Forest Whitaker

Indirizzato dai genitori verso le discipline sportive, Forest Whitaker, nonostante le ottime prestazioni sui campi da football, sapeva, in cuor suo, di essere più attratto dalla recitazione e dal canto piuttosto che dal pallone ovale. Si sposterà a San Francisco per gli studi universitari, esordendo come attore nel 1982 con ''The Assasination Game'', pellicola che darà il via alla sua gavetta di attore emergente.

Forest Whitaker, il 'maggiordomo' del grande schermo

(Longview, 15 luglio 1961)

Forest Whitaker riflessivoForest Steven Whitaker nasce a Longview il 15 luglio 1961 ed è figlio di un assicuratore e un’insegnante che gli danno due fratelli, Kenn e Damon, anche loro attori. Durante l’infanzia e l’adolescenza, sollecitato dai genitori, pratica football specie durante il periodo trascorso al college, ma ben presto si accorge che le sue uniche vere passioni sono il canto e la recitazione e decide di coltivarle all’Università di San Francisco dove vince due borse di studio come tenore lirico.

Si propone in diversi provini e ottiene piccoli ruoli in alcune serie TV come “Making the Grade” (1982) grazie ai quali è notato da Nick Castle, Amy Eckerling e Harold Becker che gli affidano rispettivamente una parte nei film “The Assassination” (1982), “Fuori di testa” (1982) e “Crazy for You” (1985).

La popolarità dei telefilm e le pellicole più importanti. Forest Whitaker: storia di una gavetta ricca di interpretazioni e 'qualche' riconoscimento

Partecipa inoltre a una serie di telefilm che gli regalano molta popolarità fra il pubblico: “Hill Street” (1984), “Professione pericolo”, “Il mio amico Arnold” e “Storie incredibili”. Inaspettatamente comincia ad avere ruoli in pellicole più importanti come “Il colore dei soldi” (1986) di Martin Scorsese, “Platoon” (1986) di Oliver Stone, “Good Morning, Vietnam” (1987) di Barry Levinson, “Bird” (1988) di Clint Eastwood. Quest’ultimo gli vale un importante riconoscimento, la Palma d’Oro al Festival di Cannes.

Seguono a ruota libera senza un attimo di tregua “Johnny il bello” (1989) di Walter Hill, “Pronti a tutto” (1990), “Giustizia criminale” (1990), “Rabbia ad Harlem (1991), il thriller erotico “Giochi d’adulti” (1992) di Alan J. Pakula, “La moglie del soldato” (1992) di Neil Jordan, “Articolo 99” (1992) con Ray Liotta, “Diario di un killer” (1992), “Ultracorpi – L’invasione continua” (1993) di Abel Ferrara, “Last Light – Storia di un condannato a morte” (1993), Amicizie pericolose” (1994), “Blown Away – Follia esplosiva” (1994), “Prêt–à-Porter” (1994) di Robert Altman, “Specie mortale” (1995), “Smoke” (1995), “Phenomenon” (1996), “Rebound - La vera storia di Earl Manigault” (1996), “Ghost Dog - Il codice del samurai” (1999) di Jim Jarmush e “Una voce per gridare” (1999).

Durante questi anni e dopo tutti questi film si appassiona ancor più al cinema e decide di provare a dirigere lui stesso un film. Ne realizza tre: “Armati di pistola” (1993), “Donne” (1995) e “Ricominciare a vivere” (1998) che riscuotono discreto successo.

Tra vita privata e Oscar come Migliore Attore, Forest Whitaker è ''L'ultimo re di Scozia''

Nel 1996 per di più ha anche il tempo di sposare l’attrice Keisha Nash e di avere due bellissimi bambini, Sonne e True, oltre a un precedente figlio, Ocean, nato da una donna che non è mai uscita allo scoperto.

Il nuovo millennio si apre con “Battaglia per la terra” con John Travolta, “Il quarto angelo” (2001), “The Dragon” (2001), “In linea con l’assassino” (2002) di Joel Schumacher con Colin Farrell, “Panic Room” (2002) di David Fincher con Jodie Foster, “Mary” (2005) dove lavora di nuovo con Ferrara, “Messenger” (2005) e “Il segreto di Claire” (2006).

Mentre nel 2004 produce il suo nuovo film “Una teenager alla Casa Bianca”, gira qualche episodio della serie “E. R. - Medici in prima linea”, nel 2007 riceve l’Oscar come Migliore Attore per la sua straordinaria performance ne “L’ultimo re di Scozia” (2006).

Forest Whitaker: quando talento e passione ti rendono un attore di valore, forte e vero

Un uomo instancabile e con tanta passione per il suo lavoro che tra il 2007 e il 2008 ha la forza e la voglia di girare: “The Sheild” (2006 – 2007, serie TV, 13 episodi), “The Air I Breathe” (2007), “Ripple Effect” (2007), “The Great Debaters” (2007), “Prospettive di un delitto” (2007), “Winged Creatures – Il giorno del destino” (2008) e “La notte non aspetta” (2008).

Nel 2009 è impegnato in “Hurricane Season”, “Repossession Mambo”, “Nel paese delle creature selvagge” e “My Own Love Song” con la bravissima Renée Zellweger.

Nel 2010 recita, al fianco di Jude Law, nel fanta-thriller "Repo Men", diretto da Miguel Sapochnik, ambientato in un mondo del futuro in cui gli uomini potranno acquistare organi artificiali pagandoli a rate.

Nel 2011 lo vediamo nel set di "Catch 44", mentre nel 2012 in "Freelancers" al fianco del grande Robert De Niro e del cantante rapper 50 Cent. Nello stesso anno è nel cast di "A Dark Truth - Un'oscura verità", mentre nel 2013 è in "The Last Stand - L'ultima sfida", film che riporta alla luce anche un big del genere action come Arnold Schwarzenegger. Successivamente affianca Orlando Bloom nell’action "Zulu" (2013) e interpreta Cecil Gaines, storico maggiordomo della Casa Bianca, in "The Butler" (2013).

Nel 2016 Forest Whitaker partecipa a due pellicole fantascientifiche: la realistica (e candidata all'Oscar) "Arrival", per la regia di Denis Villeneuve; e l'avventuresco capitolo della saga spin-off del franchise "Star Wars", "Rogue One: A Star Wars Story", diretto da Gareth Edwards.

Giusy Del Salvatore

Forest Whitaker Filmografia - Attore - Cinema

Forest Whitaker film

Forest Whitaker è Idi Amin Dada, in "L'ultimo re di Scozia", regia di Kevin Macdonald, con James McAvoy. L'interpretazione gli è valso un premio Oscar nel 2007.

 

  • Fuori di testa, regia di Amy Heckerling (1982)
  • Crazy for You, regia di Harold Becker (1985)
  • Il colore dei soldi, regia di Martin Scorsese (1986)
  • Platoon, regia di Oliver Stone (1986)
  • Sorveglianza... speciale, regia di John Badham (1987)
  • Good Morning, Vietnam, regia di Barry Levinson (1987)
  • Senza esclusione di colpi, regia di Newt Arnold (1988)
  • Bird, regia di Clint Eastwood (1988)
  • Johnny il bello, regia di Walter Hill (1989)
  • Pronti a tutto, regia di Richard Benjamin (1990)
  • Rabbia ad Harlem, regia di Bill Duke (1991)
  • Giochi d'adulti, regia di Alan J. Pakula (1992)
  • La moglie del soldato, regia di Neil Jordan (1992)
  • Articolo 99, regia di Howard Deutch (1992)
  • Diario di un killer, regia di Kenneth Pressman (1992)
  • Ultracorpi - L'invasione continua, regia di Abel Ferrara (1993)
  • Amicizie pericolose, regia di Doug McHenry (1994)
  • Blown Away - follia esplosiva, regia di Stephen Hopkins (1994)
  • Prêt-à-Porter, regia di Robert Altman (1994)
  • Specie mortale, regia di Roger Donaldson (1995)
  • Smoke, regia di Wayne Wang (1995)
  • Phenomenon, regia di Jon Turteltaub (1996)
  • Body Count (1998)
  • Ghost Dog - Il codice del samurai, regia di Jim Jarmusch (1999)
  • Una voce per gridare, regia di Craig Bolotin (1999)
  • Battaglia per la Terra - Una saga dell'anno 3000, regia di Roger Christian (2000)
  • Il quarto angelo, regia di John Irvin (2001)
  • The Dragon, regia di Timothy Linh Bui (2001)
  • In linea con l'assassino, regia di Joel Schumacher (2002)
  • Panic Room, regia di David Fincher (2002)
  • Una teenager alla Casa Bianca (2004)
  • Mary, regia di Abel Ferrara (2005)
  • American Gun, regia di Aric Avelino (2005)
  • Messenger (2005)
  • Il segreto di Claire, regia di Jordan Barker (2006)
  • Even Money, regia di Mark Rydell (2006)
  • L'ultimo re di Scozia, regia di Kevin Macdonald (2006)
  • The Air I Breathe, regia di Jieho Lee (2007)
  • Prospettive di un delitto, regia di Pete Travis (2007)
  • Ripple Effect, regia di Philippe Caland (2007)
  • The Great Debaters, regia di Denzel Washington (2007)
  • Winged Creatures - Il giorno del destino, regia di Rowan Woods (2008)
  • La notte non aspetta, regia di David Ayer (2008)
  • Crips and Bloods: Made in America (2008)
  • Powder Blue (2009)
  • Nel paese delle creature selvagge, regia di Spike Jonze (2009)
  • Hurricane Season, regia di Tim Story (2009)
  • The Experiment, regia di Paul Scheuring (2010)
  • Lullaby for Pi (2010)
  • Matrimonio in famiglia, regia di Rick Famuyiwa (2010)
  • My Own Love Song, regia di Olivier Dahan (2010)
  • Repo Men, regia di Miguel Sapochnik (2010)
  • Catch .44, regia di Aaron Harvey (2011)
  • Freelancers, regia di Jessy Terrero (2012)
  • A Dark Truth - Un'oscura verità, regia di Damian Lee (2012)
  • The Last Stand - L'ultima sfida, regia di Kim Ji-Woon (2013)
  • The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca, regia di Lee Daniels (2013)
  • Zulu, regia di Jérôme Salle (2013)
  • Black Nativity, regia di Kasi Lemmons (2013)
  • Out of the Furnace, regia di Scott Cooper (2013)
  • Repentance - Troppo tardi, regia di Philippe Caland (2013)
  • Taken 3 - L'ora della verità, regia di Olivier Megaton (2015)
  • Southpaw - L'ultima sfida, regia di Antoine Fuqua (2015)
  • Arrival, regia di Denis Villeneuve (2016)
  • Rogue One: A Star Wars Story, regia di Gareth Edwards (2016)

Forest Whitaker Filmografia - Attore - Televisione

  • Giustizia criminale, regia di Andy Wolk (Film TV) (1990)
  • Last Light - Storia di un condannato a morte, regia di Kiefer Sutherland (Film TV) (1993)
  • Rebound - La vera storia di Earl "The Goat" Manigault, regia di Eriq La Salle (Film TV) (1996)
  • L'occhio gelido del testimone, regia di Richard Pierce (Film TV) (1999)
  • The Shield (Serie TV, 13 episodi) (2006-2007)
  • E.R. - Medici in prima linea (Serie TV, 6 episodi) (2006-2007)
  • Criminal Minds (Serie TV, 1 episodio) (2010)
  • Criminal Minds: Suspect Behavior (Serie TV, 13 episodi) (2011)
  • Radici (Miniserie TV) (2016)

Forest Whitaker Filmografia - Regista

  • Armati di pistola (Film TV) (1993)
  • Donne (1995)
  • Ricominciare a vivere (1998)
  • Una teenager alla Casa Bianca (2004)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *