Clive Owen

'Meglio tardi che mai', potrebbe essere il giusto proverbio per la carriera di Clive Owen, sbocciata tardi rispetto agli standard Hollywoodiani, ma che in pochissimi anni, oltre a regalargli un Golden Globe, un BAFTA e svariate nomination sparse tra un film e l'altro, gli ha consentito di affermarsi come uno dei migliori attori del nuovo millennio.

Clive Owen, attore "figlio degli uomini"

(Coventry, 3 ottobre 1964)

L' attore Clive OwenNell’ottobre 2005 gli inglesi lo avrebbero voluto come interprete dell’agente 007, James Bond, e lo votarono in un sondaggio organizzato da Skynews. Nello stesso mese fu invece annunciato che Daniel Craig avrebbe ricoperto quel ruolo, tuttavia la carriera di Clive Owen, ormai decollata, non ne venne danneggiata ma Owen si trovò più volte a dover difendere l’interpretazione piuttosto criticata di Craig in “Casino Royale”.

Clive Owen nasce a Coventry, quarto dei cinque figli di Pamela e del cantante country Jess Owen. Il padre abbandona la famiglia quando Clive ha solo tre anni, il piccolo verrà cresciuto dalla madre e dal nuovo compagno di lei. L’attore inglese frequenta la Binley Park Comprehensive School e inizia a recitare a teatro a tredici anni.

L'attore diviso tra tv, teatro e cinema

Dopo il diploma nel 1984, viene ammesso alla Royal Academy of Dramatic Art dove rimarrà per tre anni e studierà insieme ai giovani Ralph Fiennes e Jane Horrocks. Nel 1987 entra nella compagnia teatrale dello Young Vic che gli offrirà soprattutto ruoli in opere di Shakespeare.

Qui, mentre veste i panni di Romeo, incontra la sua Giulietta, ovvero l’attrice Sarah Jane Fenton, che sposerà nel 1995 e dalla quale avrà due figlie: Hannah e Eve.

Clive Owen partecipa ad alcune serie TV inglesi, mentre al cinema fa il suo debutto con una breve apparizione in “Vroom” (1988). Nel 1991 la critica si accorge di lui grazie a “Close My Eyes” di Stephen Poliakoff, in cui interpreta un fratello che intrattiene una relazione incestuosa con la sorella.

Clive Owen continua a dividersi tra TV, teatro e cinema quando nel 1996 Hollywood lo nota ne “La moglie di un uomo ricco” con Halle Berry. Due anni dopo è uno scrittore che ottiene un lavoro in un casinò di Londra in “Croupier” ("Il colpo - Analisi di una rapina”) di Mike Hodges.

Professore assassino di Matt Damon, poi dermatologo inquietante in "Closer"

Tra il 2001 e il 2002 ottiene due ruoli importanti: quello del valletto di Lord Stockbridge in “Gosford Park”, di Robert Altman e quello del professore assassino in “The Bourne Identity”, con Matt Damon.

Nel 2003 è sul set con Angelina Jolie in “Amore senza confini”. Successivamente Antoine Fuqua lo vuole nei panni di Artù nel film “King Arthur”, accanto a Keira Knightley.

Nello stesso anno, il 2004, è il dermatologo Larry nel film “Closer”, di Mike Nichols con Natalie Portman, Julia Roberts e Jude Law. Si tratta del suo ruolo più premiato: conquista un BAFTA e un Golden Globe come Miglior Attore Non Protagonista e ottiene una nomination all’Oscar.

Un "rapinatore di banche" d'eccezione per "Inside Man": è Clive Owen

Owen aveva già portato nei teatri di Londra e di Broadway “Closer” nelle vesti di un altro personaggio, Dan. Nel 2005 è sul set di “Sin City”, tratto dall’omonimo fumetto di Miller, che diviene immediatamente un cult e dal quale verranno tratti due sequel, uno nel 2009 e un altro nel 2014.

È poi presente nell’action movie “Derailed - Attrazione letale” (2005) con un cattivo Vincent Cassel e con Jennifer Aniston.

Nel 2006, dopo che Daniel Craig gli ha “scippato” il ruolo di 007, Clive regala un esilarante cameo nel remake de “La pantera rosa” con un agente segreto chiamato Nigel Boswell agente 006. Spike Lee lo vuole per interpretare Dalton Russel, rapinatore di banche in “Inside Man” (2006), accanto a Denzel Washington e Jodie Foster.

Una carriera "variopinta", tra movie-drama e film d'azione

Dopo “I figli degli uomini” (2006), interpreta sir Walter Raleigh, il navigatore di cui si innamora la regina Elisabetta in “Elizabeth – The Golden Age” (2007). Ancora un film d’azione sempre nel 2007 con “Shoot’em Up” con Monica Bellucci e Paul Giamatti. Qui l’attore inglese è un disadattato con un solo talento (sparare) che deve prendersi cura di un neonato trovato in strada accanto al cadavere della madre.

Nel 2009 lo troviamo nel sequel di “Sin City”; in "Duplicity" accanto a Julia Roberts; in "The International" con Naomi Watts e nell’adattamento del romanzo “The Boys Are Back” per la Miramax.

Il 2010 lo vede impegnato in "Trust", pellicola che affronta la tematica delle violenze sui minorenni tramite le chat e i social network e, nel 2011, è nel cast di "Intruders". L'anno successivo è, invece, sul set di "Doppio gioco - la verità si nasconde nell'ombra", uscito nelle sale italiane a giugno 2013.

Possibile erede di Sean Connery?

Appare poi in “Blood Ties” nei panni del fratello delinquente di un poliziotto, per la regia di Guillaume Canet  e in “Words and Pictures” di Fred Schepisi. Nel 2014 è il protagonista della serie TV "The Knick" diretta da Steven Soderbergh. Nel 2015 è protagonista accanto a Morgan Freeman dell'action movie "The Last Knights", diretto da Kazuaki Kiriya

Con il suo fisico imponente, i tratti del viso marcati, gli occhi chiari e l’espressione un po’ ingrugnita sarebbe stato sicuramente un degno erede di Pierce Brosnan nei panni dell’agente segreto James Bond, tuttavia a giudicare dai ruoli importanti che ha ottenuto dal 2005 a oggi e dai suoi progetti futuri sembra che la sua carriera abbia preso la marcia giusta anche senza 007.

Lo stesso Clive, del resto, in un’intervista dichiarò che l’unico vero 007 è e rimarrà Sean Connery. Più modesto di così?

Ilaria Capacci

Clive Owen Filmografia - Cinema

Clive Owen biografia

  • Vroom, regia di Beeban Kidron (1988)
  • Close My Eyes, regia di Stephen Poliakoff (1991)
  • La moglie di un uomo ricco, regia di Amy Holden Jones (1996)
  • Bent, regia di Sean Mathias (1997)
  • Il colpo - Analisi di una rapina, regia di Mike Hodges (1998)
  • Gosford Park, regia di Robert Altman (2001)
  • Pollice verde, regia di Joel Hershman (2001)
  • The Bourne Identity, regia di Doug Liman (2002)
  • The Hire, regia di registi vari (2001-2002)
  • I'll Sleep When I'm Dead, regia di Mike Hodges (2003)
  • Amore senza confini, regia di Martin Campbell (2003)
  • King Arthur, regia di Antoine Fuqua (2004)
  • Closer, regia di Mike Nichols (2004)
  • Sin City, regia di Frank Miller e Robert Rodriguez (2005)
  • Derailed - Attrazione letale, regia di Mikael Håfström (2005)
  • La Pantera Rosa, regia di Shawn Levy (Cameo) (2006)
  • Inside Man, regia di Spike Lee (2006)
  • I figli degli uomini, regia di Alfonso Cuarón (2006)
  • Elizabeth: The Golden Age, regia di Shekhar Kapur (2007)
  • Shoot 'Em Up - Spara o muori!, regia di Michael Davis (2007)
  • The International, regia di Tom Tykwer (2009)
  • Duplicity, regia di Tony Gilroy (2009)
  • Ragazzi miei, regia di Scott Hicks (2009)
  • Trust, regia di David Schwimmer (2010)
  • Killer Elite, regia di Gary McKendry (2011)
  • Intruders, regia di Juan Carlos Fresnadillo (2011)
  • Hemingway & Gellhorn, regia di Philip Kaufman (Film TV) (2012)
  • Doppio gioco, regia di James Marsh (2012)
  • Being: Liverpool (Voce) (Documentario) (2012)
  • Blood Ties, regia di Guillaume Canet (2013)
  • Words and Pictures, regia di Fred Schepisi (2013)
  • The Last Knights, regia di Kazuaki Kiriya (2015)
  • The Confirmation, regia di Bob Nelson (2016)
  • Valerian e la città dei mille pianeti, regia di Luc Besson (2017)

Clive Owen Filmografia - Televisione

  • Chancer (Serie TV)  (1990-1991)
  • Sharman (Serie TV) (1996)
  • Second Sight (Serie TV) (1998)
  • Hemingway & Gellhorn, regia di Philip Kaufman (Film TV) (2012)
  • The Knick, regia di Steven Soderbergh (Serie TV) (2014)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *