Ciccio Ingrassia

Ciccio Ingrassia ha rappresentato l’intrattenimento leggero e mai volgare di cui l’artista ha impersonato, come disse il collega Nino Manfredi, “il volto triste della comicità”.

Ciccio Ingrassia, il volto triste della comicità

(Palermo, 5 ottobre 1922 – Roma, 28 aprile 2003)

Ciccio Ingrassia attoreCiccio Ingrassia, al secolo Francesco Magria, nasce a Palermo il 5 ottobre nel 1922 e non nel 1923, come erroneamente divulgherà la stampa senza che l’artista si sia mai premurato di correggere. Quella della data di nascita è la prima delle singolarità di quest’artista che ha segnato per sempre la storia del cinema comico insieme al collega Franco Franchi, alias di Francesco Benenati.

Quarto di cinque figli di un muratore, Ciccio cresce conoscendo la povertà che affronta senza timore per portare avanti il suo sogno: diventare un attore. Sin da giovane la specialità di Francesco è proprio la comicità, in cui risulta particolarmente brillante; non può dirsi lo stesso della sua carriera scolastica, se a quanto si racconta, riesce a stento a prendere la quinta elementare, visti i suoi vistosi problemi in matematica. Poco importa, Francesco vuole sfondare e per sopravvivere non disdegna nel frattempo di fare i lavori più umili: barbiere, falegname, calzolaio. Anche se l’atmosfera in cui vive non è delle più allegre, il ragazzo riesce a farsi notare per i suoi sketch comici in cui imita il suo artista favorito, Totò.

È il 1944, nonostante in tutta Europa infuria la guerra, l’attore, immerso nel clima ispiratore del Bar degli Artisti, fonda con Enzo Andronico e il comico Ciampolo il ‘Trio Sgambetta’ e comincia a calcare la scena dell’avanspettacolo: da allora il suo destino è segnato.

Alla fine della Guerra, Francesco si trasferisce a Torino, dove conosce Gino Bramieri, ancora agli esordi, e la sua futura moglie, Rosaria Calì, che sposa nel 1960 e da cui avrà il figlio Giampiero nel 1961. Sono gli anni del suo debutto al cinema, collabora con Mario Mattioli in “Appuntamento a Ischia” (1960) e viene diretto da Vittorio De Sica ne “Il giudizio universale” (1961).

Francesco Magria e Francesco Benenato, o meglio, Ciccio Ingrassia e Franco Franchi

La vera svolta però arriva con l’unione artistica con Franco Franchi, durata a fasi alterne sino alla morte di quest’ultimo nel 1992. L’attore, ormai stabilmente avviato alla professione, incontra il Benenati (vero cognome di Franco Franchi) per caso a Palermo negli anni ’50 ed è amore a prima vista. Dagli anni ‘60 il mitico duo, così fortunatamente creatosi, nominatosi Franco e Ciccio, partecipa a più di 120 film. Nonostante la critica li stronchi spesso e volentieri, il pubblico premia da subito il loro lavoro e la popolarità degli attori è tale che la coppia viene definita “d’oro” (si pensi che nel 1964 i loro film da soli riescono a realizzare il 10% degli incassi totali del botteghino italiano).

L’amicizia di Franco e Ciccio non è soltanto un’unione di comodo, è un’amicizia sincera, dimostrata paradossalmente dalle furiose liti. Agli inizi degli anni ’70 si consuma persino una rottura, in diretta durante un programma condotto da Raffaella Carrà. Gli artisti però riescono a superare i loro dissapori quando Ciccio si scusa con l’amico, sempre in diretta TV, a Domenica In nel 1980, grazie a Pippo Baudo.

Durante il decennio di rottura, Ciccio arricchisce il suo curriculum di interpretazioni indimenticabili, come quella dello ‘zio matto’ in “Amarcord” di Federico Fellini (1973) e quella dell’onorevole Voltrano in “Todo modo” (1975) di Elio Petri, tratto dall'omonimo libro di Sciascia; quest’ultimo ruolo gli frutta il Nastro d’Argento come Miglior Attore Non Protagonista. Indimenticabile per gli estimatori “L’esorciccio” con Lino Banfi, sempre del 1975.

'Il viaggio' di capitan Ciccio Ingrassia

Negli anni Novanta lo ritroviamo in pellicole come "Il viaggio di Capitan Fracassa"(1990) di Ettore Scola e il "Condominio" (1991) di Felice Farina. La sua ultima interpretazione è del 1996, quando veste i panni di un mendicante in "Fatal Frames - Fotogrammi mortali" di Al Festa.

Il 28 aprile 2003, 11 anni dopo la morte dell’amico Franco e 7 anni dopo il suo ritiro dalle scene, il grande comico italiano si spegne al Policlinico Gemelli di Roma, circondato dall’affetto dei suoi cari e dall’ammirazione del pubblico e della critica, finalmente benevola.

Vanessa Ricciardi


Ciccio Ingrassia Filmografia - Cinema

Ciccio Ingrassia filmografia

  • Appuntamento a Ischia, regia di Mario Mattoli (1960)
  • L'onorata società, regia di Riccardo Pazzaglia (1961)
  • 5 marines per 100 ragazze, regia di Mario Mattoli (1961)
  • Maciste contro Ercole nella valle dei guai, regia di Mario Mattoli (1961)
  • Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)
  • Pugni pupe e marinai, regia di Daniele D'Anza (1961)
  • Gerarchi si muore, regia di Giorgio Simonelli (1961)
  • Il mio amico Benito, regia di Giorgio Bianchi (1962)
  • I tre nemici, regia di Giorgio Simonelli (1962)
  • I due della legione, regia di Lucio Fulci (1962)
  • 2 samurai per 100 geishe, regia di Giorgio Simonelli (1962)
  • Le massaggiatrici, regia di Lucio Fulci (1962)
  • I motorizzati, regia di Camillo Mastrocinque (1962)
  • Vino, whisky e acqua salata, regia di Mario Amendola (1962)
  • Avventura al motel, regia di Renato Polselli (1963)
  • Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1963)
  • La donna degli altri è sempre più bella, regia di Marino Girolami (1963)
  • Obiettivo ragazze, regia di Mario Mattoli (1963)
  • Tutto è musica, regia di Domenico Modugno (1963)
  • Gli imbroglioni, regia di Lucio Fulci (1963)
  • I due mafiosi, regia di Giorgio Simonelli (1964)
  • 2 mattacchioni al Moulin Rouge, regia di Giuseppe Vari (1964)
  • Le tardone, regia di Marino Girolami (1964)
  • I maniaci, regia di Lucio Fulci (1964)
  • Queste pazze, pazze donne, regia di Marino Girolami (1964)
  • Canzoni, bulli e pupe, regia di Carlo Infascelli (1964)
  • I marziani hanno 12 mani, regia di Castellano e Pipolo (1964)
  • Due mafiosi nel Far West, regia di Giorgio Simonelli (1964)
  • L'amore primitivo, regia di Luigi Scattini (1964)
  • Le sette vipere (Il marito latino), regia di Renato Polselli (1964)
  • Cadavere per signora, regia di Mario Mattoli (1964)
  • I due evasi di Sing Sing, regia di Lucio Fulci (1964)
  • Amore facile, regia di Gianni Puccini (1964)
  • 00-2 agenti segretissimi, regia di Lucio Fulci (1964)
  • Sedotti e bidonati, regia di Giorgio Bianchi (1964)
  • I due toreri, regia di Giorgio Simonelli (1964)
  • Un mostro e mezzo, regia di Steno (1964)
  • Veneri al sole, regia di Marino Girolami (1964)
  • I due pericoli pubblici, regia di Lucio Fulci (1964)
  • Soldati e caporali, regia di Mario Amendola (1964)
  • Io uccido, tu uccidi, regia di Gianni Puccini (1965)
  • Letti sbagliati, regia di Steno (1965)
  • Per un pugno nell'occhio, regia di Michele Lupo (1965)
  • I figli del leopardo, regia di Sergio Corbucci (1965)
  • Scandali nudi, regia di Enzo Di Gianni (1965)
  • Veneri in collegio, regia di Marino Girolami (1965)
  • Gli amanti latini, regia di Mario Costa (1965)
  • I due sergenti del generale Custer, regia di Giorgio Simonelli (1965)
  • Come inguaiammo l'esercito, regia di Lucio Fulci (1965)
  • Due mafiosi contro Goldginger, regia di Giorgio Simonelli (1965)
  • 00-2 Operazione Luna, regia di Lucio Fulci (1965)
  • Due marines e un generale, regia di Luigi Scattini (1965)
  • I due parà, regia di Lucio Fulci (1965)
  • 2 mafiosi contro Al Capone, regia di Giorgio Simonelli (1966)
  • Come svaligiammo la Banca d'Italia, regia di Lucio Fulci (1966)
  • Le spie vengono dal semifreddo, regia di Mario Bava (1966)
  • I due sanculotti, regia di Giorgio Simonelli (1966)
  • Gli altri, gli altri... e noi, regia di Maurizio Arena (1966)
  • I due figli di Ringo, regia di Giorgio Simonelli e Giuliano Carnimeo (1966)
  • Come rubammo la bomba atomica, regia di Lucio Fulci (1967)
  • Il lungo, il corto, il gatto, regia di Lucio Fulci (1967)
  • I zanzaroni, regia di Ugo La Rosa (1967)
  • Il bello, il brutto, il cretino, regia di Giovanni Grimaldi (1967)
  • Due rrringos nel Texas, regia di Marino Girolami (1967)
  • Stasera mi butto, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1967)
  • I due vigili, regia di Giuseppe Orlandini (1967)
  • I barbieri di Sicilia, regia di Marcello Ciorciolini (1967)
  • Nel sole, regia di Aldo Grimaldi (1967)
  • Brutti di notte, regia di Giovanni Grimaldi (1968)
  • L'oro del mondo, regia di Aldo Grimaldi (1968)
  • Capriccio all'italiana, regia di Mauro Bolognini, Mario Monicelli, Pier Paolo Pasolini, Steno, Pino Zac e Franco Rossi (1968)
  • Franco, Ciccio e le vedove allegre, regia di Marino Girolami (1968)
  • I due crociati, regia di Giuseppe Orlandini (1968)
  • Don Chisciotte e Sancio Panza, regia di Giovanni Grimaldi (1968)
  • Ciccio perdona... Io no!, regia di Marcello Ciorciolini (1968)
  • I 2 pompieri, regia di Bruno Corbucci (1968)
  • I nipoti di Zorro, regia di Marcello Ciorciolini (1968)
  • I due magnifici fresconi (un imbroglio tutto curve), regia di Marino Girolami (1968)
  • I 2 deputati, regia di Giovanni Grimaldi (1969)
  • Indovina chi viene a merenda?, regia di Marcello Ciorciolini (1969)
  • Franco, Ciccio e il pirata Barbanera, regia di Mario Amendola (1969)
  • Franco e Ciccio... ladro e guardia, regia di Marcello Ciorciolini (1969)
  • Lisa dagli occhi blu, regia di Bruno Corbucci (1969)
  • Satiricosissimo, regia di Mariano Laurenti (1970)
  • Nel giorno del Signore, regia di Bruno Corbucci (1970)
  • Franco e Ciccio sul sentiero di guerra, regia di Aldo Grimaldi (1970)
  • Don Franco e Don Ciccio nell'anno della contestazione, regia di Marino Girolami (1970)
  • Ma chi t'ha dato la patente?, regia di Nando Cicero (1970)
  • I due Maggiolini più matti del mondo, regia di Giuseppe Orlandini (1970)
  • Principe coronato cercasi per ricca ereditiera, regia di Giovanni Grimaldi (1970)
  • W le donne, regia di Aldo Grimaldi (1970)
  • Due bianchi nell'Africa nera, regia di Bruno Corbucci (1970)
  • I due maghi del pallone, regia di Mariano Laurenti (1970)
  • Il clan dei due Borsalini, regia di Giuseppe Orlandini (1971)
  • Mazzabubù... Quante corna stanno quaggiù?, regia di Mariano Laurenti (1971)
  • ...Scusi, ma lei le paga le tasse?, regia di Mino Guerrini (1971)
  • Ma che musica maestro, regia di Mariano Laurenti (1971)
  • I due della F. 1 alla corsa più pazza, pazza del mondo, regia di Osvaldo Civirani (1971)
  • Venga a fare il soldato da noi, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1971)
  • Riuscirà l'avvocato Franco Benenato a sconfiggere il suo acerrimo nemico il pretore Ciccio De Ingras?, regia di Mino Guerrini (1971)
  • Armiamoci e partite!, regia di Nando Cicero (1971)
  • I due pezzi da 90, regia di Osvaldo Civirani (1971)
  • I due assi del guantone, regia di Mariano Laurenti (1971)
  • Continuavano a chiamarli i due piloti più matti del mondo, regia di Mariano Laurenti (1972)
  • Continuavano a chiamarli... er più e er meno, regia di Giuseppe Orlandini (1972)
  • I due figli di Trinità, regia di Osvaldo Civirani (1972)
  • I due gattoni a nove code... e mezza ad Amsterdam, regia di Osvaldo Civirani (1972)
  • Storia di fifa e di coltello - Er seguito der Più, regia di Mario Amendola (1972)
  • La violenza: quinto potere, regia di Florestano Vancini (1972)
  • Amarcord, regia di Federico Fellini (1973)
  • Paolo il freddo, regia di Ciccio Ingrassia (1974)
  • Farfallon, regia di Riccardo Pazzaglia (1974)
  • Paolo il freddo, regia di Ciccio Ingrassia (1974)
  • Il cav. Costante Nicosia demoniaco ovvero: Dracula in Brianza, regia di Lucio Fulci (1975)
  • Bianchi cavalli d'agosto, regia di Raimondo Del Balzo (1975)
  • L'esorciccio, regia di Ciccio Ingrassia (1975)
  • Todo modo, regia di Elio Petri (1975)
  • L'ingorgo, regia di Luigi Comencini (1979)
  • Domani accadrà, regia di Daniele Luchetti (1988)
  • Crema, cioccolata e pa... prika, regia di Michele Massimo Tarantini (1981)
  • Kaos (episodio "La giara"), regia di Paolo Taviani e Vittorio Taviani (1984)
  • Il viaggio di Capitan Fracassa, regia di Ettore Scola (1990)
  • Condominio, regia di Felice Farina (1991)
  • Viaggio d'amore, regia di Ottavio Fabbri (1991)
  • La via del cibo, regia di Eugenio Donadoni e Paolo Ippolito (1994)
  • Camerieri, regia di Leone Pompucci (1995)
  • Giovani e belli, regia di Dino Risi (1996)
  • Fatal Frames - Fotogrammi mortali, regia di Al Festa (1996)

Ciccio Ingrassia filmografia - Televisione

  • Le avventure di Pinocchio, regia di Luigi Comencini (1972)
  • Klimbim (Serie TV), regia di Michael Pfleghar (1978)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *