Box Office USA: “Captain America: Civil War” spodestato da “Angry Birds – Il film”

Box Office USA: “Captain America: Civil War” spodestato da “Angry Birds – Il film”

(Box Office USA: Week End 20-22 Maggio) L’esordiente “Angry Birds – Il film” conquista il primo posto, spingendo “Captain America: Civil War” in seconda posizione, seguito al terzo posto da “Cattivi vicini 2”.

Box Office USA: “Captain America: Civil War” miglior incasso dell’anno

Captain America Civil War Box Office USA

Prima settimana di proiezione per “Angry Birds – Il film”, la pellicola basata sull’omonimo videogioco degli ‘uccellini arrabbiati’, uno dei più famosi e apprezzati degli ultimi anni; gli uccellini esordiscono negli Stati Uniti con la brillante cifra di 39.000.000 dollari, mentre hanno già raccolto in totale 150 milioni di dollari in tutto il mondo e in molti paesi, l’Italia fra questi, il film deve ancora uscire nelle sale.

Captain America: Civil War” è costretto a cedere il primo posto e passa al secondo, aggiudicandosi però nel frattempo il titolo di miglior incasso dell’anno raggiungendo il miliardo di dollari in sole tre settimane di proiezione; questo week end il film sui supereroi ha incassato 33.114.000 dollari per un totale di 347.390.153 dollari negli Stati Uniti.

21.790.000 dollari per un altro esordiente, “Cattivi vicini 2”, commedia con Zac Efron e Seth Rogen che si piazza terza nella classifica del Box Office USA. Il primo capitolo, del 2014, era stato un grande successo, con 270.7 milioni di dollari di incasso mondiale a fronte di un budget di soli 18 milioni, mentre questo sequel è costato il doppio, 35 milioni di dollari.

Box Office USA: gli esordienti della settimana conquistano il botteghino

Un’altra new entry per il quarto posto, “The Nice Guys” di Shane Black, con Russell Crowe e Ryan Gosling: la commedia noir esordisce negli Stati Uniti con 11.270.000 e punta molto in alto con alle spalle una campagna pubblicitaria imponente. Sabato 21 Maggio i due attori protagonisti, il regista e il produttore Joel Silver sono venuti a Roma per presentare l’anteprima e tenere una conferenza stampa sul film.

Scende dal secondo al quinto posto “Il libro della giungla”, l’action movie di Jon Favreau che ha sbancato in tutto il mondo e che questo week end porta a casa altri 11.017.000 dollari per un totale di 327.497.565 dollari negli USA e 857.7 milioni di dollari in tutto il mondo.

Perde tre posizioni anche “Money Monster – L’altra faccia del denaro”, da terzo adesso sesto; il film, diretto da Jodie Foster, sembrava diretto verso grandi risultati e procede invece a rilento, incassando 7.080.000 dollari questo week end per un totale di 27.103.677 dollari negli Stati Uniti e 36.3 milioni globali, a fronte di un budget di 27 milioni di dollari.

Scarni gli incassi anche per “The Darkness”, dal quarto al settimo posto in classifica, che con i 2.363.000 dollari di questo fine settimana giunge ad un totale di 8.460.482 dollari.

Box Office USA: “Zootropolis” e “Il Cacciatore e la Regina di Ghiaccio” ancora in classifica

“Zootropolis” perde due posizioni ma non si arrende e all’ottavo posto si piazza con un guadagno di 1.703.000 dollari del week end per un totale di 334.403.528; globalmente il film della Disney punta ancora a raggiungere il miliardo, con 981.8 milioni di dollari che continuano ad aumentare a poco a poco.

1.190.000 dollari e nona posizione questo fine settimana per “Il Cacciatore e la Regina di Ghiaccio” che arriva al totale di 46.668.690 dollari negli Stati Uniti, non il risultato sperato dai produttori che hanno speso 115 milioni di dollari per la realizzazione del film, ma fortunatamente per loro la pellicola è andata abbastanza bene nel resto del mondo e ha portato a casa per ora un totale di 158 milioni di dollari, comunque pochi rispetto ai 396.6 milioni che incassò il primo capitolo, “Biancaneve e il Cacciatore”.

Chiude la classifica “Mother’s Day”, che precipita dal quinto al decimo posto e si conferma solo un mezzo successo, con 1.115.214 dollari incassati nel week end, 31.288.936 dollari totali negli USA e 41.3 milioni di dollari in tutto il mondo per un budget di 25 milioni.

23/05/2016

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *