Mark Ruffalo

Attore, regista, produttore cinematografico e sceneggiatore statunitense, la sua carriera nel cinema comincia alla fine degli anni novanta, e Mark Ruffalo raggiunge consensi da parte di pubblico e critica per svariate interpretazioni, ricevendo diverse nomination, nel segno di una versatilità e abilità interpretativa che da sempre lo caratterizza.

Mark Ruffalo, un attore da non far arrabbiare

(Kenosha, 22 novembre 1967)

Mark RuffaloMark Ruffalo, il tenebroso attore dalle origini italiane, che molti definiscono erede addirittura di Marlon Brando a causa del suo fascino un po’ “intellettuale”, nasce nel Wisconsin da una famiglia di modeste origini.

Il padre è un pittore edile e la mamma è una parrucchiera, sorte che seguiranno anche i tre fratelli più piccoli. Mark però non si accontenta: finisce il college e in seguito al divorzio dei suoi genitori si trasferisce a Los Angeles con la madre e i fratelli. Si iscrive allo Stella Adler Conservatory dove studia recitazione; dopo il diploma fonda una compagnia di teatro la Orpheus Theatre Company dove scrive, dirige e recita i suoi spettacoli.

Dai bar ai set Hollywoodiani: Mark Ruffalo agli esordi

Nonostante questi gli procurino ottime recensioni dalla critica non gli danno da vivere: è costretto a lavorare per quasi dieci anni come cameriere in un bar, fino al debutto sul grande schermo nel 1992 con il film horror “Rough Trade”, che non ottiene però il successo sperato. Seguono anni di buio fino al 1997 quando inscena con l’amico Kenneth Lonergan la commedia off-Broadway, “This is Your Youth”. Lavorano ancora insieme nel drammatico "Conta su di me" (1999) dove interpreta il fratello inaffidabile della protagonista, e che gli regala un inaspettato successo. Nel 1998 ottiene una piccola parte in “Studio 54” di Mark Christopher, storia del famoso club di New York degli anni ’70 ’80.

Il successo con "In the Cut"

Mark RuffaloDopo questa pellicola Mark ha l’occasione di lavorare al fianco di attori del calibro di Robert Redford nel film d’azione "Il castello" (2001); di Nicolas Cage nel film di guerra “Windtalkers” (2002) di John Woo e con la bella Gwyneth Paltrow nella commedia romantica "Una hostess tra le nuvole" (2002).

Oramai piuttosto conosciuto, con la fama di bello e dannato, ma anche di attore in grado di recitare con credibilità nei ruoli più disparati, Mark si cimenta in un film che ha riscosso molto successo grazie alla trama scandalosa, che vede la protagonista Meg Ryan in una veste di insolita sensualità: nel morboso "In the Cut" (2003), di Jane Campion e prodotto da Nicole Kidman, interpreta un investigatore newyorkese alle prese con l’omicidio di una ragazza, che intreccia una bollente relazione con una testimone oculare. Per immedesimarsi meglio in questo film Ruffalo ha passato qualche mese a stretto contatto con la polizia americana per cogliere i comportamenti.

Una molteplicità di produzioni lo vedono impegnato negli anni 2000

Nel 2004 prende parte al bellissimo "Se mi lasci ti cancello" al fianco di Jim Carrey e del premio Oscar Kate Winslet; e a "30 anni in un secondo", di Gary Winik al fianco di Jennifer Garner. Nello stesso anno dà la caccia a Tom Cruise nel thriller “Collateral” di Michael Mann; viene poi attratto da oscure presenze nel suoappartamento infestato dal fantasma Reese Witherspoon in “Se solo fosse vero” (2005), sposa Jennifer Aniston in “Vizi di famiglia” (2005) ed uccide il governatore Sean Penn in “Tutti gli uomini del re” (2006) di Steven Zaillan. Nel 2007 Mark torna ad investigare, stavolta sulle tracce dell'omicida seriale “Zodiac”, thriller di David Fincher.

Dopo “Blindness” (2008) con Julianne Moore, mai uscito in Italia, è coinvolto in grandi progetti tutti di successo; come “Nel paese delle creature selvagge” (2009) e il thriller “Shutter Island” (2010) di Martin Scorsese, dove indaga in un manicomio al fianco di Leonardo DiCaprio. Inoltre, è il papà di Mia Wasikowska nella commedia “I ragazzi stanno bene” (2010) presentata al festival del cinema di Roma 2010. Ha una piccola parte anche nel simpaticissimo “Notte Folle a Manhattan” (2010) con Steve Carell; ed è un conducente di autobus che viene denunciato da Anna Paquin nel dramma “Margaret” (2011).

Le 'tentazioni irresistibili' di Mark Ruffalo

Mark Ruffalo 1Nel 2010, l’attore si mette dietro la macchina da presa per la commedia “Sympathy for Delicious”, vincitrice al Sundance Film Festival, incentrata sulla storia di un dj paralizzato con doti curative.

Nel 2012 prende parte al blockbuster di Joss Whedon di "The Avengers" e a "Tentazioni (Ir)resistibili" al finco di Gwyneth Paltrow.

Lavora nuovamente in film della Marvel nel 2013, facendo un cameo in "Iron Man 3". Nello stesso anno interpreta l'agente della FBI Dylan Rhodes in "Now You See Me - Maghi del crimine", il produttore discografico Dan in "Tutto può cambiare" ed è tra i protagonisti di "Foxcatcher", diretto da Bennett Miller. Nel 2015 verrà scelto per due produzioni niente male, "Avengers: Age of Ultron", e nelle vesti di un giornalista nel film "Spotlight", presentato Fuori Concorso alla 72ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e nel corso del Toronto International Film Festival 2015 si classifica al 2º posto alla vittoria del People's Choice Award come miglior film.

Nella realtà Mark è sposato con la bella attrice franco-americana Sunrise Coigney dalla quale ha avuto tre figli: Keen, Bella e Odette. Curiosità: nel 2002 deve rinunciare al film “Signs” perché gli viene diagnosticato un tumore al cervello, che lo porta ad una semiparalisi facciale. Dopo un ricovero in ospedale si rimette del tutto, tanto da poter tornare a lavorare in breve tempo.

Federica Palma

Mark Ruffalo Filmografia - Cinema

Mark Ruffalo

  • The Dentist, regia Brian Yuzna (1996)
  • Un Natale indimenticabile, regia James Frawley (1997)
  • Safe Men, regia di John Hamburg (1998)
  • Studio 54, regia di Mark Christopher (1998)
  • Cavalcando col diavolo, regia di Ang Lee (1999)
  • Conta su di me, regia di Kenneth Lonergan (2000)
  • Lui, lei e gli altri, regia di Lisa Krueger (2000)
  • Amore in affitto, regia di Dan Bootzin (2001)
  • Il castello, regia di Rod Lurie (2001)
  • Windtalkers, regia di John Woo (2002)
  • XX/XY, regia di Austin Chick (2002)
  • La mia vita senza me, regia di Isabel Coixet (2003)
  • Una hostess tra le nuvole, regia di Bruno Barreto (2003)
  • In the Cut, regia di Jane Campion (2003)
  • I giochi dei grandi, regia di John Curran (2004)
  • Se mi lasci ti cancello, regia di Michel Gondry (2004)
  • 30 anni in un secondo, regia di Gary Winick (2004)
  • Collateral, regia di Michael Mann (2004)
  • Se solo fosse vero, regia di Mark Waters (2005)
  • Vizi di famiglia, regia di Rob Reiner (2005)
  • Tutti gli uomini del re, regia di Steven Zaillian (2006)
  • Zodiac, regia di David Fincher (2007)
  • Reservation Road, regia di Terry George (2007)
  • Blindness - Cecità, regia di Fernando Meirelles (2008)
  • The Brothers Bloom, regia di Rian Johnson (2008)
  • Boston Streets, regia di Brian Goodman (2008)
  • Nel paese delle creature selvagge, regia di Spike Jonze (2009)
  • Shutter Island, regia di Martin Scorsese (2010)
  • Notte folle a Manhattan, regia di Shawn Levy (2010)
  • Sympathy for Delicious, regia di Mark Ruffalo (2010)
  • I ragazzi stanno bene, regia di Lisa Cholodenko (2010)
  • Margaret, regia di Kenneth Lonergan (2011)
  • The Avengers, regia di Joss Whedon (2012)
  • Tentazioni (ir)resistibili, regia di Stuart Blumberg (2012)
  • Iron Man 3, regia di Shane Black (2013) - Cameo
  • Now You See Me - I maghi del crimine, regia di Louis Leterrier (2013)
  • Tutto può cambiare, regia di John Carney (2013)
  • Foxcatcher - Una storia americana, regia di Bennett Miller (2014)
  • Teneramente folle, regia di Maya Forbes (2014)
  • Avengers: Age of Ultron, regia di Joss Whedon (2015)
  • Il caso Spotlight, regia di Tom McCarthy (2015)
  • Captain America: Civil War, regia di Anthony e Joe Russo (2016)
  • Now You See Me 2, regia di Jon M. Chu (2016)
  • Thor: Ragnarok, regia di Taika Waititi (2017)

Mark Ruffalo Filmografia - Televisione

  • CBS Summer Playhouse (Serie TV, 1 episodio) (1989)
  • Due South - Due poliziotti a Chicago (Serie TV, 1 episodio) (1994)
  • Un Natale indimenticabile, regia James Frawley (1997)
  • Houdini, regia di Pen Densham (1998)
  • The Beat (Serie TV, 8 episodi) (2000)
  • The Normal Heart, regia di Ryan Murphy (2014)

Mark Ruffalo Filmografia - Regista

  • Sympathy for Delicious (2010)

Mark Ruffalo Filmografia - Sceneggiatore

  • The Destiny of Marty Fine, regia di Michael Hacker (1996)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *