Anita Ekberg

Bellissima attrice svedese dal fisico statuario, Anita Ekberg diventa famosa per aver interpretato Sylvia ne “La Dolce Vita” di Federico Fellini nel 1960.

Anita Ekberg: l’attrice che vive "la dolce vita"

(Malmo, 29 settembre 1931 - Rocca di Papa, 11 gennaio 2015)

Anita Ekberg filmografiaNegli anni cinquanta, dopo aver vinto il titolo di Miss Svezia si trasferisce a Hollywood dove comparirà in pellicole poco note come “Artisti e modelle” (1955), con Jerry Lewis e Dean Martin e “Hollywood o morte!” (1956).

Sempre nello stesso periodo cresce la sua popolarità grazie a un ruolo in “Guerra e pace” (1955) di King Vidor. Ma la sua fama si consolida naturalmente in seguito all’incontro con Fellini, avvenuto a Roma, dove l’attrice si trova per le riprese di “Nel segno di Roma” (1959) di Brignone.

Anita Ekberg: 'Marcello, come here!'

Quando ne “La Dolce Vita” si bagna nella fontana di Trevi, Anita celebra la sua fama di icona del cinema mondiale. È quella una scena memorabile in cui il grande Marcello Mastroianni, invocato dal mitico “Marcello, come here!”, si lascia incantare dall’avvenente bellezza della protagonista. Ed ecco che i due diventano la coppia simbolo della Dolce Vita Romana.

Appena due anni dopo la ritroviamo in “Boccaccio ‘70”, sempre di Fellini, in cui figurerà nei panni della bella e sensuale ammaliatrice del Dottor Antonio, interpretato da Peppino De Filippo, per cui diventerà una dolce ossessione.

Nel ’63 recita insieme a Dean Martin, Frank Sinatra e Ursula Andress ne “I Quattro del Texas”, di Robert Aldrich. Ma il suo successo si può dire fermo alle pellicole di Fellini, e i lavori in cui comparirà successivamente sono di scarsa rilevanza. Sono degli anni settanta le varie prove in pellicole di serie B come “Casa d’appuntamento” (1972) e “La lunga cavalcata della vendetta” (1972).

Nel 1987 viene chiamata nuovamente da Fellini per re-interpretare il ruolo di sé stessa nel film “Intervista”, biografia dello stesso regista, ancora una volta con Mastroianni.

Anita Ekberg: un simbolo immortale di bellezza

Anita Ekberg photoshootDivenuta ormai una sex-symbol, viene diretta da De Sica ne “Il conte Max” (1991) e da Bigas Luna in “Bambola” (1996), con Valeria Marini, nel ruolo stesso di bambola. La sua ultima interpretazione risale al 1998 nella pellicola "Il nano rosso" di Yvan Le Moine. Fellini disse di lei: “Se mi chiedete de La Dolce vita rispondo subito: Anita Ekberg! Era di una bellezza sovrumana”.

Muore l'11 gennaio 2015 in un ospedale di Rocca di Papa, a causa di una serie di malattie.

Eleonora Zilli

Anita Ekberg Filmografia - Cinema

Anita Ekberg servizio fotografico

  • L'avventuriero della Louisiana, regia di Rudolph Maté (Non accreditata) (1953)
  • Portami in città, regia di Douglas Sirk (Non accreditata) (1953)
  • Viaggio al pianeta Venere, regia di Charles Lamont (1953)
  • La spada di Damasco, regia di Nathan Juran (1953)
  • Oceano rosso, regia di William A. Wellman (1955)
  • Artisti e modelle, regia di Frank Tashlin (1955)
  • Guerra e pace, regia di King Vidor (1956)
  • Ritorno dall'eternità, regia di John Farrow (1956)
  • Hollywood o morte!, regia di Frank Tashlin (1956)
  • La camera blindata, regia di Andrew V. McLaglen (1956)
  • Zarak, regia di Terence Young (1956)
  • International police, regia di John Gilling (1957)
  • La donna del ranchero, regia di Gerd Oswald (1957)
  • Paris Holiday, regia di Gerd Oswald (1958)
  • La statua che urla, regia di Gerd Oswald (1958)
  • Oltre il confine, regia di John Gilling (1958)
  • Nel segno di Roma, regia di Guido Brignone (1958)
  • La dolce vita, regia di Federico Fellini (1960)
  • Apocalisse sul fiume giallo, regia di Renzo Merusi (1960)
  • Le tre eccetera del colonnello, regia di Claude Boissol (1960)
  • Anonima cocottes, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
  • A porte chiuse, regia di Dino Risi (1961)
  • I mongoli, regia di Leopoldo Savona (1961)
  • Boccaccio '70, regia di Federico Fellini (Episodio Le tentazioni del dottor Antonio) (1962)
  • Chiamami Buana, regia di Gordon Douglas (1963)
  • I 4 del Texas, regia di Robert Aldrich (1963)
  • Bianco, rosso, giallo, rosa, regia di Massimo Mida (1964)
  • Poirot e il caso Amanda, regia di Frank Tashlin (1965)
  • Sopra e sotto il letto, episodio Lolita, regia di Axel von Ambesser (1965)
  • Come imparai ad amare le donne, regia di Luciano Salce (1966)
  • Stazione Luna, regia di Gordon Douglas (1966)
  • Scusi, lei è favorevole o contrario?, regia di Alberto Sordi (1966)
  • La sfinge d'oro, regia di Luigi Scattini (1967)
  • Il cobra, regia di Mario Sequi (1967)
  • Sette volte donna, regia di Vittorio De Sica (1967)
  • La lunga notte di Tombstone, regia di Jesùs Balcàzar (1968)
  • Candidato per un assassinio, regia di José María Elorrieta (1969)
  • Se è martedì deve essere il Belgio, regia di Mel Stuart (1969)
  • Malenka, la nipote del vampiro, regia di Armando De Ossorio (1969)
  • La morte bussa due volte, regia di Harald Philippe (1969)
  • Quella chiara notte d'ottobre, regia di Massimo Franciosa (1970)
  • Il divorzio, regia di Romolo Guerrieri (1970)
  • Il debito coniugale, regia di Franco Prosperi (1970)
  • I clowns, regia di Federico Fellini (1970)
  • La lunga cavalcata della vendetta, regia di Amerigo Anton (1972)
  • Northeast of Seoul, regia di David Lowell Rich (1972)
  • Casa d'appuntamento, regia di Ferdinando Merighi (1972)
  • Anno Schmidt, regia di Sebastian Schadhauser (1974)
  • Das Tal der tanzenden Witwen, scene tagliate, regia di Volker Vogeler (1975)
  • Suor Omicidi, regia di Giulio Berruti (1978)
  • S.H.E. la volpe, il lupo e l'oca selvaggia, regia di Robert Michael Lewis (1980)
  • Cicciabomba, regia di Umberto Lenzi (1982)
  • La dolce pelle di Angela, regia di Andrea Bianchi (1986)
  • Intervista, regia di Federico Fellini (1987)
  • Il conte Max, regia di Christian De Sica (1991)
  • Cattive ragazze, regia di Marina Ripa di Meana (1992)
  • Dov'era lei a quell'ora?, regia di Antonio Maria Magro (1992)
  • Ambrogio, regia di Wilma Labate (1992)
  • Bambola, regia di Bigas Luna (1996)
  • Il nano rosso, regia di Yvan Le Moine (1998)

Anita Ekberg Filmografia - Televisione

  • Il bello delle donne 2, regia di Ponzi, Soldati, Parisi (Serie TV) (2002)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *