Naomi Watts

Attrice britannica naturalizzata australiana, Naomi Watts ha regalato al grande pubblico tra le interpretazioni più disparate: drammatica nel suo esordio con "For Love Alone", in lotta con i misteri di una videocassetta maledetta in "The Ring", coraggiosa in "King Kong". Attrice valida e brava a cogliere le sfumature e i dettagli, che danno corpo a personaggi indimenticabili.

Naomi Watts: l'attrice sulla 'Mulholland Drive'

(Shoreham, 28 settembre 1968)

Naomi Watts red carpetAttrice inglese naturalizzata australiana e figlia d’arte, Naomi Watts intraprende la strada del cinema in maniera indiretta e controversa. Lavora infatti come modella interpretando il suo primo film a soli diciotto anni, “For Love Alone”, che però non la rende nota.

Nonostante ciò insegue ostinatamente il sogno della settima arte, come la madre Miv Watts. Nel 1989 partecipa a “Flirting” con Thandie Newton e Nicole Kidman, di cui diventa grande amica.

Lo stravagante Joe Dante la vuole in “Matinée” (1993), un omaggio ai B-movie degli anni cinquanta.

Sarà poi Jet Girl in “Tank Girl” (1995), trasposizione per cinema dell’omonimo fumetto underground inglese di Jamie Hewlett e Alan Martin. Nel 1998 ottiene una parte in “Padrona del suo destino” e inizia ad avere una maggiore considerazione e visibilità.

Naomi Watts: la Betty di "Mulholland Drive" che convince critica e pubblico

Ma è il ruolo di protagonista in “Mulholland Drive”, nel 2001, di David Lynch a dare una svolta alla sua carriera. Nel film è Betty, un’attrice che s’innamora di una donna senza memoria e nasconde le sue pulsioni fino a esplodere.

La storia è semplicemente lynchana, tra il sogno e il simbolo, e ha avuto grandi riscontri nella critica internazionale. Per Naomi è senz’altro il momento più florido che apre una fortunata stagione cinematografica costellata di tappe di grande interesse. Il suo volto dolce e semplice la rende adatta a ruoli legati a un quotidiano apparentemente “normale” da cui si dipanano misteri e situazioni impossibili. È il caso di Rachel, la giornalista dell’allucinante “The Ring” (2002), di Gore Verbinski.

Nel 2003 partecipa a “21 grammi” del messicano Alejandro Gonzalez Iñárritu, con Benicio Del Toro e Sean Penn, che le procurerà una candidatura all’Oscar come Migliore Attrice Protagonista.

Naomi Watts: attrice impavida in "King Kong"

Naomi Watts golden globesLa sua bravura la porta addirittura a un ruolo comico in “I Heart Huckabees – Le strane coincidenze della vita” (2004), di David O. Russell, con attori dello spessore di Dustin Hoffman, Jude Law e Isabelle Huppert. Sempre nel 2004 lavora per John Curran ne “I giochi dei grandi”, premiato al Sundance Film Festival per la Migliore Sceneggiatura e, nel 2006, ne “Il velo dipinto”, ancora di Curran.

Nel 2004 la sua incredibile interpretazione nel drammatico "21 grammi", le fa guadagnare la prima nomination agli Oscar come miglior attrice.

“King Kong”, film di Peter Jackson del 2005, la vede nei panni della bella innamorata del mostro con una calzante interpretazione riconosciuta dal grande pubblico.

Nel 2007 la ritroviamo nel thriller “Funny Games” di Michael Haneke (che ripropone l’omonimo film del ’97 in un remake) e ne “La promessa dell’assassino”, di David Cronenberg, con Vincent Cassel e Viggo Mortensen, dove sarà Anna, un’ostetrica russa che, indagando sulla misteriosa morte di una ragazza, si ritrova coinvolta in un giro di mafia.

Naomi Watts tra i grandi registi del cinema Hollywoodiano

Nel 2008 viene diretta da Ryan Murphy nel thriller “Need”, sul set con la grande amica Nicole Kidman, che nella finzione sarà invece sua acerrima nemica, nonché amante del marito. Prende poi parte alla produzione di “The Birds” (2009), remake dell’originale del maestro Hitchcock, nei panni di Melanie e al thriller politico "The International" (2009) accanto a Clive Owen.

Nel 2010 la vediamo con Keira Knightley, Gwyneth Paltrow e Anthony Hopkins in “King Lear” e con Sean Penn in "FairGame", pellicola tratta dalle memorie di un'agente della CIA impersonata appunto dalla Watts; dello stesso anno è la sua partecipazione alla pellicola di Woody Allen "Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni", con Antonio Banderas, Josh Brolin, Anthony Hopkins e Freida Pinto.

Naomi Watts: la candidatura ai Premi Oscar per "The Impossible"

Naomi Watts oscarNel 2011 è nel cast di "J. Edgar" di Clint Eastwood e nel 2012 viene candidata all'Oscar per la sua interpretazione nel drammatico "The Impossible" accanto a Ewan McGregor, diretto da Juan Antonio Bayona, basato sul disastroso Terremoto e maremoto dell'Oceano Indiano del 2004.

Nel 2013 torna sul grande schermo con molteplici pellicole tra cui il corale "Comic Movie" e "Diana - La storia segreta di Lady D" in cui la Watts indossa i panni della sfortunata principessa.

Oltre ai lodevoli impegni nel campo della beneficenza, anche gli ultimi anni sono stati molto prolifici per Naomi Watts. Dal ruolo di ribelle in "The Divergent Series: Allegiant" ai due thriller (entrambi con la giovane star Jacob Tremblay) "Shut In" e "The Book of Henry".

Ad anni di distanza da "Mulholland Drive", l'attrice si ritrova con il regista David Lynch per partecipare alla terza stagione di "Twin Peaks".

Eleonora Zilli

Naomi Watts Filmografia - Cinema

Naomi Watts afi fest

  • For Love Alone, regia di Stephen Wallace (1986)
  • Flirting, regia di John Duigan (1991)
  • The Custodian, regia di John Dingwall (1993)
  • Matinee, regia di Joe Dante (1993)
  • Fiamme di passione, regia di John Duigan (1993)
  • Cattiva condotta - Gross indecency, regia di George Miller (1993)
  • Tank Girl, regia di Rachel Talalay (1995)
  • Inferno a Grand Island, regia di Greg Spence (1996)
  • Delitto senza colpevole, regia di George Hickenlooper (1996)
  • Under the Lighthouse Dancing, regia di Graeme Rattigan (1997)
  • Babe va in città, regia di George Miller (Voce) (1998)
  • Padrona del suo destino, regia di Marshall Herskovitz (1998)
  • Strano pianeta, regia di Emma-Kate Croghan (1999)
  • Down - Discesa infernale, regia di Dick Maas (2001)
  • Mulholland Drive, regia di David Lynch (2001)
  • Rabbits, regia di David Lynch (2002)
  • The Ring, regia di Gore Verbinski (2002)
  • Bara con vista, regia di Nick Hurran (2002)
  • Ned Kelly, regia di Gregor Jordan (2003)
  • Le Divorce - Americane a Parigi, regia di James Ivory (2003)
  • 21 grammi, regia di Alejandro González Iñárritu (2003)
  • I giochi dei grandi, regia di John Curran (2004)
  • The Assassination, regia di Niels Mueller (2004)
  • I ♥ Huckabees - Le strane coincidenze della vita, regia di David O. Russell (2004)
  • Ellie Parker, regia di Scott Coffey (2005)
  • The Ring 2, regia di Hideo Nakata (2005)
  • Stay - Nel labirinto della mente, regia di Marc Forster (2005)
  • King Kong, regia di Peter Jackson (2005)
  • Il velo dipinto, regia di John Curran (2006)
  • Inland Empire - L'impero della mente, regia di David Lynch (Voce) (2006)
  • Funny Games, regia di Michael Haneke (2007)
  • La promessa dell'assassino, regia di David Cronenberg (2007)
  • The International, regia di Tom Tykwer (2009)
  • Mother and Child, regia di Rodrigo García (2009)
  • Fair Game - Caccia alla spia, regia di Doug Liman (2010)
  • Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni, regia di Woody Allen (2010)
  • Dream House, regia di Jim Sheridan (2011)
  • J. Edgar, regia di Clint Eastwood (2011)
  • The Impossible, regia di Juan Antonio Bayona (2012)
  • Comic Movie, registi vari (2013)
  • Two Mothers, regia di Anne Fontaine (2013)
  • Diana - La storia segreta di Lady D, regia di Oliver Hirschbiegel (2013)
  • Sunlight Jr., regia di Laurie Collyer (2013)
  • Birdman, regia di Alejandro González Iñárritu (2014)
  • St. Vincent, regia di Theodore Melfi (2014)
  • Giovani si diventa (While We're Young), regia di Noah Baumbach (2014)
  • The Divergent Series: Insurgent, regia di Robert Schwentke (2015)
  • La foresta dei sogni (The Sea of Trees), regia di Gus Van Sant (2015)
  • About Ray, regia di Gaby Dellal (2015)
  • Demolition - Amare e vivere (Demolition), regia di Jean-Marc Vallée (2015)
  • The Divergent Series: Allegiant, regia di Robert Schwentke (2016)
  • Chuck, regia di Philippe Falardeau (2016)
  • Shut In, regia di Farren Blackburn (2016)
  • The Book of Henry, regia di Colin Trevorrow (2017

Naomi Watts Filmografia - Televisione

  • Home and Away (Serie TV, 19 episodi) (1991)
  • Brides of Christ, regia di Ken Cameron (Miniserie TV) (1991)
  • L'avventura della vita, regia di Ian Toynton (Film TV) (1996)
  • Timepiece, regia di Marcus Cole (Film TV) (1996)
  • Sleepwalkers (Serie TV, 9 episodi) (1997-1998)
  • Il Natale più bello della mia vita, regia di Ian Barry (Film TV) (1998)
  • Il delitto dell'unicorno, regia di William A. Graham (Film TV) (1999)
  • Mulholland Dr., regia di David Lynch (Film TV) (1999)
  • The Wyvern Mystery, regia di Alex Pillai (Film TV) (2000)
  • The Outsider, regia di Randa Haines (Film TV) (2002)
  • I segreti di Twin Peaks, regia di David Lynch - serie TV, 18 episodi (2017)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *