Rocco e i suoi fratelli

Rocco e i suoi fratelli

Rocco e i suoi fratelli: l’opera di Luchino Visconti si ispira al romanzo di Giovanni Testori “Il ponte della Ghisolfa” e si pone come un’indagine attenta sulla condizione dei contadini meridionali degli anni successivi al dopoguerra, nel 1960

  • Regia: Luchino Visconti
  • Cast: Claudia Cardinale, Alain Delon, Roger Hanin, Katina Paxinou, Annie Girardot, Renato Salvatori, Alessandra Panaro, Claudia Mori, Corrado Pani, Spiros Focas, Suzy Delair, Paolo Stoppa, Nino Castelnuovo, Max Cartier, Adriana Asti, Rocco Vidolazzi, Franca Valeri, Rosario Borelli, Renato Terra, Enzo Fiermonte, Eduardo Passarelli, Saveur Chioca, Emilio Rinaldi, Bruno Fortilli, Becker Masoero, Rocco Mazzola, Gino Seretti, Felice Musazzi, Luigi Basagaluppi
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 180 minuti
  • Produzione: Italia, 1960
  • Distribuzione: Cineteca di Bologna
  • Data di uscita: 29 Febbraio 2016

Rocco e i suoi fratelliProtagonista della pellicola è una famiglia di contadini di origine lucana che si trasferisce a Milano in cerca di fortuna, così come in quegli anni stava facendo gran parte della popolazione del Sud Italia, profondamente arretrato rispetto alle città del Nord Italia.
Ad attendere la famiglia a Milano vi è il figlio maggiore, Vincenzo, il quale riesce con molti sacrifici a introdurre i fratelli nel mondo del pugilato; Simone, il più ambizioso finisce però – dopo un promettente inizio – in ambienti poco legali, mentre Rocco, che lavora intanto in una lavanderia, inizierà a dedicarsi al pugilato solo in un secondo momento, dopo vari problemi familiari che lo allontaneranno dai fratelli.

Nel frattempo gli altri membri della famiglia si disperdono: c’è chi trova lavoro e chi lo perde per sempre, inseguendo la via della malavita e commettendo dei crimini. L’occhio attento di Visconti mostra ogni dettaglio del nuovo mondo che si apre dinanzi a dei contadini meridionali, protagonisti in “Rocco e i suoi fratelli”: le conseguenze positive, ma anche quelle negative, del boom economico e del rapporto con la nuova società.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *