Burlesque

Burlesque - Recensione: una burla cinematografica che ricalca troppo da vicino altri film dello stesso genere allo scopo di sbancare ai botteghini

Burlesque 1
La ricetta per un nuovo genere di film? Ci viene data proprio da "Burlesque", i cui gli ingredienti sono: una buona dose di “Le ragazze del Coyote Ugly”, un quarto di “Chicago”, uno spicchio di “Cabaret” e una spruzzata di “Moulin Rouge”. Mescolate il tutto e versatelo in uno sdolcinato bicchiere color rosa da cocktail, otterrete: “Burlesque”, o meglio, il film che si potrebbe definire, appunto, con un nuovo termine: un non-original-movie.

Il regista Steve Antin non ha voluto correre il rischio di inserire qualcosa di suo, di personalizzare la pellicola affidandosi ad una sceneggiatura accattivante, una regia dinamica, ma ha preferito andare sul sicuro e cercare di tenersi sulla falsa riga di lavori dal discreto successo, per cercare di sbancare i botteghini e, aimè, sarà proprio questo il risultato.

Burlesque, tanti luoghi comuni  e niente di nuovo

In "Burlesque" luoghi comuni ci sono tutti, la povera ragazza di campagna che decide di emanciparsi e rincorrere il suo sogno, partendo alla ribalta delle grandi luci di Los Angeles e, disillusa in un primo approccio cittadino, si ritrova scaraventata in un night club dove tutto è affascinante e luccicante. Deve assolutamente farne parte, e così sarà, con tanto di benedizione da parte della regina madre. Devo aggiungere altro? Ah si, la storia d’amore, complicata, dolce, melodrammatica e a lieto fine.

La pellicola è infinitamente lunga, e non riesce a sorprendere mai, va bene il sogno americano, va bene non darsi per vinte, ma l’appeal di questa storia non arriva mai, lasciando lo spettatore ansioso della sua infinita fine.

Burlesque: un cast al di sotto delle proprie possibilità

Christina Aguilera, (che viene salvata dalla sua voce) al debutto cinematografico ha pensato che, per affiancare la titanica Cher in "Burlesque", avesse bisogno anche lei di un ritocco non molto naturale, sbagliando ovviamente. La regina madre Cher ha pensato che, per condividere il set con una donzella di indecifrati anni in meno di lei (perché nessuno sa realmente quanti anni abbia Cher, neanche Cher stessa) avesse bisogno di un tagliando, sbagliando anch’essa.

Stanley Tucci, dopo aver ricevuto diverse nomination per il suo personaggio in “Amabili resti”, ha creduto fosse troppo e ha deciso di tornare allo stereotipo gay de “Il diavolo veste Prada”... peccato non ci sia traccia di Meryl Streep qui, anche se, conoscendola, potrebbe indossare un bustino di piume di struzzo con immensa disinvoltura. Ma se tutti hanno sbagliato qualcosa, non ci sarà qualcosa che non và?

Sonia Serafini

  • Regia: Steve Antin
  • Cast: Cher, Christina Aguilera, Eric Dane, Cam Gigandet, Julianne Hough, Alan Cumming, Peter Gallagher, Kristen Bell, Stanley Tucci, Tanee McCall, David Walton, Black Thomas, Wendy Benson-Landes, Blair Redford, Katerina Mikailenko, Tisha French, Stephen Lee, Tyne Stecklein, Anastasia Soaresh, Chelsea Traille, Sarah Mitchell, Baldeep Singh, Kesia Elwin, Elise Jackson, Paula Van Oppen, Michelle Maniscalco, Jennifer Barbosa, Aline Bui, Catherine Natale, Matt McAbee, Bryan Dodds, Chris Minori, Aimiomode Anetor
  • Genere: Musicale, colore
  • Durata: 116 minuti
  • Produzione: Australia, 2010
  • Distribuzione: Sony Pictures
  • Data di uscita: 11 febbraio 2010

burlesqueIl film, ispirato al famoso “Cabaret” di Bob Fosse, vede il debutto cinematografico di Christina Aguilera, che interpreta la parte di Ali, giovane ragazza di provincia dalla voce fantastica. Ali si trasferisce a Los Angeles per fare la cantante.

Per sopravvivere, inizierà a lavorare come cameriera presso il "Burlesque Lounge", dove la proprietaria Tess (Cher), la prenderà sotto la sua ala protettrice.

Nel locale si esibiscono giovani ballerine dagli stravaganti abiti e, con il passare del tempo, anche Ali desidererà calcare il palcoscenico del club come ballerina.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *