Christopher Nolan divorzia da Warner Bros.?

Christopher Nolan divorzia da Warner Bros.?

Il sodalizio tra Warner Bros. e Chistopher Nolan è stato minato la scorsa settimana quando la Warner Bros. ha lanciato la notizia bomba di rilasciare l’intero listino del 2021 contemporaneamente su HBO Max e in tutti i cinema rimasti aperti. Giorni dopo, Nolan non ha usato mezzi termini: secondo lui, la Warner Bros. stava commettendo un errore catastrofico. I suoi commenti violenti ora lasciano domande senza risposta sullo stato di salute dei legami fra il regista e lo studio che considera come una casa.

Christopher Nolan e Warner Bros.: un sodalizio partito nel 2002

Christopher Nolan

La collaborazione tra Christopher Nolan e la Warner Bros. è iniziata nel 2002 con “Insomnia“. Tutti i film che il regista ha diretto sono stati apprezzati da critica e pubblico; basti pensare alla trilogia del Cavaliere Oscuro, al fantascientifico “Inception” del 2010 e al film sulla Seconda Guerra Mondiale del 2017 “Dunkirk“. Il legame durato quasi due decenni tra il regista di successo e lo studio di Hollywood ha gettato le basi per uno dei rapporti di lavoro più proficui nella storia dello spettacolo moderno.

Quando Christopher Nolan ha firmato per dirigere “Interstellar” del 2014 per la Paramount Pictures, lo ha fatto a una condizione: la Warner Bros. avrebbe dovuto essere coinvolta in qualche modo.

Oggi questo sodalizio sembra essere entrato in crisi. La scorsa settimana la Warner Bros. ha annunciato la sua decisione di far uscire l’intero listino del 2021 contemporaneamente su HBO Max e in tutti i cinema aperti. Qualche giorno dopo, il regista ha affermato che la Warner Bros. stava commettendo un errore catastrofico.

Queste le dichiarazioni di Nolan dello scorso lunedì:

“Alcuni dei più grandi registi del nostro settore e delle più importanti star del cinema sono andati a letto la sera prima credendo di lavorare per il più grande studio cinematografico e si sono svegliati per scoprire che stavano lavorando per il peggior servizio di streaming”.

Nolan ha continuato lunedì con un mini-tour stampa, in cui ha promosso l’uscita Home video di “Tenet” pur criticando la decisione di HBO Max. Sebbene la Warner Bros. abbia definito il modello ibrido un “piano unico di un anno”, realizzato in risposta alla pandemia, molti si aspettano che l’offerta per aumentare gli abbonati HBO Max costituisca un disagio permanente. Nolan ha affermato che registi e interpreti, avendo dato molto per i progetti di cui hanno fatto parte, dovevano essere consultati in merito a questa decisione.

Come sappiamo, le proteste di Nolan di fronte alla mancanza di trasparenza della Warner Bros. non sono le uniche. Già James Gunn regista di “Suicide Squad – Missione suicida” e Denis Villeneuve di “Dune” hanno espresso la loro perplessità su questa scelta. Legendary, la società che ha cofinanziato le uscite del prossimo anno “Dune” e “Godzilla vs. Kong“, sta valutando eventuali azioni legali.

Christopher Nolan, sostenitore agguerrito delle sale

Nolan è un feroce sostenitore dei cinema. I suoi collaboratori affermano che è un regista brillante con una comprensione quasi soprannaturale di ciò che il pubblico vuole vedere sullo schermo e apprezza un sano dibattito sulle decisioni aziendali o artistiche.

Adora il cinema. A tal fine, Nolan era preoccupato che la decisione di dare la priorità a HBO Max rispetto alle sale cinematografiche sarebbe stata vista come un risultato diretto delle scarse vendite di biglietti per “Tenet”, il che potrebbe spiegare perché ha avuto reazioni così aggressive sui termini di un accordo che, per ora, non è applicato a nessuno dei suoi film.

Da agosto, “Tenet” ha guadagnato $ 57,6 milioni negli Stati Uniti e $ 359 milioni a livello globale. Non è un cattivo risultato dato il fatto che molti cinema sono chiusi, ma è un forte calo rispetto ai suoi precedenti successi e probabilmente significa che la Warner Bros. perderà soldi con il film.

Come gran parte di Hollywood, Nolan ha appreso per la prima volta dell’accordo HBO Max sulla stampa. Gli addetti ai lavori dicono che Nolan si è sentito tradito dalla notizia.

Nolan non ha progetti annunciati in lavorazione, né ha obblighi contrattuali o accordi con la Warner Bros.

Il capo della WarnerMedia Ann Sarnoff è apparsa sulla CNBC la mattina dopo i commenti di Nolan. Quando la giornalista Julia Boorstin ha chiesto direttamente a Sarnoff di rispondere alle osservazioni di Nolan, Sarnoff ha affermato: “Siamo grandi, grandi fan degli esercenti. Stiamo davvero cercando di lavorare con i cinema per fornire loro una fornitura pronta “.

Quando la giornalista ha insistito su Nolan nello specifico la Sarnoff ha risposto in modo vago, sottolineando il fattore economico, sebbene le cose nuove siano sempre difficili da digerire.

Daniele Romeo

11/12/2020

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *