Mai morire – Recensione

Mai morire – Recensione

“Mai morire”, un film utile per fare pace con il tempo che passa. Arriva dal Messico un’opera che ci ricorda che tutto scorre lento come un fiume

Regia: Enrique Rivero – Cast: Margarita Saldaña, Amalia Salas, Juan Chirinos – Genere: Drammatico, colore, 84 minuti – Produzione: Messico, 2012.

maimorireLascia un gran senso di pace il film di Enrique Rivero “Mai morire”, in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma.

Una donna attraversa all’alba un canale in barca per andare in casa dell’anziana madre malata. Il suo compito è quello di assisterla in quelli che sono i suoi ultimi momenti di vita. In realtà mancano dieci giorni al compimento dei suoi 100 anni. Chayo si ritroverà in un luogo e un tempo che sembrano sospesi nell’eternità. Il tempo scorre lento come il canale che è accanto alla piccola casa di famiglia; e lì, oltre alla vecchia madre, ci sono i due nipotini e il fratello.

Il film di Rivero è un inno al cambiamento, più che un film sulla morte; quest’ultima è ineluttabile, ma può arrivare con serenità, come accade per la centenaria messicana. In un mondo, come il nostro, in cui la morte si nega per paura, fa quasi bene vedere come altrove la fine della vita è un evento inevitabile che non si deve temere.

“Mai morire” scorre lento ma non troppo. Alla fine, la vecchia morirà e Chayo lascerà la casa di famiglia per tornare al suo lavoro di cuoca in città. Ai piedi avrà un paio di scarpe nuove, anche se molto simili a quelle con cui era arrivata.

Il senso dell’opera di Rivero è un ritrovare i ritmi naturali nella nostra vita, che va sempre troppo veloce. C’è molta saggezza nella consapevolezza della donna che sta per morire, ma anche nella non tristezza dei nipotini. La fotografia è bellissima, come i paesaggi e gli interpreti sono tutti misurati e senza sbavature. “Mai morire” è uno di quei titoli che forse potrebbe vincere un Festival che sino ad ora non ha visto passare grandi capolavori, se non il film a sorpresa cinese “1942”.

Ivana Faranda

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *