Il Trono di Spade: arriviamo preparati all’ultima stagione

Il primo episodio dell’ottava stagione del “Trono di spade” andrà in onda sul canale HBO il 14 aprile, quando in Italia saranno le tre del mattino. Sky trasmetterà la puntata in diretta, per poi replicarla in prima serata la sera del giorno dopo. Per arrivare preparati, proviamo a riordinare le idee sulle tante storyline che questa stagione, l’ultima, dovrà portare a termine.

Il Trono di Spade: una serie che ha cambiato la storia della tv
Immagine GOT

Prima di addentrarci ad analizzare tutto quello che sappiamo sulla nuova stagione, facciamo un passo indietro per capire l’impatto che questa serie ha avuto sul mondo della televisione. Era il 17 aprile 2011, e grazie ai successi attribuiti dalla critica ad opere come “Mad Men” o “Breaking Bad”, si iniziava a parlare di seconda golden age per il medium televisivo. La possibilità di raccontare una storia, sfruttando ben più delle due ore messe a disposizione dai lungometraggi al cinema aveva permesso ad autori abili di imbastire trame sempre più complesse e soddisfacenti.

Il fantasy, genere che ha sempre avuto con l’opinione pubblica un rapporto discontinuo, spesso è stato relegato, ingiustamente, a intrattenimento di seconda categoria, per persone con tanto tempo libero. Data la possibile difficoltà di adattamento, pochi sono stati i tentativi di portare su schermi di qualsiasi dimensione opere tratte dai capolavori del genere. L’unica ovvia e palese eccezione a questa regola è ovviamente “Il Signore degli Anelli” che coi suoi oltre 11 oscar vinti ha conquistato pubblico e critica, aprendo una breccia nell’immaginario collettivo.

É in questo panorama florido ma incerto che la HBO decide di scommettere sulla trasposizione dei libri di George R. R. Martin, “Cronache del ghiaccio e del fuoco”, saga letteraria a capitoli pubblicata a partire dal 1991. L’operazione si dimostra fin da subito un successo e il canale crea un vero e proprio fenomeno mediatico, settando un nuovo standard produttivo per il genere fantasy e televisivo. Ed eccoci qui, ad otto anni di distanza, ad attendere tutti impazienti la conclusione della storia.

Il trono di Spade: cosa aspettarci dalla nuova stagione

Got Still

Come già detto, molte sono le trame che gli autori dovranno portare a conclusione nelle ultime sei puntate di quest’ultima ottava stagione. Gli episodi, che avranno una durata che va dai 52 minuti della prima puntata agli oltre 80 del finale di stagione, hanno potuto contare su un budget da vera e propria produzione cinematografica.

Dove avevamo lasciato i nostri eroi?

L’ultimo episodio della settima stagione si era chiuso con una scena attesa e temuta da molti, gli Estranei, capitanati dal Night King, riescono a distruggere la barriera, superando l’ultimo ostacolo che fermava il loro accesso a Westeros. Il tutto è stato possibile grazie ad uno dei draghi di Daenerys, ferito dal nemico e diventato a tutti gli effetti un “Drago zombie“, suo è infatti il fuoco (blu) che abbatte la barriera.

La madre dei draghi intanto è occupata con Jon Snow e, non sapendo di essere sua zia, si intrattiene sessualmente con lui. Scopriamo infatti che Jon, il bastardo di casa Stark, in realtà è il figlio legittimo di Lyanna Stark e Rhaegar Targaryen (Questa informazione attualmente è però nota solo al pubblico, e non ai due protagonisti, difficile immaginare le conseguenze di questa scoperta). Il vero problema però è che in questa condizione Jon ha più diritti di Daenerys di rivendicare il trono, visto che è l’erede maschio di Rhaegar, a sua volta primo in linea di successione del re Aerys II. In più è anche uno Stark, una delle famiglie più potenti di Westeros. Sarà molto interessante vedere come questa informazione potrà sconvolgere il loro nuovo equilibrio, d’altronde tra i due è sempre stata lei quella con più aspirazioni politiche.

Sul versante Lannister le cose sono (se possibile) ancora più complicate. L’ultima volta che lo abbiamo visto, Jaime Lannister stava cavalcando verso il nord per aiutare nella battaglia contro gli Estranei dopo che sua sorella Cersei si era rifiutata di collaborare con gli Stark e i Targaryen nella battaglia tra i vivi e i morti. Che finalmente abbia capito una volta per tutte la malvagità che contraddistingue sua sorella?  Sarà sicuramente interessante vedere anche il suo rapporto con suo fratello Tyrion Lannister, ormai consigliere fidato della madre dei draghi.

Arya Stark, finalmente ricongiunta coi suoi fratelli Bran (diventato nel frattempo il corvo a tre occhi) e Sansa, dopo l’uccisione di Ditocorto ha ancora molti nomi da spuntare sulla sua famosa lista, tra cui la Montagna e la stessa Cersei, la cui morte è data quasi per scontata, anche se non si sa per mano di chi.

We know nothing

Questa la situazione dei personaggi principali, ma molte (moltissime) sono le cose che si potrebbero dire sulle altre trame da concludere. Era chiaro da tempo che il gioco per il trono di spade sarebbe passato in “secondo piano” a causa dell’arrivo di un nemico esterno come gli Estranei, resta da capire solo come si svolgerà la vicenda (e chi morirà).

Pochissime sono le informazioni disponibili sull’ottava stagione che, sfruttando una campagna pubblicitaria molto simile a quella di “Avengers: Endgame“, ha preferito mostrare davvero poche delle sue carte, giocando molto sull’aspettativa e sull’hype. L’attesa per scoprire chi finirà sul trono di spade e come si concluderà la grande guerra contro gli Estranei è stata lunga e piena di dubbi e teorie, ma ormai è giunta quasi al termine! Noi non vediamo l’ora, e voi?

Federico Renis

14/04/2019

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *