A Lady in Paris – Recensione

Due donne estoni costrette a vivere insieme saranno l’una la salvezza dell’altra sullo sfondo di una magica Parigi

(Une Estonienne à Paris) Regia: Ilmar Raag – Cast: Jeanne Moreau, Ita Ever, Patrick Pineau, Corentin Lobet, Laine Mägi – Genere: Drammatico, colore, 94 minuti – Produzione: Francia, Belgio, Estonia, 2012 – Distribuzione: Officine Ubu – Data di uscita: 16 maggio 2013.

a-lady-in-paris-locNonostante il deviante titolo italiano, “A Lady in Paris” non ha per protagonista una donna inglese nella capitale francese, bensì un’estone a Parigi, proprio come riassunto nel titolo originale “Une Estonienne à Paris”.

La donna in questione potrebbe essere Anne che lascia la sua casa in Estonia, dopo la morte della madre; ma anche Frida l’anziana connazionale da anni emigrata a Parigi che Anne dovrà accudire. Entrambi i personaggi risultano estremamente affascinanti, si ha voglia di scoprirli, conoscerli più a fondo, sapere maggiormente delle loro vite; eppure a visione conclusa tante domande restano aperte e si può solo cercare di immaginare le esperienze passate che hanno formato queste donne, totalmente opposte. Anne è timida, mesta, umile, coraggiosa, capace di tirar fuori le unghie; Frida è passionale, ostinata, testarda, egocentrica, ma in fondo anche sola, malinconica ed affettuosa.

È una Parigi grigia e fredda quanto ammaliante quella che Ilmar Raag sceglie perché sia non solo sfondo, ma vera e propria protagonista del suo film. Per le due donne di “A Lady in Paris” l’incantevole capitale francese è un’amica che accompagna le loro passeggiate solitarie, un’occasione per cambiare il proprio destino, l’incarnazione della libertà e della vita stessa. Non poteva esistere un altro luogo in cui Anne potesse capire chi è veramente e chi vuole diventare; né città migliore in cui Frida potesse cercare l’amore, a costo di rinnegare le sue origini.

“A Lady in Paris” è un film sulla ricerca di se stessi e sull’importanza che a volte l’allontanamento da casa, dalle persone che si amano e il contatto invece con dei perfetti sconosciuti può avere per capire chi siamo.

Nonostante la pellicola tocchi spesso il dramma e il dolore, Ilmar Raag non vi ci sofferma mai, preferisce accennarlo e lasciare allo spettatore il compito di completare un discorso interrotto, uno sguardo sfuggente, una foto in bianco e nero. È sicuramente una scelta raffinata, ma anche rischiosa perché può finire per rendere piatto il film e annoiare lo spettatore.

Certo a rimediare qua e là ci pensa la carismatica Jeanne Moreau nel ruolo di Frida che con le sue osservazioni cattive, ma fuori luogo e paradossali, riesce sempre a strappare un sorriso. Perfettamente nel ruolo anche Laine Magi, un’Anne tanto marcata dal dolore quando pensa alla sua vita quanto trasognante davanti alle vetrine di Parigi.

Corinna Spirito

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *