C’era una volta il crimine (2022)

C’era una volta il crimine (2022)

C’era una volta il crimine - locandinaNel terzo capitolo della saga, dopo “Non ci resta che il crimine” (2019) e “Ritorno al crimine” (2021), ritorna la banda di criminali viaggiatori nel tempo, e questa volta con “Cera una volta il crimine” sempre diretto da Massimiliano Bruno.

C’era una volta il crimine: la trama

Tornati indietro nel tempo, fino al 1943, la nostra improbabile banda di criminali ha in mente un colpo senza precedenti: rubare la Gioconda ai francesi. Ad unirsi all’ambizioso progetto Claudio Ranieri (Giampaolo Morelli), professore di storia pignolo, lo sbruffone Moreno (Marco Giallini) e il pavido Giuseppe (Gian Marco Tognazzi). Fuggendo con la refurtiva, i tre sono costretti a nascondersi da Adele (Carolina Crescentini), la giovane donna di Moreno, dove l’uomo incontra sua madre Monica da bambina.

La piccola, “futura mamma”, viene rapita dai nazisti e la banda è obbligata a cambiare del tutto i piani. Per tornare nel presente dovranno portare in salvo la bambina sfidando i tanti pericoli di un’Italia in guerra.  Un’avventura che li porterà ad incontrare alcuni dei personaggi che saranno destinati a cambiare le sorti del “Bel Paese”, come Sandro Pertini, Benito Mussolini, il Re Vittorio Emanuele e addirittura Adolf Hitler. La banda, infine, guidata da Renatino (Edoardo Leo), e con l’aiuto di Gianfranco e  di Lorella, dovrà scontrarsi con lo scellerato esercito nazista.

Massimiliano Bruno dirige “C’era una volta il crimine” da una sua sceneggiatura scritta con Alessandro Aronadio ("Ritorno al Crimine"), Andrea Bassi ("Non ci Resta che il Crimine") e Renato Sannio ("Gli Uomini d’Oro").

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.