Billy Elliot – Recensione

Billy Elliot: quando la passione supera ogni pregiudizio

Regia: Stephen Daldry – Cast: Julie Walters, Jamie Bell, Gary Lewis, Jamie Draven, Kulie Walters, Jean Heywood – Genere: Commedia, colore, 110 minuti – Produzione: Gran Bretagna, Francia 2000 – Distribuzione: UIP – Data di uscita: 23 febbraio 2001.

billy_elliotUn vero e proprio successo “Billy Elliot”, opera prima di Stephen Daldry, candidato all’Oscar per la Migliore Regia, per la Migliore Attrice non Protagonista, Julie Walters (nei panni dell’insegnate di danza Miss Walters) e per la Migliore Sceneggiatura originale realizzata da Lee Hall.

Il film è ambientato nell’Inghilterra del 1984, durante lo sciopero dei minatori inglesi a causa della chiusura delle miniere perseguita dal primo ministro Thatcher. Billy Elliot, un ragazzino di 11 anni, vive insieme alla sua famiglia in una situazione economica e familiare molto difficile: il fratello maggiore è attivista sindacale e minatore; il padre, anch’esso minatore, non ha ancora elaborato il lutto per la perdita della moglie, deceduta poco tempo prima; Billy deve badare alla nonna affetta da una forma precoce di Alzheimer e i soldi bastano appena per procurarsi i beni di prima necessità. Inoltre Billy è costretto dal padre a frequentare un corso di boxe finendo per prendere più pugni di quanti riesca a darne. Nel momento in cui il proprietario della palestra decide di affittare una parte dell’ampio locale a una scuola di danza, Billy si mostra attratto dalla disciplina e scopre, con l’aiuto della sua insegnante di avere un grande talento. Inevitabili gli scontri con il padre, che all’inizio non accetta questa insana passione del figlio, ma finirà col rimanerne entusiasta per la bravura e la caparbietà del figlio intenzionato a lottare per ciò che lo rende felice.

Definito dalla rivista Total Film come il 39esimo miglior film inglese di tutti i tempi, “Billy Elliot” è un’opera affascinante, che funziona sotto molti punti di vista, accontentando lo spettatore in cerca di una bella storia, che diverta e commuova: accanto all’Inghilterra cupa, triste e bigotta vengono rappresentati anche elementi ironici e spiritosi.

La colonna sonora, piena di successi del passato, contribuisce alla buona riuscita estetica del film.

L’attore protagonista, Jamie Bell, è stato scelto per la sua storia, molto simile a quella del personaggio che interpreta: anche lui come Billy ha dovuto lottare contro il pregiudizio della gente per affermarsi nel mondo della danza.

Grande spicco è dato dall’interpretazione di Julie Walters che in questa pellicola è riuscita a mettere insieme la freddezza e il cinismo tipico del mondo del balletto, unito ad un sorprendente affetto materno mostrato nei confronti del ragazzo. Dato il grande successo, dal 2005 il film è diventato anche un musical messo in scena per la prima volta a Londra e realizzato con le musiche composte da Elton John.

Silvia Caputi

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *