Christoph Waltz

Austriaco di Vienna, formatosi in teatro, tra Zurigo e Salisburgo, dagli anni ottanta attivo in molte produzioni..ci ha ammaliato con la sua parlantina in "Django Unchained", terrorizzato in "Bastardi senza gloria" nelle vesti del colonnello nazista Hans Landa, ottenendo in entrambi i casi l'Oscar al miglior attore non protagonista: è il formidabile Christoph Waltz.

Christoph Waltz, un 'perfetto attore'

(Vienna, 4 ottobre 1956)

Christoph Waltz biografiaÈ uno degli ultimi attori feticcio di Quentin Tarantino; infatti nel 2010 ha vinto il suo primo Oscar e un Golden Globe come Miglior Attore Non Protagonista grazie alla sua interpretazione per “Bastardi senza gloria” (2009) ed è anche tra i protagonisti del più recente “Django Unchained” (2012).

Christoph Waltz nasce a Vienna il 4 ottobre del 1956 da una famiglia che da sempre lavora nello spettacolo. Dopo aver studiato canto e opera all’Università della Musica di Vienna, approda al Lee Strasberg Theatre and Film Institute di New York. Fa la sua gavetta in teatro e nella televisione tedesca. Nel 1996 fa parte del cast della famosa serie televisiva “Il commissario Rex”, in diversi episodi.

 Waltz "Un perfetto criminale"

Il debutto cinematografico risale al 1982 con il ruolo di Tristano nel film “Die Legende von Tristan und Isolde” (1982), di Veith von Fürstenberg Feuer.

Nel 1991 lavora con il regista polacco Krzysztof Zanussi in “Vita per vita – Maximilian Kolbe”, che lo dirigerà di nuovo nel 1997 in “Fratello del nostro Dio”. Nonostante il talento, tuttavia la sua carriera stenta a decollare.

Dopo molti film di serie B assolutamente non degni di nota, nel 2000 entra nel cast di “ Un perfetto criminale” di Thaddeus O’Sullivan, anche se solo in una piccola parte.

'Bastardo senza gloria' per Quentin Tarantino, e l'Oscar non è più una fantasia

La grande occasione per Christoph arriva con Tarantino in “Bastardi senza gloria” (2009). Lui è un perfetto ufficiale delle SS, spietato cacciatore di ebrei, che però se la dovrà vedere con una banda di altrettanto spietati soldati ebrei capitanati da Brad Pitt. Il talentuoso attore austriaco, che qui recita in ben quattro lingue, subentra a DiCaprio, che dà forfait all’ultimo minuto. Ed è così, da un colpo di fortuna, che arriva per Waltz il film che gli farà vincere l’Oscar e gli darà la notorietà internazionale. Al Festival di Cannes, l’attore ringrazierà pubblicamente Quentin per “avergli restituito la sua vocazione”, per sentirsi rispondere che invece lui “aveva restituito il suo film” al regista.

Hollywood frenetica quella del 2011 per l'attore austriaco, impegnato su molti set

Il 2011 è ricco di lavoro: è chiamato a Hollywood e ha una parte nel film non perfettamente riuscito “The Green Hornet” di Michel Gondry; recita nell’epico “Come l’acqua per gli elefanti” di Francis Lawrence; nella versione cinematografica di Paul W. S. Anderson de “I tre moschettieri” e in “Carnage” di Polanski, dove mette in mostra tutto il suo talento, maturato negli anni della gavetta teatrale.

Tratto dall'opera teatrale “ Il dio della carneficina” di Yasmina Reza, il film è tutto girato in interno e vede protagoniste due coppie newyorkesi di diversa estrazione sociale. Waltz è un avvocato cinico e rampante sposato con l’algida e nevrotica Kate Winslet. Gli fanno da contrappunto la coppia radical-chic composta da Jodie Foster e John C. Reilly. Regia perfetta a parte, tutto è calibratissimo anche nella recitazione degli interpreti, Waltz in primis.

Il fortunato 'bis' con Quentin Tarantino per "Django Unchained"

Oramai grande amico di Quentin, cui deve la sua ritrovata carriera, Waltz è sui grandi schermi internazionali in “Django Unchained” (2012), spaghetti western sulla schiavitù, ispirato al mito dei Nibelunghi. E sembra che sia stato proprio Christoph a stimolare ancora una volta Tarantino mentre stava completando lo script del film, portandolo a vedere l’opera di Wagner.

Nel 2013, Waltz torna su grande schermo come protagonista di "The Zero Theorem" di Terry Gilliam che ci trasporta in un futuro distopico in cui l'Hacker Qohen Leth è alla ricerca del senso dell'esistenza.

Christoph Waltz, il 'migliore attore non protagonista' che fa incetta di premi e statuette

Nel 2014 recita nel sequel della fortunata commedia "Come ammazzare il capo... e vivere felici", e per restare nel genere commedia, lo stesso anno fa un cameo nel film "Muppets 2 - Ricercati", recitando anche in "Big Eyes" di Tim Burton, vicino ad Amy Adams. Per questo film Waltz ha ottenuto la nomination al Golden Globe come migliore attore non protagonista.

Nel dicembre dello stesso anno riceve una stella sulla Hollywood Walk of Fame di Los Angeles.

Nel 2015 entra a far parte nel cast di "Spectre", 24° film di James Bond, interpretando il ruolo del cattivo principale, Franz Oberhauser; la novità sarà costituita dal debutto alla regia con "The Worst Marriage in Georgetown", tratto da un articolo di Franklin Foer apparso sul New York Magazine e adattato da David Auburn per il cinema.

Ivana Faranda

Christoph Waltz Filmografia - Cinema

Christoph Waltz biografia

  • Kopfstand, regia di Ernst Josef Lauscher (1981)
  • Feuer und Schwert - Die Legende von Tristan und Isolde, regia di Veith von Furstenberg (1982)
  • Wahnfried, regia di Peter Patzak (1986)
  • Più veloce della luce, regia di Nicolas Gessner (1989)
  • Vita per vita - Maximilian Kolbe, regia di Krzysztof Zanussi (1991)
  • St. Petri Schnee, regia di Peter Patzak (1991)
  • Ein Anfang von etwas, regia di Nikolaus Leytner (1994)
  • Il commissario Rex (Serie tv, episodio 3x06) (1996)
  • Fratello del nostro Dio, regia di Krzysztof Zanussi (1997)
  • Sieben Monde, regia di Peter Fratzscher (1998)
  • Das merkwurdige Verhalten geschlechtsreifer Grossstadter zur Paarungszeit, regia di Marc Rothemund (1998)
  • L'incubo di Vicky (Film TV) (1998)
  • Die Braut, regia di Egon Gunther (1999)
  • Queen's Messenger, regia di Mark Roper (2000)
  • Un perfetto criminale, regia di Thaddeus O'Sullivan (2000)
  • Falling Rocks, regia di Peter Keglevic (2000)
  • She, regia di Timothy Bond (2001)
  • Death, Deceit & Destiny Aboard the Orient Express, regia di Mark Roper (2001)
  • Der alte Affe Angst, regia di Oskar Roehler (2003)
  • Schussangst, regia di Dito Tsintsadze (2003)
  • Herr Lehmann, regia di Leander Haussmann (2003)
  • Dorian, regia di Allan A. Goldstein (2004)
  • Lapislazuli - Im Auge des Baren, regia di Wolfgang Murnberger (2006)
  • Bastardi senza gloria, regia di Quentin Tarantino (2009)
  • The Green Hornet, regia di Michel Gondry (2011)
  • Come l'acqua per gli elefanti, regia di Francis Lawrence (2011)
  • I tre moschettieri, regia di Paul W.S. Anderson (2011)
  • Carnage, regia di Roman Polanski (2011)
  • Django Unchained, regia di Quentin Tarantino (2012)
  • Epic - Il mondo segreto, regia di Chris Wedge (Voce) (2013)
  • The Zero Theorem, regia di Terry Gilliam (2013)
  • Muppets Most Wanted, regia di James Bobin (2014)
  • Come ammazzare il capo... e vivere felici 2, regia di Sean Anders (2014)
  • Big Eyes, regia di Tim Burton (2014)
  • Spectre, regia di Sam Mendes (2015)
  • The Legend of Tarzan, regia di David Yates (2016)
  • Tulip Fever, regia di Justin Chadwick (2017)

Christoph Waltz Filmografia - Televisione

  • Der Einstand, regia di Reinhard Schwabenitzky - film TV (1977)
  • Feuer!, regia di Reinhard Schwabenitzky - film TV (1979)
  • Parole Chicago - serie TV 13 episodi (1979)
  • Die Weltmaschine, regia di Peter Patzak - film TV (1981)
  • The Mysterious Stranger, regia di Peter H. Hunt - film TV (1982)
  • Dr. Margarete Johnsohn, regia di Dagmar Damek - film TV (1982)
  • Der Sandmann, regia di Dagmar Damek - film TV (1983)
  • Un caso per due (Ein Fall für Zwei) – serie TV (1985)
  • L'ispettore Derrick (Derrick) – serie TV (1986-1988)
  • Lenz oder die Freiheit - miniserie TV (1986)
  • Das andere Leben, regia di Nicolas Gessner - film TV (1987)
  • The Alien Years, regia di Donald Crombie - film TV (1988)
  • Goldeneye, regia di Don Boyd - film TV (1989)
  • Il commissario Köster (Der Alte) – serie TV (1986-1990)
  • Il commissario Rex (Kommissar Rex) – serie TV (1996)
  • L'incubo di Vicky (Vickys Alptraum) – film TV (1998)
  • Einsteins Ende, regia di Jürgen Kaiczyk – film TV (1998)
  • Mörderisches Erbe, regia di Peter Patzak – film TV (1998)
  • Das Finale, regia di Sigi Rothemund – film TV (1998)
  • Dessine - Moi Un Jouet, regia di Hervé Baslé – film TV (1999)
  • Piano diabolico (Das Teufelsweib), regia di Karl Friedrich Koschnick – film TV (2000)
  • Tanz Mit Dem Teufel, regia di Peter Keglevic – film TV (2000)
  • Dienstreise, regia di Stephan Wagner – film TV (2001)
  • Weihnachtsmann Gesucht, regia di Uwe Janson – film TV (2002)
  • Der Flammenmann, regia di Uwe Janson – film TV (2002)
  • Jennerwein, regia di Hans Günther Bücking – film TV (2002)
  • Der Mörder ist unter uns, regia di Markus Imboden – film TV (2003)
  • Scheidungsopfer Mann, regia di Stefan Krohmer – film TV (2003)
  • Reiche Witwen Küssen Besser, regia di Carlo Rola – film TV (2003)
  • Mörderische Suche, regia di Johannes Griesa – film TV (2004)
  • Die Patriarchin, regia di Carlo Rola – film TV (2004)
  • Tigeraugen Sehen Besser, regia di Thomas Nenstiehl – film TV (2004)
  • Stolberg – serie TV, episodio "Kreuzbube" (2006)
  • Lonely Hearts, regia di Nina Grosse – film TV (2006)
  • Tatort – film tv, episodio "Schlaflos in Weimar" (2006)
  • Der letzte Zeuge, regia di Bernhard Stephan – serie TV (2007)
  • Unter Verdacht, regia di Ed Herzog – film TV, episodio "Hase and Igel" (2007)
  • Die Zürcher Verlobung – Drehbuch zur Liebe, regia di Stefan Meyer – film TV (2007)
  • Die Verzauberung, regia di Wolfram Paulus – film TV (2007)
  • Umbra Mortis, regia di Urs Egger – miniserie TV (2007)
  • Idylle Der Hyänen, regia di Matti Geschonneck – film TV (2007)
  • Das Geheimnis im Wald, regia di Peter Keglevic – film TV (2008)
  • Ten - Omicidi in serie (Das jüngste Gericht) – film TV (2008)
  • Tatort – serie tv, episodio "Liebeswirren" (2008)

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *