Un amore tutto suo – Recensione

Commedia surreale e un po’ banale, ma ben confezionata, adatta ai romanticoni di tutte le letà

(While You Were Sleeping) Regia: Jon Turteltaub – Cast: Sandra Bullock, Bill Pullman, Jack Warden, Peter Boyle, Peter Gallagher – Genere: Commedia, colore, 103 minuti – Produzione: USA ,1995 – Data di uscita: 21 aprile 1995.

un-amore-tutto-suo“Un amore tutto suo” è la classica commedia americana confezionata per Natale, con la città innevata, le case addobbate a festa, come solo gli statunitensi sanno fare, gli alberi, le luci, le coccarde, i buoni sentimenti.

Una ricetta più che sfruttata, eppure nonostante ciò la pellicola dell’allora semisconosciuto Turteltaub (regista del più recente “Il mistero dei templari” e del suo sequel, con un Nicolas Cage novello Indiana Jones) affascina. L’ha detto a suo tempo il botteghino (film più visto negli Stati Uniti nel 1995, con un incasso mondiale che sfiora i duecento milioni di dollari) e lo confermano gli ascolti ogni qual volta venga riproposta in tv.

Probabilmente perché nonostante la sceneggiatura un po’ pazza, che vede la protagonista Lucy, una deliziosa Sandra Bullock agli esordi cinematografici, salvare la vita allo sconosciuto del quale è da tempo innamorata e, per una serie di equivoci, essere accolta dalla famiglia di costui come la sua fidanzata, il racconto coinvolge. Coinvolge perché la Bullock interpreta un ruolo tenero e ha un sorriso che travolge, perché Chicago è sempre Chicago, quella dei “Blues Brothers”, e perché se c’è una ragazza sola che sogna ad occhi aperti come Lucy facciamo il tifo per lei.

Insomma non c’è niente di nuovo sotto il sole, anzi sotto la neve, ma è tutto molto ben confezionato, divertente e romantico. La Bullock, che questo film ha contribuito a lanciare nell’Olimpo delle star, ha preso il posto che inizialmente doveva essere di Demi Moore, e seppur quasi sempre avvolta in un vecchio cappotto del padre, è molto affascinante. Bill Pullman è quasi monoespressivo, per la serie si fa quel che si può, ma il ruolo dell’impacciato gli si addice ugualmente, e quel sorriso sornione la dice comunque lunga. Eccellenti tutti gli attori di supporto, e particolarmente esilarante la figura di Joey Jr., il vicino di casa di Lucy, interpretata da Michael Rispoli.

Un film rilassante e divertente, adatto ai romanticoni di ogni età che sanno passar sopra ad alcune situazioni un po’ surreali.

Maria Grazia Bosu

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *