Burt Reynolds

Burt Reynolds è un attore, regista e sceneggiatore statunitense dalle origini indiane che sin dagli anni '60 colleziona successi dopo successi, in tv come al cinema, da attore e regista.

Burt Reynolds l’indiano

(Lansing, Michigan, 11 febbraio 1936 - Jupiter, 6 settembre 2018)

Burt Reynolds GiaccaBurt Reynolds deve la sua pelle olivastra alle origini cherokee da parte del padre. È costretto da giovanissimo ad interrompere la sua carriera di giocatore di football per colpa di un incidente, così si dedica al teatro e al piccolo schermo con ruoli più o meno noti, in fiction come “Hawke l’indiano”.

Tra i suoi primi film ricordiamo “Anonima peccati” del 1961. In questi anni gira altre pellicole che richiedono un fisico aitante e prestante come il suo, lo vediamo in: “Tropis – uomo o scimmia?” e, “Simone l’indiano” entrambi del 1970.

Burt Reynolds e lo spermatozoo

La prima occasione importante gli si presenta con Woody Allen, in “Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso ma non avete mai osato chiedere” del 1972, dove interpretare uno spermatozoo, ironizzando sull’immagine da sex symbol che l’attore ha conquistato apparendo nudo su un giornale femminile.

Lo stesso anno ottiene un enorme successo grazie a “Un tranquillo weekend di paura” in cui si trova con degli amici, tra cui Jon Voight, a partecipare ad un’escursione in canoa che viene messa in pericolo da alcuni furfanti.

L'inizio dell'enorme filmografia

Sebbene l’attore sia oggetto di numerose critiche, grazie al suo particolare fascino e al suo carisma è molto amato dal pubblico e gira una quantità enorme di pellicole: “McKlusky metà uomo e metà odio” del 1973, diretto da Joseph Sargent e considerato uno dei capisaldi del genere dei revenge movies; “Quella sporca ultima meta” del 1974 di Robert Aldrich, (a cui segue nel 2005 il remake diretto da Peter Segal con Adam Sandler “L’altra sporca ultima meta”); “Vecchia America” (1976); “L’ultima follia di Mel Brooks” (1976), una parodia muta delle commedie slapstick. In quest’ultimo, l’unica parola udibile è “non” ed è pronunciata da Marcel Marceau.

Seguono: “E ora: punto e a capo” (1979), “Pelle di sbirro” del 1981 (di cui è anche regista), che si basa su un romanzo di William Diehl; “Amici come prima” del 1982 con Goldie Hawn; “Il più bel casino del Texas” sempre del 1982; “I miei problemi con le donne” del 1983 e “Cambio marito” del 1988, dove interpreta uno scaltro direttore di un’emittente televisiva che fa di tutto per salvare il suo lavoro e il rapporto con l’ex-moglie.

Gli anni Novanta

Gli anni novanta vedono Burt Reynolds protagonista in numerosi film, tra cui spiccano: “I Protagonisti” del 1992 di Robert Altman e “Striptease” del 1996 insieme ad una prorompente Demi Moore, per il quale vince il Razzie Awards quale componente della peggior coppia cinematografica.

I riconoscimenti e i successi di Burt Reynolds

Nel 1997 è un produttore pornografico che “arruola” nel suo esercito il giovane Mark Wahlberg, in “Boogie Nights – L’altra Hollywood” di Paul Thomas Anderson. Per questo ruolo l’attore riceve una candidatura all’Oscar come Miglior Attore non Protagonista. Nello stesso anno si diverte a girare “Mr. Bean – L’ultima catastrofe”, con Rowan Atkinson in cui è il Generale Newton, mentre nel 1999 è in “Mistery, Alaska”, pellicola sportiva sul mondo dell’hockey con Russell Crowe.

Il nuovo Millennio

Con il nuovo millennio, alla soglia dei sessantacinque anni Burt Reynolds è un marito ricco e annoiato in “Tentazione mortale” (2001); impegnato nel mondo delle macchine da corsa nello sportivo “Driven” (2001), con Sylvester Stallone ed è il famigerato commissario corrotto Boss Hogg, che da la caccia ai cugini Duke, nel celebre telefilm “Hazzard”, per la sua trasposizione cinematografica del 2005.

BurtReynolds ha poi partecipato al fantasy “In the Name of the King: A Dungeon Siege Tale” (2007), tratto da un videogioco, in cui è il re Konreid del regno di Ebh. Negli anni successivi si dedica principalmente al mondo televisivo, per poi tornare al cinema nel 2014 con l'action movie di Rob King, "Category 5".

Nella sua lunga carriera Burt, non si è dedicato solamente alla recitazione, ma è stato anche regista, senza purtroppo riscuotere grande successo. Tra i suoli lavori ricordiamo: “Gator” (1976), “La fine della fine” (1978), “Pelle di sbirro” (1981), in cui vi partecipa anche Vittorio Gassman, “Scherzare col fuoco” (1985) e l’ultimo “The Last Producer” (2000).

Burt Reynolds muore il 6 settembre del 2018, circondato dalla famiglia, in seguito a un attacco di cuore.

Sonia Serafini

Burt Reynolds Filmografia - Cinema

Burt Reynolds Film

  • Area B-2 Attacco!, regia di Byron Haskin (1961)
  • Navajo Joe, regia di Sergio Corbucci (1966)
  • Quattro bastardi per un posto all'inferno, regia di Samuel Fuller (1968)
  • Sam Whiskey, regia di Arnold Laven (1969)
  • Il trafficante di Manila, regia di Richard Benedict (1969)
  • El verdugo, regia di Tom Gries (1969)
  • Tropis - Uomo o scimmia?, regia di Gordon Douglas (1970)
  • ... E tutto in biglietti di piccolo taglio, regia di Richard A. Colla (1972)
  • Un tranquillo week-end di paura, regia di John Boorman (1972)
  • Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso* (*ma non avete mai osato chiedere), regia di Woody Allen (1972)
  • La violenza è il mio forte, regia di Buzz Kulik (1973)
  • McKlusky, metà uomo e metà odio, regia di Joseph Sargent (1973)
  • Quella sporca ultima meta, regia di Robert Aldrich (1974)
  • L'uomo che amò Gatta Danzante, regia di Richard C. Sarafian (1975)
  • Finalmente arrivò l'amore, regia di Peter Bogdanovich (1975)
  • Un gioco estremamente pericoloso, regia di Robert Aldrich (1975)
  • Un uomo da buttare, regia di John G. Avildsen (1975)
  • In tre sul Lucky Lady, regia di Stanley Donen (1975)
  • Gator, regia di Burt Reynolds (1976)
  • Vecchia America, regia di Peter Bogdanovich (1976)
  • L'ultima follia di Mel Brooks, regia di Mel Brooks (1976)
  • Il bandito e la "Madama", regia di Hal Needham (1977)
  • Gioco da duri, regia di Michael Ritchie (1977)
  • La fine... della fine, regia di Burt Reynolds (1978)
  • Collo d'acciaio, regia di Hal Needham (1978)
  • E ora: punto e a capo, regia di Alan J. Pakula (1979)
  • Taglio di diamanti, regia di Don Siegel (1980)
  • Una canaglia a tutto gas, regia di Hal Needham (1980)
  • La corsa più pazza d'America, regia di Hal Needham (1981)
  • Pelle di sbirro, regia di Burt Reynolds (1981)
  • Paternity, regia di David Steinberg (1981)
  • Amici come prima, regia di Norman Jewison (1982)
  • Il più bel Casino del Texas, regia di Colin Higgins (1982)
  • Stroker Ace, regia di Hal Needham (1983)
  • Smokey and the Bandit part 3, regia di Dick Lowry (1983) - cameo
  • I miei problemi con le donne, regia di Blake Edwards (1983)
  • La corsa più pazza d'America 2, regia di Hal Needham (1984)
  • Per piacere... non salvarmi più la vita, regia di Richard Benjamin (1984)
  • Scherzare col fuoco, regia di Burt Reynolds (1985)
  • Black Jack, regia di Frank Q. Dobbs (1986)
  • Malone - un killer all'inferno, regia di Harley Cokeliss (1986)
  • Poliziotto in affitto, regia di Jerry London (1987)
  • Cambio marito, regia di Ted Kotcheff (1988)
  • Il corpo del reato, regia di Michael Crichton (1989)
  • Ladro e gentiluomo, regia di Bill Forsyth (1990)
  • I protagonisti, regia di Robert Altman (1992)
  • Un piedipiatti e mezzo, regia di Henry Winkler (1993)
  • Inganno diabolico, regia di Danny Huston (1995)
  • Striptease, regia di Andrew Bergman (1996)
  • La storia di Ruth, donna americana, regia di Alexander Payne (1996)
  • Il tempo dei cani pazzi, regia di Larry Bishop (1996)
  • Boogie Nights - L'altra Hollywood, regia di Paul Thomas Anderson (1997)
  • Il mio amico Frankenstein, regia di Robert Tinnell (1997)
  • Mr. Bean - L'ultima catastrofe, regia di Mel Smith (1997)
  • Mistery, Alaska, regia di Jay Roach (1999)
  • Pups, regia di Ash (1999)
  • The Last Producer, regia di Burt Reynolds (2000)
  • I soliti amici, regia di Michael Dinner (2000)
  • Hotel, regia di Mike Figgis (2001)
  • Tentazione mortale, regia di Bill Bennett (2001)
  • The Hollywood Sign, regia Sönke Wortmann (2001)
  • Driven, regia di Renny Harlin (2001)
  • Cuore di lupo, regia di Rod Pridy (2002)
  • Senza pagaia, regia di Steven Brill (2004)
  • L'altra sporca ultima meta, regia di Peter Segal (2005)
  • Hazzard, regia di Jay Chandrasekhar (2005)
  • End Game, regia di Andy Cheng (2006)
  • In the Name of the King, regia di Uwe Boll (2007)
  • Randy and the Mob, regia di Ray McKinnon (2007)
  • Deal - Il re del poker, regia di Gil Cates Jr (2008)
  • A Bunch of Amateurs, regia di Andy Cadiff (2008)

Burt Reynolds Filmografia - Televisione

  • Avventure lungo il fiume (Serie TV) (1959-1960)
  • Alfred Hitchcock Presenta (Serie TV, episodio) 5x37 (1960)
  • Ai confini della realtà (Serie TV episodio) 4x18 (1963)
  • Le rose che non colsi, Film TV (1968)
  • Dan August (Serie TV, 28 episodi) (1970-1971)
  • Detective Stryker (Serie TV, 12 episodi) (1989-1990)
  • My Name Is Earl (Serie TV, 3 episodio) (2006)
  • Burn Notice (Serie TV, 1 episodio) (2010)

Burt Reynolds Filmografia - Regista

  • Gator (1976)
  • La fine... della fine (1978)
  • Pelle di sbirro (1981)
  • Scherzare col fuoco (1985)
  • Baby League - Piccoli campioni (Film TV) (1994)
  • The Last Producer (2000)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *