Bo Derek

Nelle vene dell'attrice statunitense Bo Derek, scorre il sangue italiano, ma anche quello tedesco e olandese; interprete di alcuni dei lavori più interessanti della cinematografia anni '70, la sua bellezza travolgente e il suo fascino resteranno impressi nella storia della cinematografia internazionale, a dispetto di doti recitative che l'attrice non ha, purtroppo, mai avuto.

Bo Derek: bella Jane, cattiva attrice

(Long Beach, 20 novembre 1956)

Bo Derek bioMary Cathleen Collins, meglio nota come Bo Derek, nasce il 20 novembre del 1956 a Long Beach, ma nelle sue vene scorre sangue irlandese, tedesco e olandese.

Esordisce al cinema con “C’era una volta un amore” (1974) diretto da John Derek, regista, attore, fotografo dal quale prenderà il nome, ed ex marito di Ursula Andress e di Linda Evans. Già con il suo film d’esordio Mary mostra quanto le sue capacità attoriali siano scarse; purtroppo non miglioreranno nel tempo, tanto che nel 1990 riceverà il Razzie Award del decennio come Peggior Attrice degli anni Ottanta.

Icona sexy della cinematografia anni '70 e '80

Nel 1977 interpreta una ragazza che perde una gamba nel film “L’orca assassina” di Michael Anderson, ma è con “10” (1979) di Blake Edwards, nel quale figura anche come produttrice, che diventa un’icona sexy recitando accanto a Dudley Moore e Julie Andrews, la cui bravura non fa altro che ridurre ancor di più la Derek a splendida bambola, totalmente priva di talento.

Dopo una piccola parte nel pessimo “In amore si cambia” (1980) di Richard Lang, viene nuovamente diretta dal marito nel ruolo di una splendida Jane in “Tarzan, l’uomo scimmia”, inutile e mal riuscito lavoro sul famoso personaggio, il cui unico pregio è quello di mettere in risalto la bellezza dell’attrice, ma che purtroppo ancora una volta fa si che la critica noti la sua cattiva recitazione. Per l’occasione Bo Derek ottiene nel 1981 il Razzie Award come Peggior Attrice dell’anno.

Peggior attrice dei suoi anni, Bo Derek fa incetta di Razzie Award

John Derek riprova a lanciarla nel 1984 con “Bolero Extasy”, storia di un’ereditiera degli anni Venti che potrà ricevere il suo patrimonio solo se manterrà la verginità fino alla laurea. I produttori sono talmente seccati dallo scarso professionismo di Mary – che ottiene un nuovo Razzie Award – da pensare di sostituirla con una controfigura.

Dopo sei anni d’assenza dai set cinematografici la Derek torna a recitare, ricevendo l’ennesimo Razzie Award nel 1991, ancora diretta dal marito in “I fantasmi non possono farlo” (1990), in cui si innamora – come nella realtà – di un uomo più grande di lei di trent’anni, interpretato da Anthony Quinn.

Nel 1992 viene ammirata in Italia grazie a Carlo Vanzina che la dirige nella commedia “Sognando la California” e recita in “Hot Chocolate” dove, forse, nel ruolo di un’imprenditrice che si arricchisce acquistando aziende in crisi, regala al suo pubblico, che fino ad allora l’ha apprezzata solo per le sue virtù fisiche, la sua interpretazione migliore.

Il parziale allontanamento dal cinema, un mondo che non l'ha mai veramente accolta

Dopo “Tommy Boy” (1995) si allontana dal cinema soprattutto a causa della morte del marito, colto da infarto nel 1998.

Successivamente appare in televisione in un episodio della serie tv “La regina di spade” (2000) e nella pellicola “Il maestro cambiafaccio” (2002), dove interpreta se stessa. Nel 2002 pubblica la sua biografia dal bizzarro titolo: "Lezioni di galoppo, tutto quello che ho imparato nella vita l'ho appreso dai cavalli", mentre l’anno seguente lavora in “Malibu's Most Wanted”, oltre a esordire come sceneggiatrice del telefilm “Donne complicate”.

Nel 2002 inizia una relazione con l'attore John Corbett con il quale vive in California.

Nel 2004 recita nel film tv “Crusader - L'informatore”, mentre nel 2012 torna a interpretare se stessa in una puntata della serie tv “Chuck”, oltre a prendere parte a una puntata dell’ultima stagione di “CSI”.

Giuliano Vizzaccaro

Bo Derek Filmografia - Cinema e Tv

Bo Derek b/n

  • L’orca assassina, regia di Michael Anderson (1977)
  • 10, regia di genere Blake Edwards (1979)
  • In amore si cambia, regia di Richard Lang (1980)
  • Tarzan, l’uomo scimmia, regia di John Derek (1981)
  • Bolero Extasy, regia di John Derek (1984)
  • I fantasmi non possono farlo, regia di John Derek (1990)
  • Hot Chocolate, regia di Josée Dayan (1992)
  • Sognando la California, regia di Carlo Vanzina (1992)
  • Seduzione mortale, regia di Robert Ginty (1993)
  • Tommy Boy, regia di Peter Segal (1995)
  • Malibu’s Most Wanted, regia di John Whitesell (2003)
  • Crusader – L’informatore, regia di Bryan Goeres (2004)
  • Chuck (Serie tv, episodio 5×10) (2012)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *