Checco Zalone

Checco Zalone è un attore, comico e cantautore italiano; esordisce come attore nel 2009 e da questo momento in poi i successi si rincorrono fino al culmine, il 1° gennaio 2016 con il suo quarto film "Quo Vado" ha superato il record d'incassi italiano, imponendosi come un attore di spicco della commedia italiana.

Checco Zalone, il successo 'caduto dalle nubi'

Checco Zalone barba

(Capurso, 3 giugno 1977)

Al secolo Luca Pasquale Medici, Checco Zalone nasce a Capurso, nell’area dell’hinterland barese, il 3 giugno 1977. Il suo nome d’arte nasce dall’espressione dialettale “Che cozzalone”, che vuol dire “che tamarro”.

E la tamarragine tutta declinata al pugliese, seppur in chiave ironica è alla base della sua comicità surreale, in bilico tra trash e nazionalpopolare. In realtà, nella vita, Luca è timido e non è mai andato via da Capurso, dove vive con la sua compagna Mariangela Eboli e la piccola Gaia.

Dopo una laurea in giurisprudenza presa al Cepu di Bari, dove a suo dire recupera tutte le fidanzate mancate della sua adolescenza, Checco esordisce con quello che sarà il suo regista, Gennaro Nunziante. È barese doc anche lui e insieme animano le serate di Telenorba, piccola emittente televisiva pugliese. L’approdo su Mediaset è nel 2005 in “Zelig Off” prima e “Zelig Circus” dopo.

Da allora la strada è tutta in discesa. Il nostro eroe passa da un successo all’altro, nella musica come in televisione. La sua parodia del cantante neomelodico, dall’eterna maglietta rosa striminzita e dai congiuntivi allegri buca lo schermo. Inoltre, imita tutti, da Nichi Vendola ad Antonio Cassano, oltre al discutibile “zio Michele” del delitto di Avetrana.

Il debutto come attore

Il primo film di Zalone è “Cado dalle nubi” del 2009, diretto da Nunziante, prodotto da Medusa e distribuito da Valsecchi. Nel film, Zalone racconta il suo arrivo nella rutilante Milano, alla ricerca del successo, tra amori falliti, talent show e lega lombarda imperante. Il film è girato tra Milano, Polignano a Mare e Roma. Segue anche l’omonimo disco. Nel cast c’è anche la sua compagna Mariangela.

Squadra che vince non cambia, e così nel 2011 arriva “Che bella giornata”, che incassa 43.474.000 euro, più del “Titanic” di Cameron e in seconda posizione dopo “Avatar”, che ha portato a casa oltre 60 milioni di euro.

Non c’è due senza tre. Nel 2013 Zalone torna nelle sale italiane con “Sole a catinelle”, un inno all’ottimismo contro la crisi, soprattutto per Medusa e Taodue, con protagonisti un padre cialtrone e suo figlio. Nel solo weekend d'uscita ha guadagnato 18,6 milioni di euro, superando il precedente record del gennaio 2011 con “Che bella Giornata”. La media per schermo è di 16.598 spettatori e le copie distribuite più di 1200.

Non c’è da stupirsi se la premiata ditta Zalone/Nunziante abbia dichiarato di non voler fare un cinema autoriale, moralistico, ma «aprirsi alla realtà, tramite la risata, secondo la ricetta dei nostri padri negli anni’60 e ‘70». Probabilmente in tempi di crisi, la gente vuole solo ridere e non pensare. Sarà vero, ma il numero delle copie distribuite, più di 1200 è indice di un successo drogato.

Ivana Faranda

Checco Zalone Filmografia – Cinema

Checco Zalone sorriso

  • Cado dalle nubi, regia di Gennaro Nunziante (2009)
  • Che bella giornata, regia di Gennaro Nunziante (2011)
  • Sole a catinelle, regia di Gennaro Nunziante (2013)
  • Quo vado?, regia di Gennaro Nunziante (2015)

Checco Zalone Filmografia - Televisione

  • Sottanos (Telenorba 7, 2005)
  • Zelig Off (Canale 5, 2005)
  • Zelig (Canale 5, 2006-2008)
  • Fuori controllo (Telenorba 7, 2006)
  • Canta e vinci (Italia 1, 2007-2008)
  • Checco Zalone Show (Canale 5, 2009)
  • Resto Umile World Show (Canale 5, 2011)

 

Related posts

1 Comment

  1. Pingback: Il vegetale | Creed2 - Film Su Android Pc E Smartphone in Streaming Gratis

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *