobre 2020

Corpus Christi “Corpus Christi”, diretto da Jan Komasa prende spunto da un fatto realmente accaduto, attraverso la storia di un giovane tormentato e di un Paese profondamente chiuso in se stesso. Il film ha ricevuto numerosi premi e la nomination all'Oscar per Miglior Film Straniero. Presentato alla 76ª Mostra del Cinema di Venezia, alla 44ª edizione del Toronto International Film Festival, “Corpus Christi” ha ottenuto quindici candidature e undici premi ai Polskie Nagrody Filmowe.

Corpus Christi: la trama

Daniel è un giovane fragile e tormentato. Recluso all'età di vent'anni in un centro di detenzione a causa di un grave crimine commesso e di altri reati minori. La sua massima aspirazione e il suo sogno erano quelli di diventare sacerdote, obiettivo ormai impossibile da raggiungere a causa di una fedina penale non immacolata che lo influenzerà per tutta la vita.

La sua profonda trasformazione spirituale e presa di coscienza lo spingono però a tentare qualsiasi cosa nonostante il suo oscuro passato, un passato dal quale potrà redimersi solo attraverso una fede che sente di dover sempre seguire.

Inviato in un paese lontano dal riformatorio, durante un permesso lavorativo e ancora in libertà vigilata, Daniel indossa gli abiti da sacerdote iniziando ad amministrare la parrocchia della piccola comunità. Creduto un prete e sentendo finalmente di aver coronato il suo sogno, sostituisce l'attuale parroco, circondato da fedeli che lo seguono e stimano.

Un duplice equilibrio

Secondo lungometraggio di finzione di Jan Komasa, quando è uscito in Polonia, “Corpus Christi” è diventato uno dei film di maggior successo nella storia dei Polskie Nagrody Filmowe. Si è infatti aggiudicato i più importanti premi di Miglior Film, Miglior Sceneggiatura, Miglior Regia, Miglior Attore protagonista e Miglior Attrice protagonista.

Attraverso le contraddizioni di un giovane che diventano poi quelle di un'intera comunità e poi di una Nazione, il regista si fa portavoce di un forte senso morale, rappresentando tutti quei pregiudizi e quelle convenzioni sociali che governano il mondo. Un protagonista che, sbagliando in passato, intraprende quel processo di redenzione spesso soltanto ideale, e che parte prima da tutto dalla consapevolezza che il mondo sarà sempre pieno di quelle tentazioni che portano a commettere gli stessi errori.


Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *