I Swan – Recensione

I Swan – Recensione

Quando la natura salva l’uomo

Regia: Kong Sheng – Cast: Chen Yaxi, Ning Wenbin, Zu Feng, Fan Lei – Genere: Drammatico, colore, 98 minuti – Produzione: Cina, 2012.

iswanQuando la piccola Holly perde la mamma, il mondo intero per lei si spegne. La bambina viene colpita da una forma di mutismo selettivo e si rifiuta di parlare: lei che era così solare e vivace è ora introversa e scostante. Il padre, sotto consiglio degli insegnanti, l’allontana dalla scuola per un periodo e la porta con sé nella paludosa zona in cui lavora. È lì che inaspettatamente Holly rinasce quando inizia a prendersi cura di un cigno ferito che battezza “Neve”.

Pur proposto al Giffoni Film Festival nella sezione riservata ai bambini tra i 6 e i 9 anni, i ritmi lenti e le scene terribilmente ripetitive fanno di “I Swan” una pellicola destinata ad annoiare facilmente.

L’impatto positivo che la natura può avere sull’uomo è un tema estremamente importante, specie per il pubblico più giovane. Portato però in scena in modo così asettico e impersonale perde quasi di significato.

Benchè il disturbo emotivo della bambina sia molto grave, il padre sembra curarsene in modo superficiale tanto che quando Holly gli rivolgerà le prime parole dopo settimane lui si limiterà a guardarla con stupore. Niente abbracci, niente baci, decisamente poca emotività per un film drammatico.

L’unico vero legame tangibile è quello tra la bambina e il cigno, che non rivela neppure la minima artificiosità. Difficile immaginare la quantità di lavoro necessario da parte del regista e dell’ammaestratore per portare in scena un rapporto tanto autentico tra un animale selvatico e un’attrice così giovane. Sono d’altronde la bambina e il cigno i protagonisti assoluti del film, che finiranno per salvarsi a vicenda.

La natura dà la vita all’uomo e per questo va rispettata. Neve ha permesso a Holly di tornare a sorridere, sperare, parlare, vivere e la bambina non si dà pace finchè non vede il suo amico animale al sicuro e riunito ai suoi simili.

Corinna Spirito

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *