Jean Reno

Uno degli attori francesi più apprezzati e stimati, profeta in patria e non solo, Jean Reno è stato l'interprete francese, pupillo di Luc Besson, ad avere molto successo nel mondo. Dietro la volontà di raggiungere il grande pubblico, non ha mai abbandonato la patria, interpretando svariate pellicole di successo, prediletto spesso dai grandi produttori per interpretare il francese, sia in ruoli comici che in thriller.

Jean Reno, un killer dal cuore tenero

(Casablanca, Marocco, 30 luglio 1948)

jean renoJean Reno, al secolo Juan Moreno y Herrera-Jiménez nasce il 30 luglio del 1948, a Casablanca, da genitori andalusi fuggiti dal regime franchista. Nel 1960 si trasferisce in Francia con la famiglia, perde la madre prematuramente e a diciassette anni ottiene la cittadinanza francese.

Educato secondo i principi cristiani è dichiaratamente cattolico, nonché membro della fondazione ‘Abbè Pierre’. Tra i più famosi attori d’oltralpe, ha sempre desiderato recitare, per questo studia con profitto arte drammatica e fonda giovanissimo, con un amico e collega, Didier Flamand, una compagnia itinerante, con la quale attraversa la Francia.

I numerosi provini e l'incontro con Luc Besson: storia di un sodalizio artistico

Partecipa a vari casting e ottiene piccoli ruoli, il primo in una pellicola di Raoul Ruiz del 1979 “L’hypothèse du tableau volè”, dove in vero è solo una comparsa, seguito da “Chiaro di donna” di Constantin Costa-Gavras dello stesso anno. Il 1981 è l’anno della svolta artistica, sul set di “Les bidasses aux grandes manoeuvres” di Raphael Delpard, conosce l’aiuto regista, Luc Besson, i due legano immediatamente e danno vita negli anni a un sodalizio artistico che porterà fortuna a entrambi.

Besson lo vuole nel suo corto d’esordio, “L’Avant-Dernier”, che gira quello stesso anno, e nel suo primo lungometraggio “”Le Dernier Combact” del 1983.

Condividono nuovamente il set nel 1985 in “Subway”; nel 1988 in “Le Grand Bleu”, dove interpreta Enzo Molinari, il subacqueo appassionato di delfini; e nel 1990 in “Nikita”, grande successo di critica e al botteghino, dal quale è stato realizzato un remake hollywoodiano e una serie TV di successo.

Il Killer trasformista di Hollywood

La fama internazionale arriva per entrambi nel 1994 con “Léon”, pellicola dura, capace di trasmettere forti emozioni, dove Reno veste i panni di Léon appunto, un killer professionista che s’intenerisce per le vicissitudini di una ragazzina, interpretata da una giovanissima Natalie Portman. L’attore è il padrone della scena, dona al suo personaggio profondità emotiva, spessore intellettuale, nonché forte intensità drammatica a tutto il girato.

Nel frattempo interpreta nel 1993 la commedia “I visitatori” di Jean-Marie Poiré, campione d’incassi in Francia, seguita da un sequel nel 1998 e da un remake americano sempre con Reno. Icona del cinema francese, bravo sia nei ruoli drammatici e action che in quelli comici, la sua presenza è per lo spettatore garanzia di qualità.

Jean Reno: volto da caratterista, talento da protagonista

Tanto richiesto sia a Hollywood, dove se c’è da interpretare il ruolo d’un francese la parte è sempre per lui, e nel resto d’Europa, tra i tanti lavori ricordiamo: “French Kiss” del 1995 di Lawrence Kasdan, accanto a Meg Ryan e Kevin Kline; “Al di là delle nuvole” di Michelangelo Antonioni sempre del 1995; “Mission: Impossible” del 1996 di Brian De Palma, dove recita accanto a Tom Cruise. Tornando in Francia: “I fiumi di porpora” di Mathieu Kassovitz del 2000, seguito da un sequel nel 2004; “Wasabi” di Gérard Krawczyk del 2001; “Jet Lag” di Danièle Thompson del 2002, dove fa coppia con Juliette Binoche.

Nel 2002 recita anche in “Rolleball” di John McTiernan. Nel 2005 lo troviamo in “L’impero dei lupi” di Chris Nahon e ne “La tigre e la neve” di Roberto Benigni. Il 2006 è un anno di grandi impegni, gira “La pantera rosa”, di Shawn Levy, nei panni di Gilbert Ponton, aiutante dell’Ispettore Clouseau, e “Il codice Da Vinci” di Ron Howard, adattamento cinematografico dell’omonimo bestseller di Dan Brown, dove a fianco di Tom Hanks impersona il Capitano della polizia parigina Bezu Fache.

Un film dietro l'altro, è l'attore francese più richiesto

Nel 2009 lo troviamo in tanti film: “La pantera rosa 2” di Harald Zwart; “La legge del crimine” di Laurent Tuel inedito in Italia; “L’isola delle coppie” commedia di Peter Billingsley, dove impersona il ‘guru’ Marcel, “Blindato” di Nimròd Antal, con Matt Dillon, inedito in Italia. Tante le pellicole del 2010: gli inediti in Italia “La Rafle” di Roselyne Bosch e “L’immortel” di Richard Berry, “Margaret” di Kenneth Lonergan, con Matt Dillon e Anna Paquin.

Il 2011 lo si vede sul grande schermo con “Fantomas” di Christophe Gans, dove duetta con Vincent Cassel, nei panni che furono del mitico Louis de Funès. Nel 2012 recita in "Chef" pellicola francese diretta da Daniel Cohen insieme a Michaël Youn, mentre nello stesso anno recita nel thriller "Alex Cross – La memoria del killer".

Appassionato di Formula 1, tifoso Ferrari per l’esattezza, grande fan di Elvis Presley, vive tra Los Angeles e Parigi.

Nominato da Chirac Cavaliere della Legion d’Onore nel 1999, si sposa per la terza volta in Provenza il 29 luglio 2006 con la modella-attrice trentacinquenne Zofia Borucka, testimoni delle nozze Nicolas Sarkozy (per la cui campagna elettorale ha prestato la propria immagine, addirittura leggendo personalmente il programma del partito ai non vedenti) e Johnny Halliday. Dalla donna avrà altri due figli. Dai due precedenti matrimoni ne ha avuti già quattro.

Massimo Racca

Jean Reno Filmografia - Cinema

Jean Reno

  • L'Hypothèse du tableau volé, regia di Raoul Ruzi (1979)
  • Chiaro di donna, regia di Constantin Costa-Gavras (1979)
  • Voulez-vous un bébé Nobel?, regia di Robert Pouret (1980)
  • L'avant dernier, regia di Luc Besson (Cortometraggio) (1981)
  • On n'est pas des anges... elles non plus, regia di Michel Lang (1981)
  • Les bidasses aux grandes manoeuvres, regia di Raphaël Delpard (1981)
  • La signora è di passaggio, regia di Jacques Rouffio (1982)
  • Le dernier combat, regia di Luc Besson (1983)
  • Ballade sanglante, regia di Sylvain Madigan (Cortometraggio) (1983)
  • Signes extérieurs de richesse, regia di Jacques Monnet (1983)
  • Ne quittez pas, regia di Sophie Schmit (Cortometraggio) (1984)
  • Alea, regia di Francis Lemonnier (Cortometraggio) (1984)
  • Notre histoire, regia di Bertrand Blier (1984)
  • Telephone, regia di Jean-Pierre Vergne (1985)
  • Subway, regia di Luc Besson (1985)
  • Strictement personnel, regia di Pierre Jolivet (1985)
  • Zone rouge, regia di Robert Enrico (1986)
  • I love you, regia di Mario Ferreri (1986)
  • Le grand bleu, regia di Luc Besson (1988)
  • Nikita, regia di Luc Besson (1990)
  • L'homme au masque d'or, regia di Eric Duret (1991)
  • L'opération Corned-Beef, regia di Jean-Marie Poiré (1991)
  • Loulou Graffiti, regia di Christian Lejalé (1992)
  • Paranoïa, regia di Frédéric Forestier e Stéphane Gateau (Cortometraggio) (1993)
  • I visitatori, regia di Jean-Marie Poiré (1993)
  • Léon, regia di Luc Besson (1994)
  • La vis, regia di Didier Flamand (1994)
  • Les truffes, regia di Bernard Nauer (1995)
  • French Kiss, regia di Lawrence Kasdan (1995)
  • Al di là delle nuvole, regia di Michelangelo Antonioni e Wim Wenders (1995)
  • Mission: Impossible, regia di Brian De Palma (1996)
  • Le jaguar, regia di Francis Veber (1996)
  • Roseanna's Grave, regia di Paul Weiland (1997)
  • Un amore di strega, regia di René Manzor (1997)
  • Les soeurs Soleil, regia di Jeannot Szwarc (1997)
  • I visitatori 2 - Ritorno al passato, regia di Jean-Marie Poiré (1998)
  • Godzilla, regia di Roland Emmerich (1998)
  • Ronin, regia di John Frankenheimer (1998)
  • I fiumi di porpora, regia di Mathieu Kassovitz (2000)
  • I visitatori 3: L'ultimo guerriero, regia di Jean-Marie Poiré (2001)
  • Wasabi, regia di Gérard Krawczyk (2001)
  • Rollerball, regia di John McTiernan (2002)
  • Jet Lag, regia di Danièle Thompson (2002)
  • Sta' zitto... non rompere, regia di Francis Veber (2003)
  • I fiumi di porpora 2 - Gli angeli dell'Apocalisse, regia di Olivier Dahan (2003)
  • Hotel Rwanda, regia di Terry George (2004)
  • Il Bandito Corso, regia di Alain Berberian (2004)
  • L'impero dei lupi, regia di Chris Nahon (2005)
  • La tigre e la neve, regia di Roberto Benigni (2005)
  • La pantera rosa, regia di Shawn Levy (2006)
  • Il codice da Vinci, regia di Ron Howard (2006)
  • Giovani aquile, regia di Tony Bill (2006)
  • Giù per il tubo, regia di David Bowers e Sam Fell (2006)
  • Cash - Fate il vostro gioco, regia di Éric Besnard (2008)
  • La Pantera Rosa 2, regia di Harald Zwart (2009)
  • La legge del crimine, regia di Laurent Tuel (2009)
  • L'isola delle coppie, regia di Peter Billingsley (2009)
  • Blindato, regia di Nimród Antal (2009)
  • Vento di primavera, regia di Roselyne Bosch (2010)
  • L'immortale, regia di Richard Berry (2010)
  • The Philosopher, regia di Abdulla Al Kaabi (Cortometraggio) (2010)
  • Margaret, regia di Kenneth Lonergan (2011)
  • On ne choisit pas sa famille, regia di Christian Clavier (2011)
  • Chef, regia di Daniel Cohen (2012)
  • Dream Team, regia di Olivier Dahan (2012)
  • Alex Cross - La memoria del killer, regia di Rob Cohen (2012)
  • Hector and the Search for Happiness, regia di Peter Chelsom (2014)
  • Un'estate in Provenza, regia di Rose Bosch (2014)
  • The Last Face, regia di Sean Penn (2016)

Jean Reno Filmografia - Televisione

  • L'aéropostale, courrier du ciel (Miniserie TV) (1980)
  • Quelques hommes de bonne volonté (Miniserie TV) (1983)
  • Allô Béatrice (Serie TV) (1984)
  • Un homme comblé, regia di Paula Delsol (1985)
  • Tender Is the Night (Miniserie TV) (1985)
  • Série noire (Serie TV) (1985)
  • Et demain viendra le jour, regia di Jean-Louis Lorenzi (1986)
  • Monsieur Benjamin, regia di Marie-Hélène Rebois (1987)
  • Flight from justice, regia di Don Kent (1993)
  • Les grandes occasions (Film TV) (2006)
  • Jo (Serie TV) (2012-2013)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *