Anna Mouglalis

Dotata di un raffinato fascino magnetico che la rende perfetta per i film d'autore, Anna Mouglalis è un'interprete e modella francese molto apprezzata in patria come all'estero.

Anna Mouglalis, la donna amata dal Dandi

(Nantes, 26 aprile 1978)

Primo piano di Anna MouglalisAnna Mouglalis nasce a Nantes il 26 aprile del 1978 e si appassiona al cinema e alla recitazione lavorando come aiuto regista per un amico nella realizzazione di un cortometraggio. Dopo aver calcato il palcoscenico ottenendo il primo ruolo importante in una pièce di Wedekind, debutta sul grande schermo, non ancora ventenne, nel 1998 con “Terminal” di Francis Girod.

Il suo fascino e talento non passa inosservato agli occhi di altri registi francesi, tra cui Claude Chabrol che nel 2000 la scrittura, accanto ad Isabelle Huppert, in “Grazie per la cioccolata”, pellicola presentata alla 57esima Mostra del Cinema di Venezia. Ottenuta maggiore notorietà presso il grande pubblico, partecipa ad altre produzioni non solo francesi, ma anche internazionali, avendo l’onore di lavorare e conoscere importanti icone cinematografiche. Nel 2002 compare in “Novo” di Janne-Pierre Limosin. Nel 2004 lavora accanto a Daniel Auteuil e Greta Scacchi in “Sotto falso nome” di Roberto Andò. Questa esperienza le procura il successo in Italia, rendendola tra le attrici francesi più apprezzate.

Il "Romanzo Criminale" di Anna Mouglais

Fa parte del cast d’eccezione di “Romanzo Criminale” (2005), diretto da Michele Placido, accanto a Kim Rossi Stuart, Pierfrancesco Favino, Claudio Santamaria e Stefano Accorsi; Anna Mouglalis è Patrizia, la donna del Dandi, amata anche dal commissario Scialoja.

Lavora con Luigi Lo Cascio in “Mare nero” (2005) di Roberta Torre; è protagonista in “Coco Chanel & Igor Stravinsky” (2009) di Jan Kounen, perciò veste i panni dell’icona di moda Coco Chanel. Tra le produzioni francesi: “La captive” (2000) di Chantal Akerman; “De l’historie ancienne” (2001) di Orso Miret; “Le loup de la Cote Quest” (2002) di Hugo Santiago; “Le vie nouvelle” (2002) di Philippe Grandrieux; “En jouant ‘Dans la compagnie del hommes'” (2003) Arnaud Desplechin; “La maladie de la mort” (2003) di Asa Mader; “En attendant le déluge” (2004) di Damien Odoul; “Alithini Zoi” (2004) di Panos H. Koutras; “To oneiro tou Ikarou” (2005) di Costa Natsis; “Les amants du Flore” (2006) di Ilan Duran Cohen; “J’ai toujours revé d’etre un gangster” (2007) di Samuel Benchetrit; “Gainsbourg (Vie Heroique)” (2010) di Joann Sfar; “Mammuth” (2010) di Gustave de Kerven e Benoit Delépine.

Nel 2014 Mario Martone la dirigerà ne "Il giovane favoloso", film incentrato sulla vita del poeta Giacomo Leopardi interpretato da Elio Germano e presentato in concorso alla 71ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Elisa Cuozzo

Anna Mouglalis - Filmografia

Anna Mouglalis

  • Terminale, regia di Francis Girod (1998)
  • La captive, regia di Chantal Akerman (2000)
  • Grazie per la cioccolata, regia di Claude Chabrol (2000)
  • De l'histoire ancienne, regia di Orso Miret (2001)
  • Novo, regia di Jean-Pierre Limosin (2002)
  • Le loup de la côte Ouest, regia di Hugo Santiago (2002)
  • La vie nouvelle, regia di Philippe Grandrieux (2002)
  • En jouant 'Dans la compagnie des hommes', regia di Arnaud Desplechin (2003)
  • Sotto falso nome, regia di Roberto Andò (2004)
  • Prima del diluvio, regia di Damien Odoul (2004)
  • Alithini zoi, regia di Panos H. Koutras (2004)
  • To oneiro tou Ikarou, regia di Costa Natsis (2005)
  • Romanzo criminale, regia di Michele Placido (2005)
  • Les amants du Flore, regia di Ilan Duran Cohen (Film TV) (2006)
  • Mare nero, regia di Roberta Torre (2005)
  • J'ai toujours rêvé d'être un gangster, regia di Samuel Benchetrit (2007)
  • Coco Chanel & Igor Stravinsky, regia di Jan Kounen (2009)
  • Gainsbourg, regia di Joann Sfar (2010)
  • Mammuth, regia di Gustave de Kervern e Benoît Delépine (2010)
  • Kiss of the Damned, regia di Xan Cassavetes (2012)
  • La gelosia (La jalousie), regia di Philippe Garrel (2013)
  • Il giovane favoloso, regia di Mario Martone (2014)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *