Alam 2022

"Alam" e il conflitto tra israeliani e palestinesi

Alam

"Alam", diretto dall'esordiente Firas Khoury, rappresenta con attenzione e dettagli un clima di odio che in Israele esiste ormai da anni. Il conflitto politico-militare e territoriale che vede contrapposti arabi palestinesi e israeliani va avanti dai primi anni del '900 e nel tempo ha causato innumerevoli morti, guerre sanguinose e massacri. In "Alam" viene ad esempio ripresa la "pulizia etnica" data 1948, e la successiva nascita dello Stato di Israele, un giorno di lutto per i palestinesi durante il quale si festeggia l’Indipendenza di Israele.

Tragedie negate, bandiere bruciate e lezioni di Storia che insegnano eventi distorti portano i giovani a ribellarsi, ma si tratta di una ribellione non violenta. I giovani arabi palestinesi vorrebbero sostituire la bandiera israeliana con quella palestinese, manifestare, poter conoscere anche quella che è la loro Storia. Ma la repressione è invece dura e violenta. Il conflitto e lo scontro tra palestinesi e israeliani investe chiunque: dai più indifferenti ai più combattivi, da chi non sa e non vuole sapere cosa è accaduto negli anni e chi invece ricorda i parenti uccisi durante le guerre.

Crescere respirando un clima di odio

Alam

"Alam" mostra giovani diversi, con idee opposte o anche senza un'opinione sulla situazione, ma che comunque vengono influenzati da un'atmosfera di violenza, rancore, ostilità e disprezzo. Ragazzi che forse vorrebbero solo capire e provare a difendere le proprie origini, ma che vengono bloccati anche solo nel tentativo di farlo. Tarem è proprio il simbolo di chi deve ancora comprendere con esattezza cosa pensa nei confronti di un conflitto che è ormai diventato parte della normalità, calato nel quotidiano con risvolti differenti, essendo vissuto da una generazione sempre più lontana dagli anni più cruenti dello scontro.

Per amore o per amicizia e nella costruzione della propria identità Tarem e i suoi amici si avvicinano a chi cerca di dare un messaggio pacifico a quella che è stata e continua ad essere una guerra. Ottime interpretazioni e che rappresentano alla perfezione i vari animi che si smuovono giorno dopo giorno nei personaggi. Un'ottima regia è sullo sfondo di una fotografia delicata e raffinata nei colori caldi che mostrano il tipico entusiasmo adolescenziale, qui compresso da una rabbia che lentamente si impossessa della mente e del corpo di chi spera, un giorno, di non dover fuggire da chi punta loro delle armi.

Giorgia Terranova

  • Regia: Firas Khoury
  • Cast: Mahmood Bakri, Sereen Khass, Mohammad Karaki, Muhammad Abed Elrahman, Ahmad Zaghmouri, Saleh Bakri
  • Genere: drammatico
  • Durata: 110 minuti
  • Produzione: Francia, Tunisia, Palestina, Arabia Saudita, Qatar, 2022
  • Data d'uscita: n.d.

Alam"Alam", diretto da Firas Khoury, attraverso temi universali come amore, amicizia e adolescenza rappresenta un conflitto, come quello tra israeliani e palestinesi, che non può escludere le generazioni più giovani

Alam: la trama

Tarem frequenta una scuola superiore araba israeliana. Lui e i suoi amici sembrano apparentemente indifferenti all'emarginazione dei giovani palestinesi, ma le parole e le battaglie che Sawat, compagno di classe, combatte ogni giorno, risveglia tragedie recenti e possibilità negate. Tra amore, amicizia e desiderio di crescere, di avere un obiettivo da raggiungere, Tarem si lascia coinvolgere in una lotta che non comprende fino in fondo, ma che si trova poi inevitabilmente ad affrontare.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.