Anne Bancroft

Un’attrice unica per essere così espressiva, versatile e di carattere, Anne Bancroft è una stella ormai assente nel firmamento del cinema, che lascia ancora oggi un vuoto che altre giovani colleghe non riescono a colmare.

Anne Bancroft: indimenticabile Mrs. Robinson

(New York, 17 settembre 1931 – New York, 6 giugno 2005)

Anne Bancroft SorrisoNata a New York con il nome di indiscutibili origini nostrane Anna Maria Louise Italiano, vive la sua infanzia nel Bronx in una tipica famiglia cattolica. Completa gli studi all’American Academy of Dramatic Arts e poi all’Actor’s Studio, la scuola di Lee Strasberg che ha formato un’intera generazione di attori con il metodo Stanislavskij.

Anne Bancroft: 'Anne dei miracoli'

Negli anni ’50 inizia la carriera con il nome d’arte di Anne Marno, dedicandosi sia al cinema a Hollywood che al teatro a Broadway. I suoi film sono colonne portanti della settima arte e lei ha la possibilità di esprimere ogni sfumatura della sua forte personalità. Ricordiamo: “Anna dei miracoli” (1962) di Arthur Penn nel ruolo che aveva già indossato tante volte a teatro dell’istitutrice di una bambina cieca per cui vince un meritato Oscar; “La frenesia del piacere” (1964) di Jack Clayton, con una parte scritta appositamente per lei dal grande drammaturgo inglese Harold Pinter; “Missione in Manciuria” (1966), ultimo lavoro di John Ford.

Anne Bancroft: 'Signora Robinson, sta cercando di sedurmi, vero?'

Per tutti Anne rimarrà Mrs. Robinson, la seducente donna che diventa amante di un impacciato Dustin Hoffman, fidanzato della figlia ne “Il laureato” (1967) di Mike Nichols, un film piccante e classico al tempo stesso, con colonna sonora di Simon & Garfunkel assolutamente perfetti e indimenticabili. Poi nel 1977 è Maria Maddalena nella pellicola per la televisione “Gesù di Nazareth” di Franco Zeffirelli, mentre in “Due vite, una svolta” è rivale di Shirley MacLaine con una straordinaria performance del giovane ballerino russo Mikhail Baryshnikov.

Con il marito Mel Brooks recita nelle commedie “L’ultima follia di Mel Brooks” (1976) e “Essere o non essere” (1983). Poi negli anni ’80 lascia altre grandi prove con “The Elephant Man” (1980) di David Lynch, che narra l’emblematica storia di un uomo deforme; “Agnese di Dio” (1985) in cui è una madre superiora incredula davanti alla gravidanza di una novizia; “84 Charing Cross Road” (1986), storia di rara poesia e delicatezza sul rapporto epistolare tra una sceneggiatrice americana e un impiegato inglese magistralmente interpretato da Anthony Hopkins.

Pioggia di premi per Anne Bancroft

Anne Bancroft pioggia di premi

Negli anni ’90 si dedica principalmente al palcoscenico e alla televisione, riscuotendo sempre un grande successo di pubblico e di critica e raccogliendo ogni tipo di premio, il Tony, l’Emmy, il Golden Globe e anche la stella sulla Walk of Fame del Sunset Boulevard di Los Angeles. In questi anni partecipa a una decina di pellicole con dei ruoli che sembrano scritti solo per lei, tra cui: “Soldato Jane” (1997); “Paradiso perduto” (1998); “Tentazioni d’amore” (2000) di Edward Norton; “Heartbreakers” (2001). Per una sola volta prova a passare dietro la telecamera con il lungometraggio “Fatso” (1980).

Anne ha avuto due mariti: Martin May, da cui divorzia dopo pochi anni di matrimonio, e l’attore Mel Brooks, con cui condivide il resto della vita, in un lungo sodalizio affettivo e lavorativo. Per lui si è convertita anche alla religione ebraica. La coppia ha avuto un figlio, Max Brooks, che oggi è un affermato sceneggiatore. Nel 2005 l’attrice si ammala inaspettatamente di un tumore all’utero e muore all’ospedale Mount Sinai Medical Center di New York a soli sessantatre anni.

Paola Mattu Furci

Anne Bancroft filmografia - Cinema

Anne Bancroft Piano ravvicinato

 

  • La tua bocca brucia, regia di Roy Ward Baker (1952)
  • Parata di splendore, regia di Mitchell Leisen (1953)
  • Il tesoro dei condor, regia di Delmer Daves (1953)
  • The Kid from Left Field, regia di Harmon Jones (1953)
  • Gorilla in fuga, regia di Harmon Jones (1954)
  • I gladiatori, regia di Delmer Daves (1954)
  • La spia dei ribelli, regia di Hugo Fregonese (1954)
  • Anonima delitti, regia di Russell Rouse (1955)
  • A Life in the Balance, regia di Harry Horner e Rafael Portillo (1955)
  • Brooklyn chiama polizia, regia di Maxwell Shane (1955)
  • L'ultima frontiera, regia di Anthony Mann (1955)
  • La terra degli Apaches , regia di Jesse Hibbs (1956)
  • L'alibi sotto la neve, regia di Jacques Tourneur (1957)
  • Stirpe maledetta, regia di Allan Dwan (1957)
  • F.B.I. squadra omicidi, regia di Howard W. Koch (1957)
  • Anna dei miracoli, regia di Arthur Penn (1962)
  • Frenesia del piacere, regia di Jack Clayton (1964)
  • La vita corre sul filo, regia di Sydney Pollack (1965)
  • Missione in Manciuria, regia di John Ford (1966)
  • Il laureato, regia di Mike Nichols (1967)
  • Gli anni dell'avventura, regia di Richard Attenborough (1972)
  • Mezzogiorno e mezzo di fuoco, regia di Mel Brooks (1974) - cameo non accreditata
  • Il prigioniero della Seconda Strada, regia di Melvin Frank (1975)
  • Hindenburg, regia di Robert Wise (1975)
  • Stupro, regia di Lamont Johnson (1976)
  • L'ultima follia di Mel Brooks, regia di Mel Brooks (1976)
  • Due vite, una svolta , regia di Herbert Ross (1977)
  • Pastasciutta... amore mio, regia di Anne Bancroft (1980)
  • The Elephant Man, regia di David Lynch (1980)
  • Essere o non essere, regia di Mel Brooks (1983)
  • Cercando la Garbo, regia di Sidney Lumet (1984)
  • Agnese di Dio, regia di Norman Jewison (1985)
  • Una finestra nella notte, regia di Tom Moore (1986)
  • 84 Charing Cross Road, regia di David Hugh Jones (1987)
  • Amici, complici, amanti, regia di Paul Bogart (1988)
  • Bert Rigby, You're a Fool, regia di Carl Reiner (1989)
  • Mi gioco la moglie a Las Vegas, regia di Andrew Bergman (1992)
  • Pozione d'amore, regia di Dale Launer (1992)
  • Nome in codice: Nina, regia di John Badham (1993)
  • Malice - Il sospetto, regia di Harold Becker (1993)
  • Mr. Jones, regia di Mike Figgis (1993)
  • Gli anni dei ricordi, regia di Jocelyn Moorehouse (1995)
  • A casa per le vacanze, regia di Jodie Foster (1995)
  • Dracula morto e contento, regia di Mel Brooks (1995)
  • Verso il sole, regia di Michael Cimino (1996)
  • Soldato Jane, regia di Ridley Scott (1997)
  • Se mi amate - Critical Care, regia di Sidney Lumet (1997)
  • Paradiso perduto, regia di Alfonso Cuarón (1998)
  • Tentazioni d'amore, regia di Edward Norton (2000)
  • Una notte per decidere, regia di Philip Haas (2000)
  • Heartbreakers - Vizio di famiglia, regia di David Mirkin (2001)

Anne Bancroft filmografia - Televisione

  • Gesù di Nazareth, regia di Franco Zeffirelli (Film TV) (1977)
  • Marco Polo (Film TV) (1982)
  • Finalmente a casa (Film TV) (1996)
  • Deep in My Heart, regia di Anita W. Addison (Film TV) (1999)
  • Haven - Il rifugio (Haven), regia di John Gray (Film TV) (2001)
  • The Roman Spring of Mrs. Stone, regia di Robert Allan Ackerman (Film TV) (2003)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *