Mission: Impossible – Protocollo Fantasma – Recensione

Missione impossibile? Non per Tom Cruise!

(Mission: Impossible – Ghost Protocol) Regia: Brad Bird – Cast: Tom Cruise, Simon Pegg, Ving Rhames, Jeremy Renner, Anthony Mackie, Paula Patton – Genere: Azione, colore, 132 minuti – Produzione: USA, 2011 – Distribuzione: Universal Pictures – Data di uscita: 27 gennaio 2012.

mssionimpossibleprotocollofantasma49 anni e non sentirli. Il bel Tom Cruise riveste nuovamente i panni dell’agente speciale Ethan Hunt e questa volta deve sventare una pericolosa minaccia nucleare.

Riecheggia nella sceneggiatura di “Mission: Impossible – Protocollo Fantasma” l’eco della Guerra Fredda fra Stati Uniti e Russia, e questa volta Ethan Hunt deve affrontare la minaccia terroristica direttamente dal paese sovietico numero uno.

Nonostante le fenomenali acrobazie realizzate senza stuntman, e va sottolineato, sui grattacieli di Dubai il buon Tom/Ethan ha bisogno di una squadra a supporto delle sue azioni e chi meglio di un team composto del british e mago con i computer Simon Pegg, della bella Paula Patton, e dell’analista Jeremy Renner, posso aiutarlo nell’impresa?

Effetti visuali ben congeniati, regia e fotografia che non hanno nulla a che invidiare con i capitoli precedenti. Brad Bird, il regista di questo quarto episodio, riesce a superare anche i prequel grazie a scelte stilistiche molto raffinate e d’impatto (come l’uso della tempesta di sabbia durante uno degli inseguimenti chiave o delle scenografie articolate fornite dalle bellezze dell’India).

Un film che gli appassionati della saga ameranno e che i neofiti apprezzeranno, se non altro per la vena adrenalinica, e per la voglia di arruolarsi nei servizi segreti appena usciti dalla sala cinematografica.

Eva Carducci

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *