Carmen Maura

Attrice spagnola, tra le muse del regista Pedro Almodóvar, Carmen Maura si è contraddistinta per la sua indole volitiva e una stoffa d'attrice davvero invidiabile, caratteristiche che hanno contribuito a renderla una delle dive più stimate dal grande pubblico.

Carmen Maura: attrice 'sull'orlo di una crisi di nervi'

(Madrid, 15 settembre 1945)

Carmen Maura primo pianoCarmen Maura nasce a Madrid il 15 settembre 1945: la guerra è appena finita e lei è figlia di un politico del ramo conservatore, che le fa impartire una rigida educazione cattolica. Terminati gli studi e laureata in Letteratura Francese, trova lavoro come interprete e amministratrice di una galleria d’arte.

A 19 anni si sposa con Francisco Fortezza, dal quale ha due figli, e lascia il lavoro, scegliendo però di occupare il tempo studiando recitazione. La passione per lo spettacolo è immediata, tanto da portarla a esibirsi in vari locali notturni, ma a causa di questa sua condotta, scandalosa per l’epoca, perde il marito e i figli.

Carmen Maura: il successo con Almodóvar

Esordisce al cinema con un cortometraggio dal titolo “El espiritu”, nel 1969, diretta da Juan Tamariz, e da allora recita in tantissime produzioni cinematografiche e televisive minori, ma il successo arriva solo nel 1978, quasi dieci anni dopo, quando Carmen incontra Pedro Almodóvar che la rende protagonista di “Folle... folle... fólleme Tim!”.

È proprio insieme ad Almodóvar che viene consacrata al successo due anni dopo, nel 1980, con “Pepi, Luci, Bom e le altre ragazze del mucchio”, cui seguono, sempre sotto la sua regia, “L'indiscreto fascino del peccato” (1983), “Che ho fatto io per meritare questo?” (1984), “Matador” (1986), il discusso “La legge del desiderio” (1987) con cui diviene l’icona dell’orgoglio gay, e “Donne sull'orlo di una crisi di nervi” (1988), con cui vince il Premio Goya come Migliore Attrice Protagonista.

L'inarrestabile Carmen Maura

Carmen Maura premioNello stesso periodo le viene anche affidata la conduzione di un celebre talk show spagnolo, “Esta Noche”, per il quale gli spagnoli la ameranno. Il secondo Premio Goya, sempre come Migliore Attrice Protagonista, è del 1990, per “Ay, Carmela!”, la cui regia è firmata da Carlos Saura.

Da quell’anno Carmen appare in non meno di 30 pellicole, praticamente una ogni sei mesi, tra le quali spicca per il terzo Premio Goya “La comunidad - Intrigo all'ultimo piano” (2000), di Álex De La Iglesia, ma una sola di esse ha di nuovo alla regia Almodóvar: è il commovente “Volver”, del 2006.

Nel 2008 è nel drammatico “The Garden of Eden” di John Irvin, mentre nel 2009 è diretta da Francis Ford Coppola in “Segreti di famiglia”. Recita nel film "Le donne del 6° piano", presentato fuori concorso al Festival di Berlino 2011.

L'anno successivo è Maria in "Paulette" e nel 2013 veste i panni di Graciana in "Le streghe son tornate" di Álex De La Iglesia.

Claudia Resta

Carmen Maura Filmografia - Cinema

Carmen Maura filmografia

  • El espíritu, regia di Juan Tamariz (Cortometraggio) (1969)
  • Mantis, regia di Luis Mamerto López-Tapia (Cortometraggio) (1971)
  • El hombre oculto, regia di Alfonso Ungría (1971)
  • El asesino está entre los trece, regia di Javier Aguirre (1973)
  • Un casto varón español, regia di Jaime de Armiñán (1973)
  • Tanata, regia di Luis Mamerto López-Tapia (1974)
  • Don Juan, regia di Antonio Mercero (Cortometraggio) (1974)
  • Vida íntima de un seductor cínico, regia di Javier Aguirre (1975)
  • Perversione, regia di Manuel Mur Oti (1975)
  • El love feroz, regia di José Luis García Sánchez (1975)
  • Leonor, regia di Juan Luis Buñuel (1975)
  • La petición, regia di Pilar Miró (1976)
  • Pomporrutas imperiales, regia di Fernando Colomo (Cortometraggio) (1976)
  • Ir por lana, regia di Miguel Ángel Díez (Cortometraggio) (1976)
  • Una pareja como las demás, regia di Miguel Ángel Díez (Cortometraggio) (1976)
  • La mujer es cosa de hombres, regia di Jesús Yagüe (1976)
  • El libro de buen amor II, regia di Jaime Bayarri (1976)
  • Buona fortuna maggiore Bradbury, regia di Fernando Colomo (1977)
  • Menos mi madre y mi hermana, regia di Jaime Villate (Cortometraggio) (1978)
  • ¿Qué hace una chica cómo tú en un sitio como éste?, regia di Fernando Colomo (1978)
  • Mi blanca Varsovia, regia di Javier Quintana (Cortometraggio) (1978)
  • Folle... folle... fólleme Tim!, regia di Pedro Almodóvar (1978)
  • De fresa, limón y menta, regia di Miguel Ángel Díez (1978)
  • Gli occhi bendati, regia di Carlos Saura (1978)
  • Pepi, Luci, Bom e le altre ragazze del mucchio, regia di Pedro Almodóvar (1980)
  • El hombre de moda, regia di Fernando Méndez Leite (1980)
  • Gary Cooper, que estás en los cielos, regia di Pilar Miró (1980)
  • Femenino singular, regia di Juanjo López (1982)
  • L'indiscreto fascino del peccato, regia di Pedro Almodóvar (1983)
  • El Cid cabreador, regia di Angelino Fons (1983)
  • Sale grosso, regia di Fernando Trueba (1984)
  • Che ho fatto io per meritare questo?, regia di Pedro Almodóvar (1984)
  • Extramuros, regia di Miguel Picazo (1985)
  • Sii infedele e non guardare con chi, regia di Fernando Trueba (1985)
  • Matador, regia di Pedro Almodóvar (1986)
  • Delirios de amor, regia di Cristina Andreu, Luis Eduardo Aute, Antonio González Vigil e Félix Rotaeta (1986)
  • Tata mía, regia di José Luis Borau (1986)
  • La legge del desiderio, regia di Pedro Almodóvar (1987)
  • Donne sull'orlo di una crisi di nervi, regia di Pedro Almodóvar (1988)
  • Intrighi e piaceri a Baton Rouge, regia di Rafael Moleón (1989)
  • Ay, Carmela!, regia di Carlos Saura (1990)
  • Come essere donna senza rimetterci la pelle, regia di Ana Belén (1991)
  • Zabù la rossa, regia di Félix Rotaeta (1991)
  • Sulla Terra come in cielo, regia di Marion Hänsel (1992)
  • La reina anónima, regia di Gonzalo Suárez (1992)
  • Louis, enfant roi, regia di Roger Planchon (1993)
  • Sombras en una batalla, regia di Mario Camus (1993)
  • Cómo ser infeliz y disfrutarlo, regia di Enrique Urbizu (1994)
  • El rey del río, regia di Manuel Gutiérrez Aragón (1995)
  • Pareja de tres, regia di Antoni Verdaguer (1995)
  • El palomo cojo, regia di Jaime de Armiñán (1995)
  • La felicità è dietro l'angolo, regia di Étienne Chatiliez (1995)
  • Amores que matan, regia di Juan Manuel Chumilla (1996)
  • Vivir después, regia di Carlos Galettini (1997)
  • Tortilla y cinema, regia di Martin Provost (1997)
  • Alliance cherche doigt, regia di Jean-Pierre Mocky (1997)
  • Alice e Martin, regia di André Téchiné (1998)
  • Lisboa, regia di Antonio Hernández (1999)
  • La comunidad - Intrigo all'ultimo piano, regia di Alex de la Iglesia (2000)
  • El palo, regia di Eva Lesmes (2001)
  • Assassini dei giorni di festa, regia di Damiano Damiani (2002)
  • Valentín, regia di Alejandro Agresti (2002)
  • 800 balas, regia di Alex de la Iglesia (2002)
  • 25 degrés en hiver, regia di Stéphane Vuillet (2004)
  • Entre vivir y soñar, regia di David Albacete e Alfonso Menkes (2004)
  • Reinas - Il matrimonio che mancava, regia di Manuel Gómez Pereira (2005)
  • Free Zone, regia di Amos Gitai (2005)
  • Volver, regia di Pedro Almodóvar (2006)
  • Nos chères têtes blondes, regia di Charlotte Silvera (2006)
  • El menor de los males, regia di Antonio Hernández (2007)
  • Segreti di famiglia, regia di Francis Ford Coppola (2009)
  • Chicas, regia di Yasmina Reza (2010)
  • Le donne del 6º piano (2011)
  • Paulette, regia di Jérôme Enrico (2012)
  • Le streghe son tornate, regia di Álex de la Iglesia (2013)
  • La madre, regia di Angelo Maresca (2013)
  • Cuernavaca, regia di Alejandro Andrade (2016)
  • People you may know, regia di J.C. Falcon (2016)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *