Alain Delon

Fascino intramontabile e seducente bellezza francese, il mix perfetto d'ingredienti che hanno reso Alain Delon un vero e proprio mito della cinematografia internazionale, attore e regista, è uno dei volti simbolo del cinema francese divenuto una star leggendaria del cinema anni '60 e '70.

Alain Delon, il fascinoso “Gattopardo” francese

(Sceaux, 8 novembre 1935)

Alain Delon immagineÈ stato sicuramente l’attore francese più amato dal pubblico femminile per il fascino e la bellezza che lo hanno contraddistinto, non solo nel corso degli anni ’60 e ’70, ma anche successivamente, quando il suo volto è diventato più maturo e reso ancora più interessante dai segni del tempo. Stiamo parlando di Alain Delon vera e propria icona, insieme a Jean Paul Belmondo, del cinema d’oltralpe.

Di carattere ribelle, Alain Delon nasce l’8 novembre del 1935 e già a 4 anni deve affrontare la separazione dei genitori, a causa della quale è costretto ad andare in collegio. Non sopporta la scuola e a 14 anni la lascia. Lavora prima nella macelleria del patrigno, poi si arruola come paracadutista nel corpo di spedizione militare francese in Indocina.

Il temperamento vivace e la seducente bellezza di Alain Delon

Dopo cinque anni (undici mesi passati in prigione per indisciplina) si congeda e torna in Francia dove deve svolgere i lavori più disparati. A notare per primo le sue potenzialità è Yves Allegret che lo fa debuttare sul grande schermo nel 1958 con “Godot”, mentre lo stesso anno il fratello Marc lo chiama per “Fatti bella e taci”, in cui divide il set con Jean-Paul Belmondo. Sempre nel 1958 è accanto a Romy Schneider, con cui farà coppia fissa per lungo tempo, in “L’amante pura”, per poi essere protagonista del drammatico “Delitto in pieno sole” (1959) di René Clément, che lo rivorrà per “Che gioia vivere!” (1961), “Crisantemi per un delitto” (1963) e “Parigi brucia?” (1967).

'Il colpo grosso' negli anni '60

Gli anni Sessanta si aprono con un’importante svolta per la carriera di Alain Delon, che viene scelto da Luchino Visconti come protagonista del drammatico “Rocco e i suoi fratelli” (1960). Visconti lo recluterà nuovamente per il ruolo di Tancredi ne “Il Gattopardo” (1963). Anche il grande Antonioni si accorge del fascino di Delon e decide di affiancarlo a Monica Vitti per “L’eclisse” (1962) al quale seguiranno: “Colpo grosso al casinò” (1963) con Jean Gabin, “Il tulipano nero” (1964), “Texas oltre il fiume!” (1966) e il bellissimo noir “Frank Costello faccia d’angelo” (1967) di Jean-Pierre Melville, che lo dirige nuovamente nel 1970 in “I senza nome”.

È protagonista dell’episodio “William Wilson” di Louise Malle, del film “Tre passi nel delirio” (1967), per poi passare a “La piscina” (1968) di Jacques Deray e a “Il clan dei siciliani” (1969) in cui affianca di nuovo Jean Gabin.

Il richiamo al genere poliziescoAlain Delon camicia bianca

Nel 1968 viene coinvolto nelle indagini relative alla misteriosa morte della sua guardia del corpo, che riveleranno l’uso smodato di alcol e droga nel suo entourage. Nonostante ciò il fascino di Delon non diminuisce, così come le proposte di lavoro. Ottiene grande successo affianco a Jean-Paul Belmondo in “Borsalino” (1970), per poi vivere l’amore proibito de “La prima notte di quiete” (1972) del nostro Valerio Zurlini.

In seguito si cimenta in pellicole impegnate come : “L'assassinio di Trotsky” (1972) e “Mr. Klein” (1976), entrambe di Joseph Losey. Ritrova Gabin in “Due contro la città” (1973) e si specializza nel poliziesco con film come: “Notte sulla città” (1972), “Scorpio” (1973), “Flic Story” (1975), “Lo zingaro” (1975), “La gang del parigino (Pierrot le Fou)” (1977), “Morte di una carogna” (1977), “Tre uomini da abbattere” (1980), “Per la pelle di un poliziotto” (1981) con cui esordisce alla regia (ripete l’esperienza nel 1982 con “Braccato”), “22ª vittima... nessun testimone” (1985), “L’orso di peluche” (1994).

La lotta contro la depressione

Nel frattempo ha il tempo di dedicarsi al seguito di “Borsalino”, “Borsalino and Co.” (1974), all’avventuroso “Zorro” (1975) dell’italiano Duccio Tessari, ad “Airport 80” (1979), a “La nostra storia” (1984) di Bertrand Blier, con cui vince il premio César come Miglior Attore Protagonista. È diretto da Jean-Luc Godard in “Nouvelle Vague” (1990) e da Patrice Leconte in “Uno dei due” (1998), dove ritrova Belmondo.

Il nuovo millennio non è positivo per Delon, che oltre a separarsi dalla madre dei suoi due figli, confessa alla stampa la depressione contro cui combatte da tempo e che in seguito dichiarerà di aver sconfitto. La sua ultima apparizione al cinema è nell’avventuroso “Asterix alle olimpiadi” (2008), in cui interpreta Giulio Cesare.

Salvatore Buellis

Alain Delon Filmografia – Attore

Alain Delon e Annie Girardot in "Rocco e i suoi fratelli", la regia di Luchino Visconti (1960)

Alain Delon e Annie Girardot in una scena de "Rocco e i suoi fratelli", per la regia di Luchino Visconti (1960)

  • Godot, regia di Yves Allégret (1957)
  • Fatti bella e taci, regia di Marc Allégret (1958)
  • L’amante pura, regia di Pierre Gaspard-Huit (1958)
  • Le donne sono deboli, regia di Michel Boisrond (1959)
  • Furore di vivere, regia di Michel Boisrond (1959)
  • Delitto in pieno sole, regia di René Clément (1960)
  • Rocco e i suoi fratelli, regia di Luchino Visconti (1960)
  • Che gioia vivere, regia di René Clément (1961)
  • Amori celebri, regia di Michel Boisrond (1961)
  • Le chien, regia di François Chalais, (Film TV) (1962)
  • L’eclisse, regia di Michelangelo Antonioni (1962)
  • Le tentazioni quotidiane, regia di Julien Duvivier (1962)
  • L’amour à la mer, regia di Guy Gilles (1963)
  • Colpo grosso al casinò, regia di Henri Verneuil (1963)
  • Il gattopardo, regia di Luchino Visconti (1963)
  • Il Tulipano Nero, regia di Christian Jaque (1964)
  • Crisantemi per un delitto, regia di René Clément (1964)
  • Il ribelle di Algeri, regia di Alain Cavalier (1964)
  • Una Rolls-Royce gialla, regia di Anthony Asquith (1964)
  • L’ultimo omicidio, regia di Ralph Nelson (1965)
  • Né onore né gloria, regia di Mark Robson (1966)
  • Parigi brucia?, regia di René Clément (1966)
  • Texas oltre il fiume, regia di Michael Gordon (1966)
  • I tre avventurieri, regia di Robert Enrico (1967)
  • Frank Costello faccia d’angelo, regia di Jean-Pierre Melville (1967)
  • Diabolicamente tua, regia di Julien Duvivier (1967)
  • Tre passi nel delirio (Episodio William Wilson), regia di Louis Malle (1968)
  • Nuda sotto la pelle, regia di Jack Cardiff (1968)
  • Due sporche carogne – Tecnica di una rapina, regia di Jean Herman (1968)
  • La piscina, regia di Jacques Deray (1969)
  • Addio Jeff!, regia di Jean Herman (1969)
  • Il clan dei siciliani, regia di Henri Verneuil (1969)
  • Borsalino, regia di Jacques Deray (1970)
  • I senza nome, regia di Jean-Pierre Melville (1970)
  • Madly – Il piacere dell’uomo, regia di Roger Kahane (1970)
  • L’uomo di Saint Michel, regia di Jacques Deray (1971)
  • Sole rosso, regia di Terence Young (1971)
  • L’evaso, regia di Pierre Granier-Deferre (1971)
  • La prima notte di quiete, regia di Valerio Zurlini (1972)
  • L’assassinio di Trotzky, regia di Joseph Losey (1972)
  • Notte sulla città, regia di Jean-Pierre Melville (1972)
  • L’uomo che uccideva a sangue freddo, regia di Alain Jessua (1973)
  • Scorpio, regia di Michael Winner (1973)
  • La mia legge, regia di Jean Chapot (1973)
  • Tony Arzenta, regia di Duccio Tessari (1973)
  • Due contro la città, regia di José Giovanni (1973)
  • L’arrivista, regia di Pierre Granier-Deferre (1974)
  • Esecutore oltre la legge, regia di Georges Lautner (1974)
  • Borsalino and Co., regia di Jacques Deray (1974)
  • Zorro, regia di Duccio Tessari (1975)
  • Flic story, regia di Jacques Deray (1975)
  • Lo zingaro, regia di José Giovanni (1975)
  • Mr. Klein, regia di Joseph Losey (1976)
  • Il figlio del gangster, regia di José Giovanni (1976)
  • La gang del parigino, regia di Jacques Deray (1977)
  • Quel giorno il mondo tremerà, regia di Alain Jessua (1977)
  • L’ultimo giorno d’amore, regia di Édouard Molinaro (1977)
  • Morte di una carogna, regia di Georges Lautner (1977)
  • Lo sconosciuto, regia di Serge Leroy (1978)
  • Airport ’80, regia di David Lowell Rich (1979)
  • Histoire d’amour, regia di Pierre Granier-Deferre (1979)
  • Tre uomini da abbattere, regia di Jacques Deray (1980)
  • Nido di spie, regia di Aleksandr Alov e Vladimir Naumov (1981)
  • Per la pelle di un poliziotto, regia di Alain Delon (1981)
  • Il bersaglio, regia di Robin Davis (1982)
  • Braccato, regia di Alain Delon (1983)
  • Un amore di Swann, regia di Volker Schlöndorff (1984)
  • Notre histoire, regia di Bertrand Blier (1984)
  • Ventiduesima vittima… nessun testimone, regia di José Pinheiro (1985)
  • Il passaggio, regia di René Manzor (1986)
  • Dear America – Lettere dal Vietnam, regia di Bill Couturié (Documentario TV) (1987)
  • Cinéma (Miniserie TV) (1988)
  • Ne réveillez pas un flic qui dort, regia di José Pinheiro (1988)
  • I pianoforti di Berlino, regia di Philippe Lefebvre (1988)
  • Nouvelle vague, regia di Jean-Luc Godard (1990)
  • Coreografia di un delitto, regia di Gilles Béhat (1990)
  • Il ritorno di Casanova, regia di Edouard Niermans (1992)
  • Un crime, regia di Jacques Deray (1993)
  • L’orso di peluche, regia di Jacques Deray (1994)
  • Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
  • Le jour et la nuit, regia di Bernard-Henri Lévy (1997)
  • Uno dei due, regia di Patrice Leconte (1998)
  • Actors, regia di Bertrand Blier (2000)
  • Il leone, regia di José Pinheiro (Film TV) (2003)
  • Asterix alle Olimpiadi, regia di Frédéric Forestier e Thomas Langmann (2008)
  • S Novym godom, mamy!, regia di Artyom Aksyonenko, Sarik Andreasyan, Anton Bormatov, Dmitriy Grachev e Klim Poplavskiy (2012)

Alain Delon Filmografia – Televisione

  • Le bel indifférent, regia di Marion Sarraut, (Film TV) (1978)
  • Fabio Montale (Miniserie TV 3 episodi) (2002)
  • Frank Riva (Serie TV) (2003-2004)
  • Un mari de trop, regia di Louis Choquette (Film TV) (2010)

Alain Delon Filmografia – Regista

  • Per la pelle di un poliziotto (1981)
  • Braccato (1983)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *