Fast & Furious – Solo parti originali – Recensione

Un action movie adrenalinico con i soliti Vin Diesel e Paul Walker

Regia: Justin Lin – Cast: Vin Diesel, Paul Walker, Michelle Rodriguez, Laz Alonso, Gal Gadot, John Ortiz, Sung Kang, Kofi Natei, Wilmer Calderon, Ron Yuan, Liza Lapira – Genere: Azione, colore, 99 minuti – Produzione: USA, 2009 – Distribuzione: Universal Pictures – Data di uscita: 17 Aprile 2009.

fastfuriousL’iniezione potenziata delle auto è come un’endovena di adrenalina che fa pompare il cuore al massimo. Un rombo meccanico che funziona se vengono montate solo parti originali sebbene poi truccate, lamiere scintillanti e pneumatici lucidissimi: macchine curate in ogni singolo dettaglio, auto da dieci secondi. In questo modo si ama ogni tipo di carrozzeria.

A nostro avviso dovrebbe essere stato presentato così il soggetto scritto da Chris Morgan per “Fast & Furious”, nuovo capitolo, ma oggettivamente il secondo, della saga dedicata ai motori rombanti. E quando la produzione ha accettato di portare sullo schermo il progetto è partita la caccia al cast originale, senza il quale il film non è nulla, proprio come un’auto senza i suoi pistoni.

Vin Diesel torna ad interpretare il fuggiasco Dominic Toretto, Paul Walker l’agente dell’FBI infiltrato Brian O’Conner, mentre il parco macchine e il “parco donne” rimane invariato, sugli scudi la Dodge Charger del 1970 e Jordan Brewster in coppia con la diva dell’action movie Michelle Rodriguez.

Costretti ad affrontare lo stesso nemico, Dom e Brian dovranno puntellare i loro ruoli in una nuova collaudata alleanza, al fine di ottenere ciascuno l’obiettivo ambito. Per essere un sequel “Fast & Furious– solo parti originali” è azione allo stato puro, un film, senza pretese di magnificenza, degno esemplare del genere adrenalinico, che prosegue perfettamente quello che è l’idea di velocità e furia voluta dagli autori.

Dopo il Giappone la saga approda negli States e Justin Lin si conferma regista capace, posizionando l’occhio della telecamera sul cofano e riprendendo l’azione come se guidasse un videogioco o riprendesse “Speed Racer”, alternando sapientemente momenti di pathos (come il folgorante inizio che da solo vale il prezzo del biglietto), a momenti più fisici ed emotivi, ben innestati nella sceneggiatura.

Niente cambio sequenziale, solo una raffica di accelerazioni e drift che contraddistinguono gli inseguimenti da film e le corse fuorilegge nelle highway made in USA. Tra Messico, Repubblica Dominicana e Los Angeles, la troupe si è mossa molto e la Universal, la casa di produzione, non ha badato a spese per portare sullo schermo la vita sfrenata delle gang da strada.

Un plot incentrato sul conflitto tra legge e cartelli della droga, in cui i protagonisti s’inseriscono sfrecciando sulle loro auto a nitrogeno, per inseguire il loro personalissimo concetto di giustizia. Così facendo regalano allo spettatore quell’iniezione di energia necessaria a rimanere incollati sulla poltrona, mentre si stringe il bracciolo cercando di cambiare marcia al bolide di turno, che sia una Nissan Skyline GTR o una Plymouth Roadrunner del ’70 non fa molta differenza. Altro che cinema in 3D, questa è vera simulazione di gara.

Simone Bracci

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *