Edward Zwick

Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense, Edward Zwick ha saputo abbinare il suo nome a diversi lavori nel cinema, vincendo anche 3 Oscar con una delle sue migliori produzioni, ''Glory'', che antecede il successo internazionale ''Vento di passioni'', e numerose altre pellicole che lo hanno reso un regista di successo e stimato.

Edward Zwick, il regista in 'fuga per un sogno'

(8 ottobre 1952, Chicago)

Edward Zwick filmografiaÈ ormai risaputo che per sfondare nel mondo del cinema, soprattutto alla regia, bisogna passare attraverso un ruolo fondamentale: l’assistente di regia del cosiddetto “pezzo grosso”.

È così che anche Edward Zwick, ormai regista affermato, per delle commedie semplici, delicate ma profonde, riesce a oltrepassare il muro del mondo del cinema.

Edward Zwick è stato uno studente brillante: laureato in letteratura ad Harvard, si trova a scegliere tra la proposta della sua vita (almeno superficialmente) e una passione. È quest’ultima che ha la meglio e che porta il giovane Edward a proseguire gli studi alla Rockfeller Fellowship, scuola di teatro.

L'incontro con Woody Allen, che ne farà il suo assistente

In questo periodo, con lo sfondo e l’atmosfera di Parigi, conosce Woody Allen, diventandone l'assistente per la lavorazione del film “Amore e Guerra” (1975).

Una volta rientrato negli Stati Uniti inizia a studiare regia all’American Film Institute e realizza il suo primo corto, “Timothy and the Angel” (1976), vincitore della selezione studenti del Chicago Film Festival.

È il 1979 quando Edward passa finalmente al grande schermo. È l’anno di “A proposito della notte scorsa” (1979) e degli episodi di “Thirtysomething”, serie che racconta le vicende di gruppo di yuppies cresciuti nella controcultura degli anni '60.

Il film del 1989 è una vera e propria 'gloria'

Dobbiamo aspettare il 1989 per vedere esplodere un vero e proprio successo con “Glory – uomini di gloria” (1989), inaugurazione della collaborazione con Denzel Washington. Il film racconta le vicende dei soldati afro americani durante la guerra civile americana. È proprio per questo film che Denzel guadagnerà la tanto ambita statuetta per la migliore interpretazione.

Il successo del 1989 arriva perché iniziano a venire fuori gli elementi caratteristici del cinema di Zwick, che si propone come un cinema mainstream, ritmato e visivamente attraente per il grande pubblico, ma che tratta temi di alto impegno sociale.

Un ''Vento di passioni'' per Edward Zwick, devoto alla regia e maestro di grandi successi

I lavori successivi sono: “Fuga per un sogno” (1992), “Vento di passioni” (1994) con Brad Pitt e Anthony Hopkins, “Il coraggio della verità” (1995), in cui torna Denzel Washington insieme a Meg Ryan.

Va ricordato, pero, che Zwick è anche produttore e come tale contribuisce nel 1998 al successo di “Shakespeare in Love”, continuando con “Traffic” (2000), di Steven Soderbergh, “Mi chiamo Sam” (2001) e “Abandon – Misteriosi Omicidi” (2002).

Nel frattempo, sempre nel 2008, realizza “Attacco al potere”, ancora con Denzel Washington, film d'azione sul terrorismo.

''L'Ultimo Samurai'' del regista è Tom Cruise

Il 2003 è l’anno de “L'Ultimo Samurai”, con Tom Cruise, ambientato in un Giappone del diciannovesimo secolo. Le qualità registiche di Edward diventano sempre più evidenti con “Blood Diamond” (2006) con Leonardo Di Caprio nei panni di un mercenario.

Nel 2009 realizza “Defiance”, la storia di tre fratelli ebrei che cercano vendetta per il massacro delle loro famiglie da parte dei nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale.

Gli 'amori e gli altri rimedi' di Edward Zwick

Momento commedia sentimental-drammatica nel 2011: esce nelle sale “Amori & altri rimedi”, storia in cui Jake Gyllenhaal e Anne Hathaway interpretano due amanti: lei, malata del morbo di Parkinson, conquisterà il personaggio interpretato da Jake, affascinante venditore, da anni allergico alle relazioni durature.

Nel 2014, il regista torna sul grande schermo con due pellicole, "Pawn Sacrifice", incentrata sul campione di scacchi americano Bobby Fischer e "The American Can", in cui il veterano di guerra John Keller (Will Smith), salva 244 vecchietti dall'uragano Katrina.

Edward Zwick ha firmato molti successi sia come regista che come produttore. Regista poliedrico, si rivolge a tutti, con tematiche attuali, rivisitate in modo più o meno verosimile ma ugualmente deliziose.

Isabella Gasparutti

Edward Zwick Filmografia - Cinema

Edward Zwick filmografia

  • A proposito della notte scorsa... (1986)
  • Glory - Uomini di gloria (1989)
  • Fuga per un sogno (1992)
  • Vento di passioni (1994)
  • Il coraggio della verità (1996)
  • Attacco al potere (1998)
  • L'ultimo samurai (2003)
  • Blood Diamond - Diamanti di sangue (2006)
  • Defiance - I giorni del coraggio (2008)
  • Amore & altri rimedi (2010)
  • Pawn Sacrifice (2014)
  • Jack Reacher - Punto di non ritorno (2016)

Edward Zwick - Sceneggiatore

  • In famiglia e con gli amici – serie TV (1987-1991)
  • Attacco al potere, regia di Edward Zwick (1998)
  • Ancora una volta – serie TV (1999-2002)
  • L'ultimo samurai, regia di Edward Zwick (2003)
  • Defiance - I giorni del coraggio, regia di Edward Zwick (2008)
  • Amore e altri rimedi, regia di Edward Zwick (2010)
  • Jack Reacher - Punto di non ritorno, regia di Edward Zwick (2016)
  • The Great Wall, regia di Zhang Yimou (2016) - soggetto
  • American Assasin, regia di Michael Cuesta (2017)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *