2012 (2009)

2012 - Recensione: un fantasmagorico susseguirsi di immagini e cliché che tuttavia non tolgono il piacere della visione

2012

"2012" è la classica pellicola di genere, nello specifico quello catastrofico, dove non si è lesinato sui costi. La macchina degli effetti speciali ha svolto il suo compito egregiamente.

Il film è un fantasmagorico susseguirsi di immagini prodigiose che descrivono le disastrose calamità che potrebbero distruggere il nostro pianeta. L’idea di fondo è quella che il 21 novembre 2012, secondo il calendario Maya, il mondo come oggi lo conosciamo finirà. La pellicola racchiude in sé tutto ciò che abbiamo visto in racconti cinematografici di questo tipo.

Sicuramente la visione, nonostante la durata sia eccessiva, è piacevole, il problema è che le vicende umane, che dovrebbero fare da collante agli effetti visivi, dando al prodotto anche una valenza morale, non sono di grande spessore.

I luoghi comuni sono tanti, un maggiore sforzo nella stesura dei dialoghi avrebbe dato ai personaggi quell’intensità che avrebbe reso più gradevoli i soliti cliché. L’interpretazione di John Cusack è deliziosa, ma perché deve per forza essere un padre separato che vede i figli meno di quanto vorrebbe, con una ex moglie che ancora ama, legata ora ad uomo con un maggior successo professionale del suo?

C’è un vero abuso di modelli supersfruttati. Per una volta l’uomo comune che diventa eroe non può voler portare in salvo la sua famiglia non problematica, o i suoi nipoti, o i vicini di casa? Quando poi ci si avventura in messaggi morali di natura universale, quali ad esempio che solo uniti possiamo salvarci, che il futuro di una civiltà dipende da quanto sappiamo rinunciare al nostro egoismo per aprirci agli altri, le vicende sono veramente banalizzanti. Rimane comunque un film da vedere, non solo per gli effetti speciali ma anche per l’epicità della narrazione.

Maria Grazia Bosu

2012 - locandina italiana

Nell'anno 2012, che segna nel calendario Maya la fine del mondo, una serie di cataclismi colpiscono la Terra costringendo un gruppo di eroici superstiti a una dura lotta per la sopravvivenza.

2012: tra critica negativa e buoni incassi

"2012", distribuito da Sony Pictures, ha incassato al Box Office in Italia oltre 14,3 milioni di euro (di cui 5,1 milioni soltanto nel primo weekend) nelle prime 5 settimane in sala.

Il film ha, tuttavia, riscontrato parecchie critiche negative tra il pubblico, a causa di una sceneggiatura definita troppo povera rispetto alla durata di oltre due ore e mezza. Nonostante questo, "2012" ha ricevuto ai Satellite Awards del 2009 il premio per Miglior sonoro e quello per Migliori effetti visivi. 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *