Diabolik – Ginko all’attacco!: presentato alla stampa il secondo capitolo diretto dai Manetti Bros

Diabolik – Ginko all’attacco!: presentato alla stampa il secondo capitolo diretto dai Manetti Bros

Attesissimo da tutti è arrivato il seguito di “Diabolik”. In “Diabolik – Ginko all’attaccoLuca Marinelli, protagonista del primo film, ha passato il testimone a Giacomo Gianniotti, attore italiano naturalizzato canadese noto al grande pubblico internazionale per la sua partecipazione a “Grey’s Anatomy”.

Diabolik – Ginko all’attacco!: i Manetti Bros tornano all’azione con il criminale dagli occhi di ghiaccio

Diabolik - Ginko all'attacco conf

Presente in conferenza stampa Giacomo Gianniotti e l’altra new entry Monica Bellucci insieme ai registi, a Miriam Leone (Eva Kant) e Valerio Mastandrea (ispettore Ginko) acerrimo nemico di Diabolik, per una volta all’attacco e non in difesa. Infatti, in “Diabolik – Ginko all’attacco” è lui a fare le trappole per prendere il criminale ed entra nella storia (solo nel film e non nel fumetto originale) la bella e sofisticata Altea interpretata da Monica Bellucci. Tutto il cast, con Paolo del Brocco, ha risposto alle domande dei tanti giornalisti presenti.

Non un sequel ma un altro film con un personaggio universale che ha segnato l’immaginario collettivo

I registi hanno precisato a inizio conferenza che non si tratta di un sequel ma di un’opera a parte. Del resto, hanno continuato, Diabolik come James Bond è un simbolo.

In questo film è stato inserito il personaggio di Altea nobildonna legata a Ginko e presente in molte storie delle sorelle Giussani, ma non in quella da cui prende la narrazione. La ragione? Enfatizzare il personaggio di Ginko, qui al centro della storia come non mai.

Monica Bellucci, bellissima come sempre, ha raccontato come ha dato vita al personaggio che interpreta. Parla con un accento dell’est per avere un tocco esotico ed è una donna che ha tutto, tranne l’uomo che ama, ossessionato dal suo lavoro. Ridendo, l’attrice ha aggiunto che il primo giorno della lavorazione, lei e Mastandrea si sono baciati continuamente. Quando i fratelli Manetti l’hanno chiamata, le è sembrato che un sogno diventasse realtà, perché conosceva e amava molto il fumetto, che aveva donne fuori del comune per l’epoca.

Giannotti un Diabolik convincente

La parola è poi passata a Gianniotti, che se l’è cavata molto bene nei panni di Diabolik. Quello di Luca Marinelli era glaciale, il suo è invece un uomo che ha imparato ad amare.

Eva Kant è diventata una ragione di vita oltre ai gioielli e alle ricchezze di prima. Miriam Leone, oramai Eva Kant per tutti, ha ringraziato sia i Manetti Bros che le sorelle Giussani, che hanno dato vita al suo personaggio, una donna forte per l’epoca e all’avanguardia. Prima di ricevere un regalo da un suo ammiratore in diretta, ha raccontato le difficoltà provate per girare le scene d’azione con gli stivali di vernice lucida con i tacchi che facevano parte del suo guardaroba. Ha chiuso l’incontro Valerio Mastandrea, che ha parlato del backstage e del clima durante le riprese. A quando pare si sono divertiti tutti moltissimo e sono diventati una vera famiglia. “Diabolik – Ginko all’attacco” arriva nelle sale il 17 novembre con più di 400 copie.

Ivana Faranda

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.