BAFTA 2022: Svelate le nomination ai BAFTA Awards

BAFTA 2022: Svelate le nomination ai BAFTA Awards

La British Academy of Film and Television Arts ha svelato le sue nomination ai premi, e sono proprio “gli agenti del caos” che molti hanno anticipato.

Nomination BAFTA: Dune in testa

Dune

La nuova edizione dei BAFTA Film Awards potrebbe dividere con le nomination di quest’anno, le quali sono piene di sorprese che riflettono un cambiamento. Mentre il film di James Bond “No Time to Die”, che ha incassato 131 milioni al botteghino del Regno Unito, avrebbe dovuto guidare le nomination, ma quell’onore va invece all’epico thriller fantascientifico di Denis VilleneuveDune”, che è in lista con 11 nomination con molti di quelli nelle categorie tecniche.

Il lunatico western di Jane CampionIl Potere del Cane” ha ottenuto otto nomination, mentre il dramma di formazione personale di Kenneth Branagh “Belfast” ne ha ricevute sei. Il canto del cigno di Daniel Craig come Bond, “No Time to Die”, ne ha raccolte cinque, insieme a “Licorice Pizza” di Paul Thomas Anderson del 1970 e al reboot musicale di Steven SpielbergWest Side Story”.

“La cosa fondamentale dell’intera revisione è assicurarsi che tutti i lavori siano visti da più elettori e tutti i cambiamenti sono orientati a questo perché si tratta di livellare il campo di gioco”, ha detto il presidente dei BAFTA Krishnendu Majumdar. “Non si tratta di stabilire quote [nelle nomination], perché non pensavamo che fosse giusto e la gente non lo voleva. Vogliono che il loro lavoro sia riconosciuto”.

BAFTA ha ampliato la sua adesione in un’importante campagna di reclutamento negli ultimi due anni e mira a raggiungere 1.000 nuovi membri entro il 2023. Attualmente, ci sono 7.000 membri votanti all’interno dell’appartenenza più ampia. L’organizzazione ha anche introdotto metodi di giuria nel processo di voto dell’anno scorso – una mossa che nel 2021 ha prodotto un campo inaspettato di contendenti e lo ha fatto anche quest’anno.

BAFTA: Dura lotta per la miglior attrice

Nel campo della migliore attrice, Lady Gaga ha ottenuto la sua seconda nomination ai BAFTA per “House of Gucci”, mentre le britanniche Joanna Scanlan per “After Love” ed Emilia Jones per “I segni del cuore” hanno ottenuto la loro prima nomination insieme ad Alana Haim in “Licorice Pizza” e Tessa Thompson per “Due donne”. A sfondare nella categoria è la star norvegese Renate Reinsve, che è stata nominata per la sua memorabile interpretazione in “La persona peggiore del mondo” di Joachim Trier (che è anche in competizione nel film non nella categoria in lingua inglese).

In particolare mancano nella corsa alla migliore attrice Nicole Kidman nel bellissimo “A proposito dei Ricardo” e Olivia Colman nel “La figlia oscura”, entrambe le quali avrebbero dovuto essere le prime due contendenti in campo, e in particolare quest’ultima britannica, che ha vinto il premio nel 2019 per “La Favorita”. Un’altra omissione è Kristen Stewart per “Spencer”, ma la principessa Diana evidentemente non ha influenzato gli elettori dei BAFTA.

BAFTA: Il miglior attore

Nella corsa al miglior attore, Benedict Cumberbatch è in corsa per “Il Potere del Cane”, mentre Stephen Graham ha ottenuto la sua prima nomination ai BAFTA (è stato nominato quattro volte in precedenza per i BAFTA TV Awards) per la sua performance al tour de force come chef tormentato in “Boiling Point”. Altri candidati includono Adeel Akhtar “Ali & Ava”, Mahershala Ali “Swan Song” e Leonardo DiCaprioDon’t Look Up”, mentre Will Smith ha ottenuto la sua prima nomination ai BAFTA per aver interpretato Richard Williams, il formidabile padre e manager delle superstar del tennis Venus e Serena Williams, in “Una famiglia vincente – King Richard”.
A perdere una nomination come miglior attore è stato Denzel Washington, la cui interpretazione di Macbeth al fianco di Frances McDormand in “Macbeth” non è riuscita a conquistare la nomina ai BAFTA dell’attore.

BAFTA: I migliori non protagonisti

Nella corsa alle attrici non protagoniste, le nomination includono Caitríona Balfe per “Belfast”, Jessie Buckley in “La figlia oscura”, Ariana Debose nel musical “West Side Story”, Ann Dowd in “Mass” Aunjanue Ellis in “Una famiglia vincente – King Richard” e Ruth Negga “Due donne”.

Nel frattempo, tutti i candidati attori non protagonisti sono principianti ai BAFTA. Il gruppo comprende: Mike Faist “West Side Story”, Ciarán Hinds “Belfast”, Troy Kotsur “I segni del cuore”, Woody Norman in “C’mon C’mon” , Jesse Plemons ne “Il Potere del Cane” e Kodi Smit-McPhee sempre in “Il Potere del Cane”.

BAFTA: la parità che serve

Le nomination sono state rivelate dal presentatore AJ Odudu e Tom Allen giovedì presso l’edificio BAFTA ristrutturato a Londra.

I premi di quest’anno coprono 48 film, in leggero calo rispetto ai 50 titoli del 2021. Nelle categorie delle performance, 19 dei 24 candidati stanno ricevendo la loro prima nomination ai BAFTA. Nel frattempo, nella categoria regia, c’è una divisione equa tra registi donne e uomini – leggermente in calo rispetto allo scorso anno, quando quattro dei sei registi erano donne. Nel complesso, c’è un aumento del numero di registe nominate in totale in tutte le categorie, fino a 12 rispetto alle otto del 2021.

BAFTA dice che il numero di donne nominate in totale è salito a 70, che è il più alto negli ultimi cinque anni (quando è iniziata la segnalazione per l’organizzazione).

Gli organizzatori dicono a Variety che i BAFTA stanno pianificando un evento di persona il 13 marzo alla Royal Albert Hall, dove Rebel Wilson sarà nuovamente la presentatrice della serata.

I candidati al BAFTA Film Award 2022 sono i seguenti:

Miglior film

“Belfast”
“Don’t Look Up”
Dune
“Licorice Pizza”
Il Potere del Cane

Miglior film britannico

“After Love”
“Ali & Ava
“Belfast”
“Boiling Point”
Cyrano
“Tutti parlano di Jamie”
House of Gucci
“Ultima notte a Soho”
No Time to Die
“Due Donne”

Miglior debutto di uno scrittore, regista o produttore britannico

“After Love” – Aleem Khan (Sceneggiatore/Regista)
“Boiling Point” – James Cummings (Sceneggiatore), Hester Ruoff (Produttore) [scritto anche da Philip Barantini e Prodotto da Bart Ruspoli]
“The Harder They Fall” – Jeymes Samuel (Sceneggiatore/regista) [scritto anche da Boaz Yakin]
“Keyboard Fantasies” – Posy Dixon (Sceneggiatore/Regista), Liv Proctor (Produttore)
“Due Donne”– Rebecca Hall (Sceneggiatore/Regista)

Miglior Film non in lingua inglese

E' stata la mano di Dio

“Drive My Car” – Ryûsuke Hamaguchi, Teruhisa Yamamoto
È stata la mano di Dio” – Paolo Sorrentino, Lorenzo Mieli
Madres Paralelas” – Pedro Almodóvar, Agustín Almodóvar
“Petite Maman” – Céline Sciamma, Bénédicte Couvreur
“La persona peggiore del mondo” – Joachim Trier, Thomas Robsahm

Miglior Documentario

“Jacques Cousteau: Il figlio dell’oceano” – Liz Garbus, Dan Cogan
“Cow” – Andrea Arnold, Kat Mansoor
“Flee” – Jonas Poher Rasmussen. Monica Hellström
“The Rescue” – Elizabeth Chai Vasarhelyi, Jimmy Chin, John Battsek, P. J. Van Sandwijk
“Summer of Soul (or, When the Revolution Could Not Be Televised)” – Ahmir “Questlove” Thompson, David Dinerstein, Robert Fyvolent, Joseph Patel

Miglior Film d’animazione

Encanto” – Jared Bush, Byron Howard, Yvett Merino, Clarke Spencer
“Flee” – Jonas Poher Rasmussen. Monica Hellström
Luca” – Enrico Casarosa, Andrea Warren
“I Mitchell contro le Macchine” – Mike Rianda, Phil Lord, Christopher Miller

Miglior regista

“After Love” – Aleem Khan
“Drive My Car” – Ryûsuke Hamaguchi
“Happening” – Audrey Diwan
“Licorice Pizza” – Paul Thomas Anderson
Il potere del cane” – Jane Campion
Titane” – Julia Ducournau

Miglior Sceneggiatura originale

“A proposito dei Ricardo” – Aaron Sorkin
“Belfast” – Kenneth Branagh
Don’t Look Up” – Adam Mckay
“Una famiglia vincente – King Richard”– Zach Baylin
“Licorice Pizza” – Paul Thomas Anderson

Miglior Sceneggiatura non originale

“I segni del cuore” – Siân Heder
“Drive My Car” – Ryûsuke Hamaguchi
Dune” – Denis Villeneuve
La figlia oscura” – Maggie Gyllenhaal
Il potere del cane” – Jane Campion

Miglior Attrice protagonista

Lady Gaga – “House of Gucci
Alana Haim – “Licorice Pizza”
Emilia Jones – “I segni del cuore”
Renate Reinsve – “La persona peggiore del mondo”
Joanna Scanlan – “After Love”
Tessa Thompson – “Due Donne”

Miglior Attore protagonista

Adeel Akhtar – “Ali & Ava
Mahershala Ali – “Swan Song”
Benedict Cumberbatch – “Il potere del cane
Leonardo DiCaprio – “Don’t Look Up
Stephen Graham – “Boiling Point”
Will Smith – “Una famiglia vincente – King Richard”

Miglior Attrice non protagonista

Caitríona Balfe – “Belfast”
Jessie Buckley – “La figlia oscura
Ariana Debose – “West Side Story
Ann Dowd – “Mass”
Aunjanue Ellis – “Una famiglia vincente – King Richard”
Ruth Negga – “Due Donne”

Miglior Attore non protagonista

Mike Faist – “West Side Story
Ciarán Hinds – “Belfast”
Troy Kotsur – “I segni del cuore”
Woody Norman – “C’mon C’mon”
Jesse Plemons – “Il potere del cane
Kodi Smit-McPhee – “Il potere del cane

Miglior Colonna Sonora

“A proposito dei Ricardo” – Daniel Pemberton
Don’t Look Up” – Nicholas Britell
Dune” – Hans Zimmer
The French Dispatch” – Alexandre Desplat
Il potere del cane” – Jonny Greenwood

Miglior Cast

“Punto di ebollizione” – Carolyn Mcleod
Dune” – Francine Maisler
È stata la mano di Dio” – Massimo Appolloni, Annamaria Sambucco
“King Richard” – Rich Delia, Avy Kaufman
West Side Story” – Cindy Tolan

Miglior Fotografia

Dune” – Greig Fraser
“Nightmare Alley” – Dan Laustsen
No Time to Die” – Linus Sandgren
Il potere del cane” – Ari Wegner
“Macbeth” – Bruno Delbonnel

Miglior montaggio

“Belfast” – Úna Ní Dhonghaíle
Dune” – Joe Walker
“Pizza alla liquirizia” – Andy Jurgensen
No Time to Die” – Tom Cross, Elliot Graham
“Summer of Soul (o, When the Revolution Could Not Be Televised)” – Joshua L. Pearson

Migliore scenografia

Cyrano” – Sarah Greenwood, Katie Spencer
Dune” – Patrice Vermette, Zsuzsanna Sipos
The French Dispatch” – Adam Stockhausen, Rena Deangelo
“Nightmare Alley” – Tamara Deverell, Shane Vieau
West Side Story” – Adam Stockhausen, Rena Deangelo

Costumi

Emma Stone Crudelia

“Cruella”- Jenny Beavan
Cyrano” – Massimo Cantini Parrini
Dune” – Robert Morgan, Jacqueline West
The French Dispatch” – Milena Canonero
“Nightmare Alley” – Luis Sequeira

Miglior trucco

“Cruella” – Nadia Stacey, Naomi Donne
Cyrano” – Alessandro Bertolazzi, Siân Miller
Dune” – Amore Larson, Donald Mowat
“Gli occhi di Tammy Faye” – Linda Dowds, Stephanie Ingram, Justin Raleigh
House of Gucci” – Frederic Aspiras, Jane Carboni, Giuliano Mariana, Sarah Nicole Tanno

Sonoro

Dune – Mac Ruth, Mark Mangini, Doug Hemphill, Theo Green, Ron Bartlett
“Ultima Notte a Soho” – Colin Nicolson, Julian Slater, Tim Cavagin, Dan Morgan
No Time to Die” – James Harrison, Simon Hayes, Paul Massey, Oliver Tarney, Mark Taylor
“A Quiet Place Part II” – Erik Aadahl, Michael Barosky, Brandon Proctor, Ethan Van Der Ryn
West Side Story” – Brian Chumney, Tod Maitland, Andy Nelson, Gary Rydstrom

Effetti Speciali Visivi

Dune – Brian Connor, Paul Lambert, Tristan Myles, Gerd Nefzer
“Free Guy” – Swen Gillberg, Brian Grill, Nikos Kalaitzidis, Daniel Sudick
“Ghostbusters: Afterlife” – Aharon Bourland, Sheena Duggal, Pier Lefebvre, Alessandro Ongaro
“The Matrix Resurrections” – Tom Debenham, Hew J Evans, Dan Glass, J. D. Schwaim
No Time to Die” – Mark Bokowski, Chris Corbould, Joel Green, Charlie Noble

Giacomo Caporale

03/02/2022

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.