Nella tana dei lupi (2018)

Nella tana dei lupi - Recensione: l'action movie secondo Christian Gudegast

Nella tana dei lupi recensione

Christian Gudegast, noto per la sceneggiatura di film come "Il risolutore" e "Attacco al potere 2," esordisce dietro la macchina da presa con "Nella tana dei lupi", un adrenalinico action movie in cui il classico scontro tra ladri e poliziotti viene rivisto in modo attuale e innovativo.

Ambientato a Los Angeles, la città con il più alto tasso di rapine al mondo, il film racconta lo scontro tra la banda di rapinatori guidata da Ray Merriman (Pablo Schreiber) che sta preparando un colpo alla Federal Reserve Bank, e la squadra speciale dell'anticrimine di "Big Nick" O'Brien (Gerard Butler). Il gruppo di quest'ultimo viene rappresentato come una gang di poliziotti, la cui unica differenza con i criminali sta solo nel distintivo, e nell'osservanza di "alcune regole".

Il regista conosce molto bene il film di genere, e restituisce intelligentemente al pubblico ciò che vuole e anche qualcosa di più: abbandonato il consuetudinario faccia a faccia tra buoni e cattivi la storia esploderà in un intenso scontro, fatto di pallottole e testosterone. Infatti sono state ingaggiate diverse personalità provenienti dal mondo dell'azione, come l'ormai navigato Butler e il rapper-attore Curtis "50 Cent" Jackson.

Nella tana dei lupi: un action anomalo

Ciò che stupisce in "Nella tana dei lupi" è l'utilizzo di tutti quegli aspetti che raramente si notano in film d'azione, a partire dal sonoro, che ci immerge a tal punto nelle scene da farci credere di essere veramente insieme a "Big Nick", di cui sentiamo il respiro pesante e i brontolii.

Gudegast fa anche uso di svariate scene il cui il tempo del racconto coincide con il tempo della storia, restituendo delle scene molto lunghe ma comunque cariche di tensione, ricordandoci (molto lontanamente) Quentin Tarantino. Fin dall'inizio ci si rende conto dell'ottimo lavoro svolto in fase di scrittura, che ha permesso al regista di creare delle bellissime sequenze, costituite da inquadrature sofisticate che il più delle volte cozzano con il genere.

La colonna sonora composta da Cliff Martinez, il compositore feticcio di Nicolas Winding RefnSteven Soderbergh, sorprendentemente, questa volta non stupisce, come ha fatto in film come "Drive" o "Solo Dio perdona". Ed è un vero peccato, perché il film aveva il giusto potenziale per potersi amalgamare con lo stile di Martinez.

Gerard Butler veste perfettamente i panni del poliziotto-gangster, restituendo un'ottima veridicità. Al contrario il resto del cast non regge il confronto, e ogni personaggio rimane incastrato nelle briglie dell'uomo duro e violento tutto canottiere attillate, tatuaggi e corpo palestrato.

Il giovane O'Shea Jackson Jr. (qui al suo terzo film) e Pablo Schreiber tentano di dare mordente ai loro personaggi, ma ci riescono solo in parte e approssimativamente.

Nella tana dei lupi: un buon film d'azione

"Nella tana dei lupi" ricalca le dinamiche dei film che lo hanno preceduto, ma trova uno sbocco innovativo nella sua messa in scena. Un esempio sono i vari scontri, non verbali e neanche fisici, tra il personaggio di Gerard Butler e Pablo Schreiber che si scontrano invece a forza di testosterone e sguardi.

Momenti carichi di tensione, in cui la calma apparente sembra pronta a rompersi in ogni momento, pronta a lasciare il posto alla pura violenza umana. Soltanto alla fine si avrà l'esplosione della storia, il fatidico punto di rottura che libererà tutta la furia dei personaggi, o almeno così ci si aspettava. Lasciando in disparte il finale a sorpresa, il momento clou del film si risolve velocemente secondo gli standard del genere, stonando con il resto della storia.

Il "Nella tana dei lupi" di Gudegast non è privo di pecche, ma saprà accontentare, e sopratutto stupire, tutti i fan degli action, che potranno andare in sala e trovare esattamente ciò che cercano: "botte da orbi e bang bang", ma questa volta con un tocco stilistico in più.

 

Riccardo Careddu

  • Titolo originale: Den of Thieves
  • Regia: Christian Gudegast
  • Cast: Gerard Butler, Curtis "50 Cent" Jackson, Pablo Schreiber, O'Shea Jackson Jr., Evan Jones (II), Cooper Andrews, Maurice Compte, Kaiwi Lyman-Mersereau, Maurice 'Mo' McRae, Meadow Williams, Brian Van Holt, Jay Dobyns, Sonya Balmores, Eric Braeden, Jordan Bridges, Oleg Taktarov, Nick Loeb, Tracey Bonner, Jermaine Rivers, Elle Whitfield, Charline St. Charles, Michelle Keller, Jay DeVon Johnson, Nate Boyer, Alexus Lapri Geier, Madelyn Lazar, Kevin Christenson
  • Genere:Azione, colore
  • Durata: 90 minuti
  • Produzione: USA, 2018
  • Distribuzione: Lucky Red
  • Data di uscita: 5 aprile 2018

Mentre sta progettando una rapina in banca, bersaglio la Federal Reserve di Los Angeles, un ladro resta incastrato tra due diverse bande di criminali, tutto sotto gli occhi di un vice sceriffo non proprio dalla parte della legge.

Nella tana dei lupi: un colpo in banca

“Nella tana dei lupi”, è un film d’azione diretto da Christian Gudegast al suo primo film da regista.

Dopo aver scritto le sceneggiature dei film “Il risolutore” diretto da F. Gary Gray con Vin Diesel protagonista e “Attacco al potere 2” di Babak Najafi, questa volta sarà proprio l’autore americano a cimentarsi dietro la macchina da presa, occupandosi anche della sceneggiatura insieme a Paul Scheuring e della produzione del film insieme a Mark Canton, Ryan Kavanaugh e Tucker Tooley.

Le musiche del film, sono state affidate a Cliff Martinez che ha già lavorato a progetti come “Traffic” di Steven Soderbergh e “The Neon Demon” di Nicolas Winding Refn.

Il cast è formato da Gerard Butler, nel ruolo di Nick Flanagan e Curtis "50 Cent" Jackson nel ruolo di Levi, uno dei tre criminali che hanno progettato il piano per derubare la Federal Reserve Bank. Gli altri due componenti della banda saranno interpretati da Pablo Scheuring e O'Shea Jackson Jr.. Nel cast è presente anche il campione di UFC Max Holloway che interpreterà Bas, uno dei ladri.

La produzione del film è iniziata a giugno del 2016, scegliendo Butler come attore protagonista. Le riprese invece sono partite a fine gennaio del 2017. Il film è distribuito nelle sale americane dalla STX Entertainment (“The Circle” di James Ponsoldt, “Valerian e la città dei mille pianeti” di Luc Besson).

 

 

Related posts

1 Comment

  1. Valerio

    Chi me la spiega la scena in cui Merrimen entra in casa dove Big Nick ha passato la notte con una spogliarellista? E Merrimen chiede alla donna se ha detto a Big Nick quello che gli doveva dire.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *