Ecodelcinema

The Lodgers – Non infrangere le regole (2017)

The Lodgers - Non infrangere le regole - Recensione: gemelli maledetti per un horror gotico

Un vecchio detto sosteneva, e ancor adesso sembrerebbe valido il concetto, che tra moglie e marito non vada messo il dito. “The Lodgers - Non infrangere le regole” fa sua questa massima e ne amplia il significato inserendo una postilla in cui si consiglia vivamente di evitare di posizionare la falange anche tra dei gemelli, orfani e con una maledizione sulle spalle.

Edward e Rachel sono i gemelli in questione che, nell’Irlanda del 1920, vivono in una grande casa nel bosco, immensa e fatiscente, espiando le colpe dei loro antenati e cantando un'inquietante filastrocca dal significativo incipit: “mai andare a letto dopo a la mezzanotte”.

A questo punto gli appassionati del genere horror possono fare bella mostra della propria passione, citando tutti i film che rimandano alla sequenza di dettagli della trama; e forse è proprio il caso di trovare qualcosa di buono più nelle citazioni di altri film che nel film stesso. Vediamo perché: intanto, riallacciandoci al discorso del dito malposto, il funereo equilibrio nella casa abitata dai gemelli viene messo in crisi proprio da uno di loro: Rachel si innamora di un giovane soldato e inizia a mettere tutto in discussione, ribellandosi alle regole imposte dai genitori ormai scomparsi.

The Lodgers - Non infrangere le regole: molta forza visiva, poca narrativa

La paturnie amorose della bella gemella sono il punto di partenza di un horror gotico che si apprezza più per la sua dimensione estetica che per quella narrativa. Il racconto per immagini è molto curato ma non è supportato da una intelaiatura di eventi realizzata altrettanto bene. L’estetica, seppur di un certo livello qualitativo, non riesce a nascondere completamente le mancanze della sceneggiatura che annaspa tra dialoghi poco ficcanti e colpi di scena riusciti a metà. La sensazione che si prova al cospetto di “The Lodgers - Non infrangere le regole” attiene più allo smarrimento che alla paura e, trattandosi di un horror, la cosa potrebbe esser anche abbastanza grave. Ma non vogliamo buttare il bambino con l’acqua sporca. Innanzitutto perché, in questo caso, i bambini-ragazzi sono due, e l’acqua, inoltre, è l’elemento sul quale è imperniato il racconto della maledizione.

Insomma, salviamo le belle immagini e la metafora (voluta o non voluta) sull’emancipazione dei figli dalle colpe dei padri ma non possiamo soprassedere sulla mancanza delle classiche connotazioni che fanno di un film un bell’horror.

Se è vero che il messaggio di "The Lodgers - Non infrangere le regole" sia un inno al rifiuto di certe regole, Brian O’Malley, il regista, sembrerebbe, però, non tener conto del fatto che, rispettandone certe altre, almeno in campo cinematografico, si potrebbero avere maggiori probabilità di riuscita.

Riccardo Muzi

  • Titolo originale: The Lodgers
  • Regia: Brian O'Malley
  • Cast: David Bradley, Eugene Simon, Charlotte Vega, Moe Dunford, Bill Milner, Deirdre O'Kane
  • Genere: Horror, colore
  • Durata: 92 minuti
  • Produzione:  Irlanda, 2017
  • Distribuzione: M2 Pictures
  • Data di uscita:  8 marzo 2018

Dopo il successo di "Let Us Prey", Brian O'Malley torna alla regia di un nuovo film horror: "The Lodgers – Non infrangere le regole". Tra gli attori troviamo Deirdre O'Kane (Miglior Attrice agli Irish Film and Television Awards 2015 per "Noble") e Moe Dunford (Miglior Attore agli IFTA per "Patrick’s Day"). Ad impreziosire il cast due giovanissimi interpreti: la bella Charlotte Vega e il ventiduenne Bill Milner (Magneto in "X-Men - L'inizio"). Il film è stato presentato al Toronto International Film Festival e al Torino Film Festival. La pellicola è distribuita da M2 Pictures.

In un'inervista, il regista O'Malley ha dichiarato di essere molto soddisfatto dell'intero cast. "Credo che faranno un lavoro fenomenale dando vita a questo mondo e traducendo la storia al pubblico in un modo davvero emozionante."

The Lodgers - Non infrangere le regole: tre regole da rispettare

Siamo nell'Irlanda del 1920. Rachel e Edward, due gemelli quasi diciottenni, sono affetti da una maledizione per i peccati commessi dai loro antenati. I due fanciulli sono orfani ormai da tempo, in seguito alla morte prematura dei loro genitori. In realtà scopriranno di non essere soli e di condividere la casa con degli spiriti nel seminterrato. I fratelli entreranno nell'ottica che per poter sopravvivere dovranno rispettare delle regole derivanti da un'inquietante ninna nanna. Le regole sono tre: non  fare entrare estranei in casa,  andare a letto entro mezzanotte, e non separarsi mai. Non rispettare anche solo una delle tre regole scatenerebbe l'ira delle presenze che infestano la casa. Edward sembra ormai rassegnato a dover vivere una vita drammatica e piena di privazioni. Il problema sorge quando Rachel invaghita di un soldato del luogo, inizia a ribellarsi cercando in tutti modi di fuggire dal suo opprimente destino.