Million Dollar Baby

Million Dollar Baby - Recensione: un maestro di boxe e la sua pupilla instaurano un rapporto padre-figlia fuori dagli schemi, generato dalla solitudine delle loro vite

Million dollar baby 1

“Mystic River” era incentrato sulla comunità, sulla sua capacità tutt’altro che positiva di interrare la propria carica violenta interna, con il risultato di farla esplodere a intervalli regolari, punirla nelle figure di capri espiatori, celebrare se stessa e la ritrovata unità, rimuovere di nuovo la violenza e ricominciare il giro daccapo.

In “Million Dollar Baby” la comunità, la famiglia, sono quasi sempre escluse dalle inquadrature, come un rimosso che incombe e quando compaiono fanno figure barbine (la famiglia di Maggie). Eastwood, che ha consapevolmente sposato uno stile asciutto e, con il procedere degli anni sempre più austero, non ha bisogno di nuove sottolineature retoriche.

Il punto di partenza e di arrivo del film è una palestra sgangherata di boxe che fa già 'realtà a sé' rispetto all’esterno. È l’universo di un allenatore che ha rinunciato a “generare” campioni, proprio perché il pugile – e la figura umana di cui il pugile stesso diventa metafora – verrà gettato nel mondo e da esso ferito, come Scrap, vecchio e unico amico di Frank (un grande Morgan Freeman).

Million Dollar Baby, un capolavoro sull'esistenza

Nella penombra di questo altrove silenzioso, inquadrato con una nettezza che esalta il classicismo di Eastwood, entra Maggie, cameriera povera, che vuole uscire da quella penombra, essere vista e riconosciuta. La familiarità che si instaura tra i due è sì quella di una paternità 'fluttuante' non preordinata dalla biologia, per questo intensissima e tenera, ma anche un rapporto tra un dottor Frankestein e la sua creatura.

Eastwood crea un mito, ma quando le cose degenerano in tragedia è proprio lui che deve distruggerlo, ridargli la libertà nella maniera più malinconica e dolorosa, per poi sparire in quanto artefice. Regia magnifica, cast anche, un capolavoro di un vecchio assolutamente non senile, che riflette sull’esistenza, essendo oramai fuori dal tempo.

"Million Dollar Baby" è stato premiato con ben quattro Oscar nelle categorie: Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Attrice Protagonista, Miglior Attore non Protagonista.

Massimo Racca

  • Regia: Clint Eastwood
  • Cast: Clint Eastwood, Hilary Swank, Morgan Freeman, Jay Baruchel, Lucia Rijker, Brian F. O'Byrne, Anthony Mackie, Margo Martindale, Riki Lindhome, Michael Peña, Benito Martinez, Bruce MacVittie, David Powledge
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 137 minuti
  • Produzione: USA, 2004
  • Distribuzione: 01 Distribution

million dollar babyMaggie, tradita dalla vita, cerca il proprio riscatto nel pugilato. Ha trentun’anni e lavora come cameriera. Per diventare una pugile in grado di combattere chiede aiuto a Frankie, allenatore che stima molto e con il quale instaura un rapporto umano profondo.

La sua grande forza di volontà la fa presto diventare una campionessa temibile, nonostante abbia iniziato la carriera agonistica in età avanzata. Mentre sta combattendo per il titolo mondiale, Maggie viene però ferita a tal punto da rimanere paralizzata. Frankie diventa per lei il sostituto di quel padre e di quella famiglia sempre assenti, trovandosi di fronte alla richiesta della ragazza di porre fine alla sua esistenza.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *