Elisabeth Moss nel dramma sui diritti delle donne “Call Jane”

Fresca di Emmy per il suo ruolo nella serie rivelazione dell’anno  “The Handmaid’s Tale”, Elisabeth Moss entra nel cast del drammatico “Call Jane”, incentrato sulla conquista dei diritti da parte delle donne.

Elisabeth Moss protagonista di un dramma sull’aborto

Elisabeth Moss in "The Handmaid’s Tale"

Elisabeth Moss entra nel cast del dramma “Call Jane”

L’ascesa di Elisabeth Moss è inarrestabile. Dopo aver conquistato il pubblico e la critica nei panni di Difred nella serie tv della Hulus “The Handmaid’s Tale”, l’attrice è pronta a sbarcare al cinema con  “Call Jane”, un dramma sull’aborto che sarà diretto da Simon Curtis, autore di “My week with Marilyn”.

La sceneggiatura, basata sulla storia vera di un movimento femminista degli anni ’60, chiamato Jane Collective, è stata scritta da Hayley Schore e Roshan Sethi. Robbie Brenner, uno dei produttori del film Premio Oscar “Dallas Buyers Club”, produrrà la pellicola insieme a Jeff Kwatinetz e Kevin McKeon della Firm.

Ambientato nella Chicago degli anni’60, la pellicola segue le vicende di una rete sotterranea di donne suburbana che in segreto procura aborti sicuri a donne in difficoltà, prima della sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti Roe v. Wade.

La Moss interpreterà Jane, una donna sposata che scopre inaspettatamente di essere incinta, scoprendo in seguito l’esistenza di questo gruppo. Il progetto sta aspettando i finanziamenti, ma si prevede l’inizio delle riprese il prossimo anno.

Elisabeth Moss: la consacrazione con “The Handmaid’s Tale”

“Questo script è divertente e commerciale, ma è anche molto importante per quello che sta succedendo nel mondo di oggi”, afferma il produttore Robbie Brenner. “I diritti delle donne sono importanti e nessuno dovrebbe avere il potere di controllare il corpo di una donna. Un’idea che può essere contestata ancora oggi è spaventoso”.

Elisabeth Moss aggiunge così un altro interessante progetto alla sua carriera, che l’ha vista consacrata domenica scorsa con due Emmy, uno per la miglior interpretazione femminile in “The Handmaid’s Tale” e l’altra per la produzione della stessa serie.

Alessio Camperlingo

19/09/2017

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *